Morto in casa da almeno tre settimane. Nuovo dramma della solitudine ad Arbedo
I vicini hanno allertato la Polizia, che ha trovato l'anziano deceduto nella sua abitazione. Non ci saranno inchieste perché si tratterebbe di una morte avvenuta per cause naturali
Bellinzonese
ARBEDO  - Sconcertante nella sua tristezza. In un’umanità sempre più connessa e social, la dimensione sociale a volte viene davvero persa ed è possibile ancora oggi morire soli. Non bastano, talvolta, le reti sociali, gli aiuti, le possibilità di sostegno.

Qualche settimana fa fu a Morcote, ora il dramma di una persona morta in solitudine senza che nessuno se ne accorgesse è capitato a Arbedo. Vittima un anziano, descritto da chi lo conosceva come burbero e solitario.

I vicini non lo vedevano da svariati giorni, e hanno allertato la Polizia, cui è toccato l’ingrato compito di abbattere la porta della sua abitazione e trovarlo, purtroppo, morto.

Il decesso, secondo quanto riporta il Giornale del Popolo, risalirebbe ad almeno tre settimane fa. Non verrà aperta un’inchiesta perché si tratterebbe di una morte naturale.

Che, finalmente, qualcuno ha scoperto, permettendo probabilmente all’uomo di avere degna sepoltura. Drammi, quelli della solitudine, che fanno riflettere. 


Pubblicato il 18.05.2017 14:30

Guarda anche

Bellinzonese
Si continua a indagare a 360° sulla mancata strage alla Commercio: sarebbe avvenuta oggi, secondo quanto si sa. Il titolare del negozio che ha venduto 150 cartucce al giovane gli ha chiesto cosa ci facesse con la Parabellum, lui ha risposto di averla ereditata dal nonno e di andare allo stand di tiro a sparare
Bellinzonese
Il 19enne avrebbe agito domani, durante gli esami mattutini delle classi terze. A un docente mercoledì ha scritto di essere stufo di essere considerato un allievo modello. Lui chiede di poter vedere i genitori, i quali affermavano che stesse bene, nonostante in diversi avessero notato un comportamento diverso
Bellinzonese
"Per l'eleganza e la posa col kalashnikov", ha detto lo psichiatra, riferendosi all'autore della strage di Oslo. Intanto, nell'abitazione sarebbe stata trovata una lettera che spiegava che cosa intendeva fare e martedì il 19enne sarebbe andato ad acquistare le munizioni
Bellinzonese
I compagni di classe del 19enne, i docenti e il personale amministrativo sono stati incontrati dal Consiglio Direttivo, ed è stato messo a disposizione un sostegno psicologico. Ma le autorità tranquillizzano. Il Ministro, "non voglio pensare a quello che sarebbe potuto succedere. La scuola funziona bene!"