I Verdi decisi, "Merlo, Patuzzi e Denti non ci rappresentano più, da oggi si esprimono come indipendenti"
Il partito ha deciso di fatto l'esclusione dei tre. "È stata una scelta sofferta che permette di ritrovare unità e compattezza all'interno del nostro gruppo"
Politica
BELLINZONA – È rottura totale tra i Verdi e i loro deputati Tamara Merlo, Maristella Patuzzi e Franco Denti. I tre, d’ora in poi, sono da considerarsi indipendenti.

Il partito da lungo tempo non conosce pace interna, sin dall’epoca Savoia. A riaccendere la miccia, almeno a livello pubblico, erano stati proprio i tre, che in un comunicato di qualche giorno fa avevano annunciato la loro decisione di non pagare più il versamento annuo dei finanziamenti pubblici del Gruppo Parlamentare al partito, oltre a criticare apertamente la scelta della moglie di uno dei co-cordinatori, Ronnie David, come segretaria. Avevano inoltre accusato i Verdi di osteggiarli, non coinvolgendoli nelle decisioni e cancellandoli addirittura dal sito Internet (pur ribadendo l’ottima collaborazione all’interno del gruppo parlamentare).

Oggi è arrivata la risposta, decisa, del partito. “I Verdi del Ticino comunicano che a partire da subito non intendono più collaborare con Franco Denti, Tamara Merlo e Maristella Patuzzi. I tre deputati non rappresentano più il partito dei Verdi del Ticino, neppure nelle commissioni in cui siedono, e si esprimono esclusivamente come indipendenti”, è la decisione, espressa senza mezzi termini, e “maturata dopo lunghi e infruttuosi tentativi di mediazione e collaborazione. Alla luce dei recenti avvenimenti il gruppo parlamentare e il gruppo di coordinamento hanno ritenuto di interrompere da subito i rapporti con i tre deputati”.

“Seppure dolorosa questa decisione permette ai Verdi del Ticino di ritrovare l'unità e la compattezza nei propri ranghi affinché ci si possa concentrare sulle sfide centrali per il nostro Cantone, come l'emergenza ambientale costante e i gravi problemi sociali legati alle evoluzioni nel mondo del lavoro”, conclude la nota: i Verdi, dunque, sono alla perenne ricerca di pace.


Pubblicato il 17.05.2017 17:33

Guarda anche

Politica
Il Consiglio di Stato ha inviato una lettera al gruppo parlamentare liberale per sostenere il ticinese. "Il protrarsi dell'assenza della Svizzera Italiana in Consiglio Federale metterebbe in discussione il principio dell'equa ripartizione"
Politica
Il presidente del PLRT si toglie qualche sassolino dalla scarpa, confermando che "la Romandia sta lottando fino alla fine con grande determinazione per difendere il seggio. Mi fa piacere il sostegno della Pro Grigioni, la terza Svizzera deve sedere a Berna
Politica
Il leghista commenta il caso che ieri ha scosso la politica. "Certamente il PPD era in buona fede. Ma un partito basato su un referente cristiano dovrebbe farsi qualche domanda supplementare prima di presentare certe candidature"
Politica
Il movimento ecologista e il sindacato hanno ben chiara quale deve essere la soglia sotto cui il Governo non dovrà andare per stabilire il salario minimo, "che deve permettere ai lavoratori residenti di vivere coi propri mezzi senza aiuti sociali"