14 ago 2010 - 19:47

Proseguono le inchieste a carico del dipendente dello Stato accusato pedofilia.

Come riferito nell’edizione odierna de Il Quotidiano, sarebbero almeno una decina le vittime accertate del pedofilo bellinzonese. Lo ricordiamo, si tratta di un cinquantenne che abita in un Comune del Belinzonese, lavora a Locarno alle dipendenze del Cantone ed era monitore G+S (dunque a contatto con moltissimi giovani), che negli scorsi giorni è stato arrestato a seguito della denuncia di un giovane da poco maggiorenne.
Intanto gli inquirenti hanno indetto una serata informativa con i genitori dei figli entrati in contatto con l’uomo nel suo Comune di domicilio. Sembrerebbe che fossero presenti almeno 150 persone, a testimonianza dell’apprensione che il caso ha suscitato. Gli inquirenti nei prossimi giorni si metteranno in contatto anche con i genitori che non abitano più nel Comune in questione.