Via Odescalchi, "ci sono problemi sociali, la presenza costante della Polizia sarebbe eccessiva"
Il Comandante della comunale di Chiasso si esprime dopo gli episodi di vandalismo. "Ma ne accadono ovunque, solo che quando c'è di mezzo questa via diventa subito di dominio pubblico"
Mendrisiotto
CHIASSO – Via Odescalchi è sempre al centro delle preoccupazioni dei chiassesi. C’è chi vorrebbe una sorveglianza di Polizia continua, dopo gli incendi. Nei giorni scorsi, sono arrivati anche i vandali, che nella notte tra sabato e domenica hanno tagliato gli pneumatici di una quindicina, quattordici per la precisione, veicoli.

Ma il Comandante della Polizia cittadina, interpellato dal Correre del Ticino, minimizza. “Nonostante l’opinione diffusa, non vi sono particolari problemi di ordine pubblico”. Gli incendi, secondo Nicolas Poncini, sono avvenimenti che nulla hanno a che fare con la presenza o meno delle forze dell’ordine, mentre “i vandalismi sono danneggiamenti come ne avvengono tutte le settimane nel distretto: la differenza è che quando accade in via Odescalchi l’evento diventa subito di dominio pubblico”.

Interessante osservazione, questa. In effetti, spesso sono i cittadini stessi a postare su Facebook foto e commenti quasi in tempo reale su quanto accade nel quartiere, compresi ambulanze e polizia di passaggio. La via, dopo l’omicidio del 35enne portoghese, gli incedi, i fatti di droga, è divenuto simbolicamente il Bronx, un problema per la cittadina. Si è composto un gruppo di lavoro per aiutare a riqualificare la via.

Secondo Poncini, in ogni caso, la presenza costante della Polizia sarebbe eccessiva, dato che comunque gli agenti, anche se non sempre visibili, pattugliano la via. Il Comandante ritiene che più che un problema di ordine pubblico nella zona vi siano “problemi di ordine sociale che andranno risolti con l’aiuto dei servizi sociali e con la collaborazione della autorità”.

Insomma, gli abitanti spesso sono problematici, il quartiere si è man mano degradato negli anni, e la Polizia poco può fare, tranne tener d’occhio eventuali problemi di spaccio di droga.


Pubblicato il 19.04.2017 12:00

Guarda anche

Mendrisiotto
I soldi sono stati stanziati dal Consiglio Federale (unitamente ad altri 10 milioni per Aarau) nell'ambito del programma "Sviluppo futuro dell'infrastruttura ferroviaria", da attuarsi entro il 2025. Si punta a marciapiedi più lunghi e scambi più veloci
Mendrisiotto
Il giudice Amos Pagnamenta ha descritto un uomo che ha ingannato tutti, tenendo nascosti anche probabilmente i suoi sentimenti verso la cognata: per far sì che lei non dicesse di essere stata colpita con una bottiglia e che il loro rapporto finisse, l'ha uccisa. È assassinio e non omicidio intenzionale
Mendrisiotto
Il legale che difende Egli vuole che l'accusa di assassinio divenga di omicidio intenzionale: non ci sarebbe stata mancanza di scrupoli e nemmeno premeditazione. Era andato da lei non per ucciderla ma per vederla e trascorrere del tempo assieme, portandole un regalo, l'unico modo che conosceva
Mendrisiotto
Parole durissime contro Michele Egli, assassino della cognata che lo definiva "una delle cose più belle che ci sono accadute". Il perito psichiatrico parlava dello stress di vedere una persona diversa da quella idealizzata, per l'avvocato "una patologia non giustifica". Nei giorni successivi, tenne relazioni virtuali e guardò un porno