Il Governo, "la colpa dello smog non è della Lombardia"
In risposta a Ferrari, il Consiglio di Stato ritiene che le immissioni inquinanti provenienti dall'Italia non siano determinanti, e preferisce concentrare gli sforzi sul Ticino
Mendrisiotto
BELLINZONA – Lo smog non proviene dalla Lombardia, o quanto meno non principalmente. Lo ha affermato il Governo in risposta a un’interrogazione dell’indipendente Cleto Ferrari.

Come si ricorderà, Claudio Zali aveva attivato delle misure speciali durante alcuni giorni in cui i valori erano elevati in modo particolare, poi la pioggia aveva contribuito ad abbassarli, sebbene il Consiglio di Stato si sia detto convinto dell’efficacia dei provvedimenti. In molti avevano additato l’inquinamento proveniente dalla Lombardia come la causa principale dello smog, il Governo smentisce.

Per prima cosa, spiega che è “indubbio che le emissioni derivanti dalle attività antropiche nelle regioni italiane che confinano con il nostro Cantone siano più elevate che da noi”, quanto meno per una mera questione di numeri. Ma “non  è corretto motivare i superamenti dei valori limite d’immissione degli inquinanti rilevati nel Mendrisiotto e nel Sottoceneri con la sola vicinanza con la Lombardia”.

Ferrari chiedeva che negli accordi con l’Italia in ambito di ristorni fosse inserito anche un accordo programmatico e vincolante relativo alla lotta alle polveri fini in Lombardia: il Governo anche qui ha detto di trovare conforme il sistema di combattere lo smog lombardo, e di preferire concentrarsi, a livello di forze ed anche finanziariamente, contro lo smog atmosferico in Ticino.


Pubblicato il 18.04.2017 20:00

Guarda anche

Mendrisiotto
L'idea parte dal presidente distrettuale del partito liberale, Alberto Valli, che ha già parlato con il sindaco di Chiasso e con diversi municipali della zona. "Probabilmente farò scrivere una lettera ai deputati momò. I problemi ai treni nascono dalla partnership con la Lombardia, perchè portarli a riparare a Castione?"
Mendrisiotto
L'uomo era entrato nel negozio con il viso scoperto e poi con la refurtiva era fuggito verso il confine. È stato fermato nel corso di un controllo delle Guardie di Confine due giorni fa mentre si trovava su un bus in entrata in Svizzera al valico di Chiasso Brogeda
Mendrisiotto
Forse per un errore del navigatore, ha percorso un tratto di strada pedonale e poi, cercando di sterzare dove è impossibile, è rimasta ferma tra un muro e una piccola scala. Gli agenti della Polizia stanno cercando di capire come può intervenire il carro attrezzi senza eccessivi danni GUARDA LE FOTO
Mendrisiotto
La disavventura è accaduta a un 39enne domiciliato nel Mendrisiotto, che attorno alle 2.20 di questa notte stava andando da Morbio Superiore verso Caneggio. I soccorritori del SAM lo hanno soccorso e portato in ospedale