Si è costituito anche il secondo autore del volantino. I simboli neonazisti? "Per aumentare l'effetto"
Questa almeno sarebbe la tesi difensiva dei due ventenni che hanno minacciato Bello Figo e il locale che doveva ospitarlo. Si va verso un decreto d'accusa per coazione
Luganese
LUGANO – Anche il secondo giovane autore del volantino contro Bello Figo si è costituito alla Polizia.
E da quanto riporta il Corriere del Ticino Online, ci avrebbe visto giusto John Noseda: in realtà, i due (l’amico si era presentato alle forze dell’ordine qualche giorno fa) non sembrano parte di gruppi di estrema destra, o almeno questa sarebbe la tesi difensiva.

Avrebbero infatti inserito nel volantino, che minacciava il rapper e il locale dove si sarebbe dovuto esibire, simboli nonazisti quali la svastica, croce celtica, la scritta "White Power" e il logo del gruppo Skinhead 88, dove 88 è un codice che significa "Heil Hitler", per aumentare l’effetto del loro gesto.

Quindi, vicenda chiusa? Si va verso un decreto d'accusa per coazione.

La domanda che rimane è: e dunque la sedicente Associazione  Nuova Destra, che aveva rivendicato il gesto? Esiste, si tratta di un gruppo che ha approfittato della situazione, oppure gli autori dell’email inviata nelle redazioni sono sempre i due ventenni?


Pubblicato il 18.05.2017 17:57

Guarda anche

Luganese
Il capogruppo Galeazzi: "come per il LAC, cerchiamo persone che non siano politici ma esperti. settore. Se entrambi i nostri possibili candidati scenderanno in campo, qualcuno non dormirà sonni tranquilli. Attenzione alla nuova Adria, non vorremmo licenziamenti"
Luganese
La capogruppo socialista a Lugano parla del futuro dello scalo: "deve stare in piedi da solo, e dovrebbe essere la LASA a prendersi le proprie responsabilità e fare investimenti. Il direttore è importa ma conta la squadra. Merlo? Non lo conosco"
Luganese
La donna, una 59enne, ha perso il controllo del motoveicolo ed è salita sul marciapiede dove lavoravano i due uomini, un 32enne della Provincia di Novara e un 50enne della regione
Luganese
Il giovane di origine albanese, che è stato apprendista ingegnere nello studio dove lavorò Paolo Beltraminelli, è fra i seguaci del 33enne condannato nei giorni scorsi. Dadò, "non lo conosco, e dopo le elezioni non si è più visto nè sentito"