Il mondo dell'alpinismo piange un grande campione: lo svizzero Ueli Steck è morto questa mattina mentre preparava la sua nuova impresa: la traversata Everest-Lhotse Video
Probabilmente l’alpinista, entrato nella storia per la sua scalata sulla parete sud dell’Annapurna nell'ottobre del 2013, è scivolato e caduto, precipitando per circa 1'000 metri. Una tesi che sarebbe confermata dalla testimonianza di alcuni alpinisti che hanno riferito di aver visto una persona cadere dalla montagna
Sport
LUKLA - Il mondo dell'alpinismo svizzero e internazionale piange oggi uno dei suoi campioni. Il 41enne Ueli Steck, soprannominato ‘Swiss Machine’, è morto mentre cercava di raggiungere un nuovo primato sull'Everest. Questa mattina il suo corpo senza vita è stato ritrovato sotto la parete ovest del Nuptse, riferisce The Himalayan Times. Mercoledì scorso aveva pubblicato su Facebook la sua ultima foto e nel video allegato illustra la sua impresa,

Probabilmente l’alpinista, entrato nella storia per la sua scalata sulla parete sud dell’Annapurna nell'ottobre del 2013, è scivolato e caduto, precipitando per circa 1'000 metri. Una tesi che sarebbe confermata dalla testimonianza di alcuni alpinisti che hanno riferito di aver visto una persona cadere dalla montagna.
Lo svizzero era da solo e con tutta probabilità stava compiendo una nuova rotazione di acclimatamento in vista della sua impresa: una traversata Everest-Lhotse.
Il corpo dell’alpinista è stato recuperato da una squadra di sei soccorritori e trasportato nella città di Lukla.



Pubblicato il 30.04.2017 12:57

Guarda anche

Sport
In Italia è stata introdotta la tecnologie che permette di rivedere le azioni dubbie. "Un margine di errore ci sarà sempre, ma sicuramente ridotto. Ad aiutare i direttori gara devono essere ex arbitri. Il livello attuale? Buono ma non ottimo"
Sport
Il borsone, con i pattini del giocatore finlandese, oltre al suo materiale da gioco personale, era stato sottratto dal bagagliaio del bus della squadra durante una cena. La società aveva rivolto un appello, e questa mattina ha ritrovato la borsa davanti alla sede
Sport
Entusiasmo a Lugano per il primo allenamento sul ghiaccio, ad Ambrì si è tornati al tempio, come i tifosi chiamano la Valascia
Sport
L'attuale allenatore del Losone parla della stagione che sta per iniziare. "In Europa League tutto dipenderà dalle avversarie. Mi auguro che Young Boys e Sion possano dare del filo da torcere al Basilea, e speriamo che sia il campo e non le licenze a decidere"