Via Odescalchi, "ci sono problemi sociali, la presenza costante della Polizia sarebbe eccessiva"
Il Comandante della comunale di Chiasso si esprime dopo gli episodi di vandalismo. "Ma ne accadono ovunque, solo che quando c'è di mezzo questa via diventa subito di dominio pubblico"
Mendrisiotto
CHIASSO – Via Odescalchi è sempre al centro delle preoccupazioni dei chiassesi. C’è chi vorrebbe una sorveglianza di Polizia continua, dopo gli incendi. Nei giorni scorsi, sono arrivati anche i vandali, che nella notte tra sabato e domenica hanno tagliato gli pneumatici di una quindicina, quattordici per la precisione, veicoli.

Ma il Comandante della Polizia cittadina, interpellato dal Correre del Ticino, minimizza. “Nonostante l’opinione diffusa, non vi sono particolari problemi di ordine pubblico”. Gli incendi, secondo Nicolas Poncini, sono avvenimenti che nulla hanno a che fare con la presenza o meno delle forze dell’ordine, mentre “i vandalismi sono danneggiamenti come ne avvengono tutte le settimane nel distretto: la differenza è che quando accade in via Odescalchi l’evento diventa subito di dominio pubblico”.

Interessante osservazione, questa. In effetti, spesso sono i cittadini stessi a postare su Facebook foto e commenti quasi in tempo reale su quanto accade nel quartiere, compresi ambulanze e polizia di passaggio. La via, dopo l’omicidio del 35enne portoghese, gli incedi, i fatti di droga, è divenuto simbolicamente il Bronx, un problema per la cittadina. Si è composto un gruppo di lavoro per aiutare a riqualificare la via.

Secondo Poncini, in ogni caso, la presenza costante della Polizia sarebbe eccessiva, dato che comunque gli agenti, anche se non sempre visibili, pattugliano la via. Il Comandante ritiene che più che un problema di ordine pubblico nella zona vi siano “problemi di ordine sociale che andranno risolti con l’aiuto dei servizi sociali e con la collaborazione della autorità”.

Insomma, gli abitanti spesso sono problematici, il quartiere si è man mano degradato negli anni, e la Polizia poco può fare, tranne tener d’occhio eventuali problemi di spaccio di droga.


Pubblicato il 19.04.2017 12:00

Guarda anche

Mendrisiotto
Si tratta di un cittadino albanese residente all'estero e di una cittadina svizzera e un cittadino italiano domiciliati nel Mendrisiotto, arrestati in due distinte operazioni. Sono sospettati di aver spacciato cocaina ed eroina per consumatori locali
Mendrisiotto
A Mendrisio è stata approvata una mozione che farà piantare un albero per ogni nuovo nato. Per Crimaldi "le finanze navigano in cattive acque, con l'attuale livello in sei anni il capitale della città si azzera. No a iniziative puramente ideologiche". Anche se i costi sono contenuti
Mendrisiotto
Le condizioni dell'aria sono peggiorate, con punte di polveri fini molto alte a Mendrisio e Chiasso: il Dipartimento del Territorio entra in azione e inserisce le misure che avevano già fatto discutere mesi fa. Si consiglia anche di usare i mezzi pubblici in alternativa all'auto
Mendrisiotto
Cinzia Frei ha scritto il suo lavoro di laurea magistrale sul tema. "È difficile trovare qualcosa, gli studi sono datati, e la povertà statisticamente è divisa: non ho dunque cifre certe. Ma essa non è più solo mancanza di soldi. Nelle grandi città, è più facile chiedere aiuto"