Un austriaco su quattro vorrebbe un nuovo Hitler. La democrazia in Europa sta fallendo?
In dieci anni, quelli che lo vorrebbero sono aumentati del 7%. Cresce leggermente anche l'insoddisfazione verso la democrazia, e viene rivalutato il nazismo
Estero
VIENNA – In Austria, c’è voglia di ritorno al passato, anche ad un passato che certamente non è quello della pagine migliori.

Infatti, i risultati di un sondaggio dell’istituto SORA, dicono che il 23% degli austriaci desidererebbe il ritorno di un Füher stile Hitler, quanto meno di una persona che non debba render conto al Parlamento e non debba passare attraverso le elezioni. A prima vista, insomma, la democrazia pare aver stufato gli austriaci.

Il risultato, per quanto fa riflettere sui fattori che abbiano portato un popolo a esprimersi in questi termini, non è del tutto sorprendente: infatti già dieci anni fa coloro che si dicevano insoddisfatti della democrazia erano il 41%, ora siamo passati al 43%. Coloro che invece ne sono contenti sono scesi dal 44% al 32%. Nel 2007, a volere una persona stile Hitler erano il 14%, con un avanzamento del 7%. Non solamente un uomo solo al comando ma anche un cambiamento di sistema.

A distanza di anni, gli austriaci stanno anche rivalutando il nazismo. Per il 31% esso ha avuto anche dei lati positivi.

Questi dati rappresentano il fallimento dei sistemi di governo europei, oppure il malcontento si limita all’Austria? D’altronde, la crescita delle destre negli anni, anche se in alcune nazioni dopo exitpol favorevoli poi non sono riuscite a prendere il potere, è un altro segnale che va in questa direzione. Probabilmente, il voto francese dirà qualcosa in più.


Pubblicato il 21.04.2017 12:30

Guarda anche

Estero
Il noto youtuber si concentra sulle condizioni delle strade, filmandone una in Provincia di Milano, una principale. I rifiuti ai bordi sono di ogni genere, e lui si indigna, "se fossimo stati a Napoli, lo mostravano a tutti i tg. Non ho più parole, vomitevole". GUARDA IL VIDEO
Estero
Il cantiere che dovrebbe facilitare il transito da Gaggiolo è fermo all'altezza del Baranzello e il sindaco di Arcisate ha fatto sapere che "i lavori sono temporaneamente sospesi" dato che "è emersa la necessità di regolarizzare le autorizzazioni che servono al completamento dell'opera"
Estero
Due giorni dopo il primo torico evento LGTB in Città, il Circolo Partito della famiglia di Seriate, con la collaborazione di altri enti, organizza presso la chiesa del convento dei Frati Cappuccini un'adorazione di riparazione. Angeloni: "si condanna implicitamente chi partecipa al Pride, andando contro le parole del Papa"
Estero
La strada è chiusa da quando, il giorno di Pasqua, una frana è costata la vita a due ticinesi. Si sono riuniti autorità politiche, ANAS e ARPA per parlare della messa in sicurezza temporanea e dei lavori previsti da anni che dovrebbero partire fra un anno. La riapertura aiuterà anche il turismo