Morto in casa da almeno tre settimane. Nuovo dramma della solitudine ad Arbedo
I vicini hanno allertato la Polizia, che ha trovato l'anziano deceduto nella sua abitazione. Non ci saranno inchieste perché si tratterebbe di una morte avvenuta per cause naturali
Bellinzonese
ARBEDO  - Sconcertante nella sua tristezza. In un’umanità sempre più connessa e social, la dimensione sociale a volte viene davvero persa ed è possibile ancora oggi morire soli. Non bastano, talvolta, le reti sociali, gli aiuti, le possibilità di sostegno.

Qualche settimana fa fu a Morcote, ora il dramma di una persona morta in solitudine senza che nessuno se ne accorgesse è capitato a Arbedo. Vittima un anziano, descritto da chi lo conosceva come burbero e solitario.

I vicini non lo vedevano da svariati giorni, e hanno allertato la Polizia, cui è toccato l’ingrato compito di abbattere la porta della sua abitazione e trovarlo, purtroppo, morto.

Il decesso, secondo quanto riporta il Giornale del Popolo, risalirebbe ad almeno tre settimane fa. Non verrà aperta un’inchiesta perché si tratterebbe di una morte naturale.

Che, finalmente, qualcuno ha scoperto, permettendo probabilmente all’uomo di avere degna sepoltura. Drammi, quelli della solitudine, che fanno riflettere. 


Pubblicato il 18.05.2017 14:30

Guarda anche

Bellinzonese
La Polizia ha reso noto come al solito dove saranno posizionati i controlli mobili della velocità per la settimana che va 18 alla vigilia di Natale
Bellinzonese
Il 17enne era stato visto l'ultima volta a Bellinzona il 13, poi si erano perse le sue tracce. Sta bene
Bellinzonese
Dylan Barudoni, residente a Giusbiasco, è stato visto l'ultima volta il 13 dicembre a Bellinzona attorno alle 9.30, poi di lui non si hanno più avuto notizie. Chi lo vedesse è pregato di contattare la Polizia
Bellinzonese
In un commento poi rimosso dai volontari sul post di chi si sta occupando di trovare casa al border collie interviene colui che ha compiuto l'orribile gesto: "Ho sbagliato a dire che potevo occuparmi di lui sino al giorno dopo. Ciò che ho fatto non era voluto"