"La Lega dei colonnelli senza esercito ma sempre in guerra rischia di trovarsi senza i due Consiglieri di Stato e 15 deputati"
Natalia Ferrara attacca il portale leghista, che invita gli elettori a non rieleggere chi è a favore della tassa sul sacco. "Ma in Ticino le persone non si fanno fare il lavaggio del cervello"
Politica
BELLINZONA – Se non devono votare più coloro che sono a favore della tassa sul sacco, agli elettori leghisti resterebbe poca scelta, dato che pezzi da novanta come Zali e Borradori sono per il sì, così come la maggior parte dei deputati in Gran Consiglio.

Lo fa notare in un’opinione pubblicata sul Corriere del Ticino la liberale Natalia Ferrara. “Pochi giorni fa, il Mattino online, ha invitato a ricordarsi che chi scrive – insieme ad altri – voterà a favore. Stando dunque alla testata leghista, gli elettori devono tenere presente questa mia pecca e, al prossimo appuntamento elettorale, non accordarmi la loro fiducia”, si legge nel testo.

“Mi chiedo cosa avranno pensato i lettori della testata di via Monte Boglia, dato che, come me, sostengono la cosiddetta tassa sul sacco anche l’ex consigliere di Stato Marco Borradori, come pure gli attuali ministri Zali e Gobbi, e ancora buona parte del gruppo parlamentare della Lega in Gran Consiglio, così come tanti amministratori comunali, sempre leghisti”, prosegue Ferrara.

“Se capisco bene l’intento del portale diretto da Boris Bignasca, il messaggio alle cittadine e ai cittadini ticinesi, è di non più votare i politici che, come me, sono a favore della tassa sul sacco. Se così fosse, nel 2019, il Governo si troverebbe senza consiglieri di Stato leghisti e lo stesso erede Bignasca rimarrebbe presto solo in Parlamento, dato che ben 15 deputate e deputati del suo gruppo sono oggi su questa posizione e potrebbero, domani, essere nuovamente su altri fronti rispetto alla volontà dei cosiddetti colonnelli; colonnelli che, ad onore del vero, non si sa bene né da chi siano stati arruolati né chi davvero sia disposto a sottomettersi ai loro ordini”, analizza la situazione interna alla Lega, per poi concludere (dopo aver parlato della tassa sul sacco)” se ne faccia una ragione il Mattino – e pure una parte della Lega – in Ticino le persone sono ancora libere e non si fanno fare il lavaggio del cervello da nessuno, tantomeno da colonelli senza esercito eppure sempre in guerra. Anche contro le loro stesse truppe”.


Pubblicato il 15.05.2017 20:00

Guarda anche

Politica
Dopo quelle a Dadò, il direttore de La Regione Matteo Caratti indirizza una serie di domande anche al Ministro del PPD, a capo del DSS, il dipartimento colpito dal caso Argo 1. "Perché avete dato tutti quei mandati diretti nel capo dell'asilo in violazione delle leggi?"
Politica
Il direttore del quotidiano torna a parlare del caso Argo, a dieci mesi dallo scoppio, per porre una serie di domande a vari attori, fra cui il presidente del PPD. "Come ha reagito il gruppo parlamentare del tuo partito alla lettera a tutti i fuochi? Perché hai pagato la vacanza in contanti?"
Politica
Parallelamente, con un'iniziativa di Chiesa e una di Pinoja, i democentristi chiedono che aumenti la cifra deducibile dall'imposta federale diretta (di fatto, raddoppiandola) e dalle imposte cantonali (con un aumento del 20%). Due iniziative concrete che raccolgono consensi
Politica
I giovani attaccano: "in quel partito non ci riconosceremmo. Il documento del Ministro e di altri esponenti è la strategia di chi ha paura di perdere". Il vicepresidente concorda: "togliamo gli sgravi e tolgono le misure sociali? Sarà referendum di nuovo"