Morto in casa da almeno tre settimane. Nuovo dramma della solitudine ad Arbedo
I vicini hanno allertato la Polizia, che ha trovato l'anziano deceduto nella sua abitazione. Non ci saranno inchieste perché si tratterebbe di una morte avvenuta per cause naturali
Bellinzonese
ARBEDO  - Sconcertante nella sua tristezza. In un’umanità sempre più connessa e social, la dimensione sociale a volte viene davvero persa ed è possibile ancora oggi morire soli. Non bastano, talvolta, le reti sociali, gli aiuti, le possibilità di sostegno.

Qualche settimana fa fu a Morcote, ora il dramma di una persona morta in solitudine senza che nessuno se ne accorgesse è capitato a Arbedo. Vittima un anziano, descritto da chi lo conosceva come burbero e solitario.

I vicini non lo vedevano da svariati giorni, e hanno allertato la Polizia, cui è toccato l’ingrato compito di abbattere la porta della sua abitazione e trovarlo, purtroppo, morto.

Il decesso, secondo quanto riporta il Giornale del Popolo, risalirebbe ad almeno tre settimane fa. Non verrà aperta un’inchiesta perché si tratterebbe di una morte naturale.

Che, finalmente, qualcuno ha scoperto, permettendo probabilmente all’uomo di avere degna sepoltura. Drammi, quelli della solitudine, che fanno riflettere. 


Pubblicato il 18.05.2017 14:30

Guarda anche

Bellinzonese
Si tratta di due donne e due uomini. Le donne raggiravano le vittime, possibilmente anziane, gli uomini le attendevano pronti a fuggire. Con questo metodo hanno compiuto furti a Locarno, Lugano e Bellinzona, per una refurtiva di oltre 50mila franchi
Bellinzonese
La Polizia ha reso noti i luoghi in cui saranno posizionati i radar mobili dal 21 al 27 agosto
Bellinzonese
L'uomo è stato arrestato e le accuse a suo carico sono di tentato omicidio, lesioni gravi subordinatamente semplici, minaccia e infrazione alla Legge federale sulle armi
Bellinzonese
Un 54enne di Torino, con un tumore maligno al cervello, cerca soldi per poter raggiungere il nostro paese per morire. "Malgrado le cure palliative che alleviano le sofferenze, c'è chi decide di smettere di lottare", dice un chirurgo