Il mondo dell'alpinismo piange un grande campione: lo svizzero Ueli Steck è morto questa mattina mentre preparava la sua nuova impresa: la traversata Everest-Lhotse Video
Probabilmente l’alpinista, entrato nella storia per la sua scalata sulla parete sud dell’Annapurna nell'ottobre del 2013, è scivolato e caduto, precipitando per circa 1'000 metri. Una tesi che sarebbe confermata dalla testimonianza di alcuni alpinisti che hanno riferito di aver visto una persona cadere dalla montagna
Sport
LUKLA - Il mondo dell'alpinismo svizzero e internazionale piange oggi uno dei suoi campioni. Il 41enne Ueli Steck, soprannominato ‘Swiss Machine’, è morto mentre cercava di raggiungere un nuovo primato sull'Everest. Questa mattina il suo corpo senza vita è stato ritrovato sotto la parete ovest del Nuptse, riferisce The Himalayan Times. Mercoledì scorso aveva pubblicato su Facebook la sua ultima foto e nel video allegato illustra la sua impresa,

Probabilmente l’alpinista, entrato nella storia per la sua scalata sulla parete sud dell’Annapurna nell'ottobre del 2013, è scivolato e caduto, precipitando per circa 1'000 metri. Una tesi che sarebbe confermata dalla testimonianza di alcuni alpinisti che hanno riferito di aver visto una persona cadere dalla montagna.
Lo svizzero era da solo e con tutta probabilità stava compiendo una nuova rotazione di acclimatamento in vista della sua impresa: una traversata Everest-Lhotse.
Il corpo dell’alpinista è stato recuperato da una squadra di sei soccorritori e trasportato nella città di Lukla.



Pubblicato il 30.04.2017 12:57

Guarda anche

Sport
Il campione del mondo di Moto GP 2006 è deceduto a Cesena dopo cinque giorni di coma a seguito di un incidente in bicicletta: un'auto lo ha investito. La sua tragedia ha scosso il mondo
Sport
Il tecnico da qualche tempo non parla con la stampa: cosa c'è sotto? I bernesi sembrerebbero disposti a pagargli la penale prevista dai bianconeri
Sport
La proposta arriva dal giornalista sportivo Luca Sciarini, la appoggiano il presidente della Federazione Fulvo Biancardi ("ma non può essere eterna...") e il tecnico Livio Bordoli
Sport
Dopo lo stop ai campionati, ecco il parere di un tecnico: "decisione giustissima. La società del ragazzo che ha picchiato l'arbitro cos'ha fatto? Era il suo primo gesto violento? I mei ragazzi sono delusi"