Quadri, "noi primo partito perché ci opponiamo a Schengen". Gaffuri: "Lega Nord da sempre genuflessa alla Lega dei Ticinesi"
Anche La Stampa si è occupata del caso delle dogane chiuse, rilevando una differenza di politica fra Berna e Bellinzona, confermata dai due politici
Estero

LUGANO – “Il confine dei dispetti”, lo chiama La Stampa. Anche il prestigioso giornale italiano, dopo numerose trasmissioni televisive e radiofoniche, si è chinato sul momento di tensione fra Italia e Ticino: “un crescendo di dispetti e ripicche”, si legge.

Il tema? Ancora una volta, la chiusura delle tre dogane secondarie durante la notte.

Al di là delle solite affermazioni, l’articolo sottolinea una differenza di politica tra il Governo cantonale e quello federale. D’accordo è anche Lorenzo Quadri, che ha dichiarato: “se la Lega in Ticino è il primo partito, è perché si è sempre opposta a Schengen”. E a Berna, invece? “Lì per difendere l’industria  e uscire dalla black list ha sacrificato le banche, facendo perdere al Ticino migliaia di posti di lavoro”.
Poi accusa i politici italiani di non conoscere molti dei dossier aperti con il nostro paese, o almeno di fingere di non esserne a conoscenza.

Una conferma della tesi della diversità di veduta fra Ticino e Confederazione arriva anche da Luca Gaffuri, consigliere regionale lombardo per il PD e segretario della Commissione per i rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica. Il quale attacca anche la Lega Nord. “Si sa che essa è sempre genuflessa davanti a quella dei Ticinesi. Il punto è a che a Berna hanno capito che il mondo è cambiato, a Bellinzona no”.


Pubblicato il 18.04.2017 16:00

Guarda anche

Estero
Il Mattino ritorna attaccando la nuova linea ferroviaria. Zali smorza i toni chiedendo tempo, mentre Caverzasio e Robbiani attaccano "collegamenti soppressi e ritardi, inconcepibile. Difficile far peggio". Tutti citano i Park and Rail, sarebbero realmente la soluzione?
Estero
I giovani UDC hanno risposto con parole poco carine (per usare un eufemismo) alla petizione della GISO, attaccando Tamara Funiciello. Oggi il presidente degli Stati Uniti è tuonato contro Haiti, El Salvador e alcuni paesi africani. Insomma, quando parla il Tycoon o si parla di lui, il linguaggio cambia...
Estero
"Rappresenta sessismo, xenofobia, preclusione, negazione dei cambiamenti climatici e politiche economiche arretrate, è una minaccia per il progresso, per la sicurezza e per l'ambiente", si legge in una petizione oline che vorrebbe chiedere al Consiglio Federale di non farlo partecipare al Forum di Davos
Estero
Pochi passeggeri, saliti prevalentemente a Stabio, sulla nuova linea che collega Ticino e Lombardia. Ma qualcosa è andato storto: il convoglio delle 7.07 è partito da Camerlata con 57 minuti di ritardo, quello delle 8.06 da Varese è stato cancellato. Alla TILO sono però soddisfatti