Si è costituito anche il secondo autore del volantino. I simboli neonazisti? "Per aumentare l'effetto"
Questa almeno sarebbe la tesi difensiva dei due ventenni che hanno minacciato Bello Figo e il locale che doveva ospitarlo. Si va verso un decreto d'accusa per coazione
Luganese
LUGANO – Anche il secondo giovane autore del volantino contro Bello Figo si è costituito alla Polizia.
E da quanto riporta il Corriere del Ticino Online, ci avrebbe visto giusto John Noseda: in realtà, i due (l’amico si era presentato alle forze dell’ordine qualche giorno fa) non sembrano parte di gruppi di estrema destra, o almeno questa sarebbe la tesi difensiva.

Avrebbero infatti inserito nel volantino, che minacciava il rapper e il locale dove si sarebbe dovuto esibire, simboli nonazisti quali la svastica, croce celtica, la scritta "White Power" e il logo del gruppo Skinhead 88, dove 88 è un codice che significa "Heil Hitler", per aumentare l’effetto del loro gesto.

Quindi, vicenda chiusa? Si va verso un decreto d'accusa per coazione.

La domanda che rimane è: e dunque la sedicente Associazione  Nuova Destra, che aveva rivendicato il gesto? Esiste, si tratta di un gruppo che ha approfittato della situazione, oppure gli autori dell’email inviata nelle redazioni sono sempre i due ventenni?


Pubblicato il 18.05.2017 17:57

Guarda anche

Luganese
Era attesa, ed è arrivata nell'edizione odierna, la replica del direttore del CdT alla presa di posizione di Falò. "Comprensibile e pacata la reazione del sindacato Unia, ridicolmente indecenti le altre, soprattutto in quel di Comano". E esprime perplessità sulla CPI
Luganese
Il responsabile della trasmissione ha firmato una nota social: "avrebbero potuto farci una telefonata. Morini è stato dichiarato attendibile dalla Magistratura, ma non lo hanno detto. E per UNIA abbiamo parlato con Formato. Le fonti non si rivelano nemmeno sotto tortura"
Luganese
L'uomo ha una rendita di invalidità nella vicina Penisola, e dal 2013 al 2016 è risultato socio e presidente della gerenza di Maki Sagl a Cresciano. Un indirizzo non nuovo, perché vi sarebbero stati alloggiati dei rifugiati: un caso? Il dossier è in mano a Procura e Governo
Luganese
L'uomo è stato fermato tre giorni fa nell'ambito di un'inchiesta antidroga. Pare abbia spacciato importanti quantitativi di cannabis e cocaina a consumatori locali