20 mag 2012 - 17:33

Abbiamo contattato Magal, nostra collaboratrice, per avere una sua testimonianza del terremoto. “Ho avuto veramente paura”, ci ha detto la studentessa ticinese a Bologna, che è stata svegliata nel sonno.


Tu stavi dormendo quando è arrivato il terremoto?
Sì, stavo dormendo più o meno da una mezz’oretta. Sto studiando per un esame, per cui sono andata a dormire piuttosto tardi.

E il terremoto ti ha svegliata?
Sì, erano da poco passate le 4 del mattino. In realtà non ho subito realizzato. Il letto ha cominciato a tremare, poi ha iniziato a tremare più forte. C’era un rumore incredibile, tapparelle che sbattevano forte forte. La prima cosa che ho pensato è che c’erano dei ladri. Poi ho visto tremare il lampadario e tutto tremava. Ero con un amico, l’ho svegliato, anche lui non ha realizzato subito. È durato tantissimo, almeno una ventina di secondi. Il tempo di realizzare. Poi le cose si sono calmate, e abbiamo iniziato a sentire i vicini che uscivano di casa e andavano in strada. Noi non ci siamo mossi dal letto. Una mezz’oretta dopo ne abbiamo sentita un’altra, ma molto leggera, e questo pomeriggio ancora un’altra.

Avete avuto paura?
Io sinceramente non avevo mai vissuto niente di simile. Da noi in Svizzera non ho mai avuto un’esperienza simile. Il tempo di realizzare e… sì, ho avuto veramente paura. Per fortuna poi è finita. Abbiamo iniziato a vedere le prime informazioni che giungevano dal Ferrarese e dal Modenese, e abbiamo realizzato che siamo stati abbastanza fortunati. Anche perché l’edificio ha retto, poteva veramente succedere il peggio.

Oggi dicevi ci sono ancora state delle scosse?
Questa mattina non abbiamo sentito niente, circa un’ora fa (verso le 15h15, ndr.) c’è stata ancora una scossa durata qualche secondo, ma niente in confronto a quella di questa notte. Essere svegliati da un terremoto è diverso rispetto ad un terremoto da svegli.