Si è costituito anche il secondo autore del volantino. I simboli neonazisti? "Per aumentare l'effetto"
Questa almeno sarebbe la tesi difensiva dei due ventenni che hanno minacciato Bello Figo e il locale che doveva ospitarlo. Si va verso un decreto d'accusa per coazione
Luganese
LUGANO – Anche il secondo giovane autore del volantino contro Bello Figo si è costituito alla Polizia.
E da quanto riporta il Corriere del Ticino Online, ci avrebbe visto giusto John Noseda: in realtà, i due (l’amico si era presentato alle forze dell’ordine qualche giorno fa) non sembrano parte di gruppi di estrema destra, o almeno questa sarebbe la tesi difensiva.

Avrebbero infatti inserito nel volantino, che minacciava il rapper e il locale dove si sarebbe dovuto esibire, simboli nonazisti quali la svastica, croce celtica, la scritta "White Power" e il logo del gruppo Skinhead 88, dove 88 è un codice che significa "Heil Hitler", per aumentare l’effetto del loro gesto.

Quindi, vicenda chiusa? Si va verso un decreto d'accusa per coazione.

La domanda che rimane è: e dunque la sedicente Associazione  Nuova Destra, che aveva rivendicato il gesto? Esiste, si tratta di un gruppo che ha approfittato della situazione, oppure gli autori dell’email inviata nelle redazioni sono sempre i due ventenni?


Pubblicato il 18.05.2017 17:57

Guarda anche

Luganese
10 milioni di debito, altrettanti prestati da una banca luganese poco prima della vendita che non è avvenuta a Adria ma a Phoenix, un'azienda detenuta da Adria stessa. A garanzia, cinque dei sei aerei che ora finiranno in America. E Lugano Airport vuole saperne di più
Luganese
La donna fermata e rilasciata in relazione all'istigazione al suicidio assistito è l'ex infermiera, a cui il DSS ritirò il permesso di operare, già protagonista nel campo della dolce morte in Ticino
Luganese
Si tratta di una 50enne italiana residente nel Luganese, interrogati anche alcuni collaboratori. L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è istigazione al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attiività
Luganese
L'uomo, un 41enne, e la donna, una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese, sono stati arrestati ieri: avrebbero ingannato le autorità ed anche alcuni dipendenti