28 mar 2011 - 21:01

La Corte costituzionale kosovara stabilisce che l’elezione del “ticinese” a presidente del Kosovo non è stata regolare.


Incostituzionale. È il verdetto della Corte costituzionale del Kosovo, che ha sancito che l’elezione a presidente di Behgjet Pacolli, lo scorso 22 febbraio, non è valida. Ad essere contestata è la procedura di elezione, ha indicato la corte, espressasi su un ricorso inoltrato dall’opposizione, che denunciava irregolarità nel voto. Cosa implichi ora la decisione della Corte costituzionale tuttavia non è ancora chiaro. Pacolli potrebbe doversi dimettere e nuove elezioni potrebbero dover venire convocate.