I Verdi decisi, "Merlo, Patuzzi e Denti non ci rappresentano più, da oggi si esprimono come indipendenti"
Il partito ha deciso di fatto l'esclusione dei tre. "È stata una scelta sofferta che permette di ritrovare unità e compattezza all'interno del nostro gruppo"
Politica
BELLINZONA – È rottura totale tra i Verdi e i loro deputati Tamara Merlo, Maristella Patuzzi e Franco Denti. I tre, d’ora in poi, sono da considerarsi indipendenti.

Il partito da lungo tempo non conosce pace interna, sin dall’epoca Savoia. A riaccendere la miccia, almeno a livello pubblico, erano stati proprio i tre, che in un comunicato di qualche giorno fa avevano annunciato la loro decisione di non pagare più il versamento annuo dei finanziamenti pubblici del Gruppo Parlamentare al partito, oltre a criticare apertamente la scelta della moglie di uno dei co-cordinatori, Ronnie David, come segretaria. Avevano inoltre accusato i Verdi di osteggiarli, non coinvolgendoli nelle decisioni e cancellandoli addirittura dal sito Internet (pur ribadendo l’ottima collaborazione all’interno del gruppo parlamentare).

Oggi è arrivata la risposta, decisa, del partito. “I Verdi del Ticino comunicano che a partire da subito non intendono più collaborare con Franco Denti, Tamara Merlo e Maristella Patuzzi. I tre deputati non rappresentano più il partito dei Verdi del Ticino, neppure nelle commissioni in cui siedono, e si esprimono esclusivamente come indipendenti”, è la decisione, espressa senza mezzi termini, e “maturata dopo lunghi e infruttuosi tentativi di mediazione e collaborazione. Alla luce dei recenti avvenimenti il gruppo parlamentare e il gruppo di coordinamento hanno ritenuto di interrompere da subito i rapporti con i tre deputati”.

“Seppure dolorosa questa decisione permette ai Verdi del Ticino di ritrovare l'unità e la compattezza nei propri ranghi affinché ci si possa concentrare sulle sfide centrali per il nostro Cantone, come l'emergenza ambientale costante e i gravi problemi sociali legati alle evoluzioni nel mondo del lavoro”, conclude la nota: i Verdi, dunque, sono alla perenne ricerca di pace.


Pubblicato il 17.05.2017 17:33

Guarda anche

Politica
Dopo quelle a Dadò, il direttore de La Regione Matteo Caratti indirizza una serie di domande anche al Ministro del PPD, a capo del DSS, il dipartimento colpito dal caso Argo 1. "Perché avete dato tutti quei mandati diretti nel capo dell'asilo in violazione delle leggi?"
Politica
Il direttore del quotidiano torna a parlare del caso Argo, a dieci mesi dallo scoppio, per porre una serie di domande a vari attori, fra cui il presidente del PPD. "Come ha reagito il gruppo parlamentare del tuo partito alla lettera a tutti i fuochi? Perché hai pagato la vacanza in contanti?"
Politica
Parallelamente, con un'iniziativa di Chiesa e una di Pinoja, i democentristi chiedono che aumenti la cifra deducibile dall'imposta federale diretta (di fatto, raddoppiandola) e dalle imposte cantonali (con un aumento del 20%). Due iniziative concrete che raccolgono consensi
Politica
I giovani attaccano: "in quel partito non ci riconosceremmo. Il documento del Ministro e di altri esponenti è la strategia di chi ha paura di perdere". Il vicepresidente concorda: "togliamo gli sgravi e tolgono le misure sociali? Sarà referendum di nuovo"