Un austriaco su quattro vorrebbe un nuovo Hitler. La democrazia in Europa sta fallendo?
In dieci anni, quelli che lo vorrebbero sono aumentati del 7%. Cresce leggermente anche l'insoddisfazione verso la democrazia, e viene rivalutato il nazismo
Estero
VIENNA – In Austria, c’è voglia di ritorno al passato, anche ad un passato che certamente non è quello della pagine migliori.

Infatti, i risultati di un sondaggio dell’istituto SORA, dicono che il 23% degli austriaci desidererebbe il ritorno di un Füher stile Hitler, quanto meno di una persona che non debba render conto al Parlamento e non debba passare attraverso le elezioni. A prima vista, insomma, la democrazia pare aver stufato gli austriaci.

Il risultato, per quanto fa riflettere sui fattori che abbiano portato un popolo a esprimersi in questi termini, non è del tutto sorprendente: infatti già dieci anni fa coloro che si dicevano insoddisfatti della democrazia erano il 41%, ora siamo passati al 43%. Coloro che invece ne sono contenti sono scesi dal 44% al 32%. Nel 2007, a volere una persona stile Hitler erano il 14%, con un avanzamento del 7%. Non solamente un uomo solo al comando ma anche un cambiamento di sistema.

A distanza di anni, gli austriaci stanno anche rivalutando il nazismo. Per il 31% esso ha avuto anche dei lati positivi.

Questi dati rappresentano il fallimento dei sistemi di governo europei, oppure il malcontento si limita all’Austria? D’altronde, la crescita delle destre negli anni, anche se in alcune nazioni dopo exitpol favorevoli poi non sono riuscite a prendere il potere, è un altro segnale che va in questa direzione. Probabilmente, il voto francese dirà qualcosa in più.


Pubblicato il 21.04.2017 12:30

Guarda anche

Estero
La scossa, di mangnitudo 3,6, si è registrata alle 20.57, causando un black out elettrico e un fuggi fuggi generale di turisti e residenti in strada. "Ho avuto tanta paura, al momento della scossa siamo scesi in strada". Ci sono dispersi e feriti
Estero
Le immagini dell'uomo erano state rese pubbliche questa mattina per la prima volta da El Pais, mentre lasciava le Ramblas a piedi. Prima di morire, avrebbe gridato "Allah è grande" e avrebbe avuto su di sè una cintura esplosiva
Estero
Maurizio Gasparri ha accostato la foto del piccolo Aylan, morto sulle spiagge di Bodrum, con quella di un bambino vittima dell'attentato di Barcellona. Una scelta shock? "Entrambe devono far riflettere", commenta. C'è spazio per il dolore di tragedie più grandi di noi
Estero
Una 21enne, dopo l'attentato di Barcellona, scrive: "il Mondo ha bisogno di noi, del nostro amore. Noi giovani siamo il futuro. Ad Amsterdam ho provato una fottuta, pietrificante paura, ma non era una sensazione mia: apparteneva a loro"