Un sospetto caso anche in Ticino, la politica si attiva sulla "blue whale". Fonio e Franscella, "Governo, cosa fai per tutelare i nostri giovani?"
Il profilo Facebook di una ragazza è stato segnalato alla Polizia. I due pipidini, "è urgente e prioritario aprire una discussione sul tema affinché le Istituzioni possano agire"
Mendrisiotto
BELLINZONA – È il tema del giorno, purtroppo. Un gioco folle, di cui abbiamo parlato in un articolo di qualche ora fa (vedi suggeriti), che sta portando alla morte di numerosi adolescenti. Si tratta del “Blue Whale”, e ieri il profilo di una ragazza ticinese è stato segnalato alla Polizia, dopo che aveva manifestato con un codice tristemente noto l’intenzione di partecipare.

È prontamente scattata anche l’interrogazione, da parte di Giorgio Fonio e Claudio Franscella, del PPD, per chiedere al Governo cosa sa di questa pratica allucinante e che cosa può fare per prevenire.
“Sulla problematica si sta chinando pure il Parlamento Europeo grazie ad un'interrogazione presentata dall'europarlamentare Nuno Melo (Ppe). Nel suo atto Melo scrive che "morti sono stati registrati in Brasile e in Russia. Ci sono sospetti che il gioco sia già in corso in Ucraina, Romania, Spagna, Portogallo e Francia". Preoccupato dal propagarsi del fenomeno Blue Whale, Melo ha chiesto nel suo atto quali "informazioni possiede la Commissione Europea sull'argomento e cosa può fare l'Unione Europea per proteggere i giovani europei dato il rischio che questo gioco rappresenta"”, scrivono i due, dopo aver riassunto il gioco: ovvero, cinquanta prove sempre più folli, dall’autolesionismo fino alla cinquantesima prova, ovvero il suicidio.

“In Svizzera per il momento si registra un solo caso confermato nel Canton Vaud come riportato da Le Nouvelliste. Gli inquirenti stanno indagando un altro caso riguardante un'adolescente di Fully, in Vallese. La ragazza presenterebbe le ferite tipiche del gioco mortale. Per quanto riguarda il Ticino, ci è stato segnalato un presunto caso riguardante una giovane. Numerosi cittadini hanno segnalato prontamente alla Polizia Cantonale il profilo Facebook dell'adolescente allo scopo di verificare e se del caso aiutare la ragazza”, proseguono: è quest’ultimo caso, probabilmente, più di tutto il resto, ad aver fatto scattare l’allarme.

Per Fonio e Franscella, “considerata la delicatezza del tema e la sua pericolosità riteniamo urgente e prioritario aprire una discussione sul tema affinché le Istituzioni possano predisporre tutte le misure per tutelare la salute e la vita dei nostri giovani”.

Le domande poste al Governo sono dunque:

"1. Quali informazioni possiede il Consiglio di Stato sul tema?

2. Si sono già registrati nel nostro Cantone episodi riconducibili al gioco della morte?

3. Come intende agire il Consiglio di Stato per tutelare la salute dei nostri giovani da questo folle "gioco"?"


Pubblicato il 17.05.2017 11:56

Guarda anche

Mendrisiotto
L'idea parte dal presidente distrettuale del partito liberale, Alberto Valli, che ha già parlato con il sindaco di Chiasso e con diversi municipali della zona. "Probabilmente farò scrivere una lettera ai deputati momò. I problemi ai treni nascono dalla partnership con la Lombardia, perchè portarli a riparare a Castione?"
Mendrisiotto
L'uomo era entrato nel negozio con il viso scoperto e poi con la refurtiva era fuggito verso il confine. È stato fermato nel corso di un controllo delle Guardie di Confine due giorni fa mentre si trovava su un bus in entrata in Svizzera al valico di Chiasso Brogeda
Mendrisiotto
Forse per un errore del navigatore, ha percorso un tratto di strada pedonale e poi, cercando di sterzare dove è impossibile, è rimasta ferma tra un muro e una piccola scala. Gli agenti della Polizia stanno cercando di capire come può intervenire il carro attrezzi senza eccessivi danni GUARDA LE FOTO
Mendrisiotto
La disavventura è accaduta a un 39enne domiciliato nel Mendrisiotto, che attorno alle 2.20 di questa notte stava andando da Morbio Superiore verso Caneggio. I soccorritori del SAM lo hanno soccorso e portato in ospedale