Si è costituito anche il secondo autore del volantino. I simboli neonazisti? "Per aumentare l'effetto"
Questa almeno sarebbe la tesi difensiva dei due ventenni che hanno minacciato Bello Figo e il locale che doveva ospitarlo. Si va verso un decreto d'accusa per coazione
Luganese
LUGANO – Anche il secondo giovane autore del volantino contro Bello Figo si è costituito alla Polizia.
E da quanto riporta il Corriere del Ticino Online, ci avrebbe visto giusto John Noseda: in realtà, i due (l’amico si era presentato alle forze dell’ordine qualche giorno fa) non sembrano parte di gruppi di estrema destra, o almeno questa sarebbe la tesi difensiva.

Avrebbero infatti inserito nel volantino, che minacciava il rapper e il locale dove si sarebbe dovuto esibire, simboli nonazisti quali la svastica, croce celtica, la scritta "White Power" e il logo del gruppo Skinhead 88, dove 88 è un codice che significa "Heil Hitler", per aumentare l’effetto del loro gesto.

Quindi, vicenda chiusa? Si va verso un decreto d'accusa per coazione.

La domanda che rimane è: e dunque la sedicente Associazione  Nuova Destra, che aveva rivendicato il gesto? Esiste, si tratta di un gruppo che ha approfittato della situazione, oppure gli autori dell’email inviata nelle redazioni sono sempre i due ventenni?


Pubblicato il 18.05.2017 17:57

Guarda anche

Luganese
Alain Bühler e Raide Bassi interrogano il Municipio sull'addio del direttore dell'aeroporto: "quali sono i motivi per cui si è decisa la risoluzione concordata? Per quale merito meriterebbe svariate centinaia di migliaia di franchi?"
Luganese
Terremoto nella direzione dello scalo luganese. Quella del direttore è "una risoluzione concordata e coordinata", mentre Bolzani, Giordano e Zeli si dimettono: le parole di quest'ultimo
Luganese
Il protagonista è un 31enne guineano, fermato al valico di Gandria ieri poco dopo la mezzanotte
Luganese
Lui, Agustoni, Beretta Piccoli e Jelmini lodano i ragazzi che si sono interessati al caso e domandano se "non ci sono misure straordinarie che permettano a tutti i componenti della famiglia di rimanere qui?"