One Love, la musica che batte la paura. Oltre 50mila persone cantano per le vittime dell'attentato Video
È stato un successo l'evento benefico voluto da Ariana Grande, che era sul palco quella maledetta sera. Con lei, tante star, e le lettere di chi nell'attacco ha perso dei cari: tutti assieme per guardare avanti
Estero
MANCHESTER- Nessuna paura, un solo amore: la musica, tutti insieme. Una vittoria contro il terrorismo, da parte di numerosi artisti che hanno accettato l’invito di Ariana Grande, che era sul palco quella maledetta sera in cui ci fu un attentato pochi minuti dopo il suo concerto. Inizialmente, la cantante si era detta distrutta e aveva annunciato un ritiro momentaneo, poi ha deciso di organizzare un evento benefico, dopo essere andata in ospedale a trovare i suoi fans.

E in molti hanno aderito con entusiasmo, utilizzando la loro dote migliore, ovvero la voce, per combattere il terrore. Sul palco con la pop star c’erano Take That con Robbie Williams, i Coldplay, Pharrell Williams, Miley Cyrus, Black Eyed Peas, Katy Perry e Justin Bieber. Soprattutto, c’erano 50mila persone, che non si sono fatte vincere dalla paura, nonostante quanto successo sia ancora una ferita fresca. È la più bella e forte reazione al terrore, che invece pareva averla avuta vinta causando il panico generale a Torino: una fuga dal nulla, la fobia delle bombe, esattamente quello che i terroristi desiderano creare.

Così, mentre l’ISIS rivendicava l’attentato a Londra e poche ore dopo l’interruzione in Germania della rassegna rock “Rock am Ring” per una minaccia terroristica, hanno cantato, si sono commossi, hanno ballato, come si deve fare ad un concerto. Toccante il momento in cui sono state lette le lettere di chi ha perso delle persone nell’attentato di Manchester, poco prima che entrasse in scena Ariana Grande.
Tanti i dutti e i pezzi che hanno emozionato, a partire da Angels, dedicata alle vittime.

Anche la Polizia ha ballato, vedi il video assieme ad alcuni bambini, tutti assieme per sconfiggere la paura. I giovanissimi sono tornati a sentire musica, nonostante la strage avesse colpito soprattutto loro. Hanno mostrato il coraggio e la voglia di andare avanti.

Per le famiglie delle vittime, sono stati raccolti 9 milioni di sterline. Ma il messaggio era un altro, al di là dell’utilità che essi indubbiamente avranno: One Love, contro il terrore.


Pubblicato il 05.06.2017 17:00

Guarda anche

Estero
Un ordigno è esploso questa mattina attorno alle 8.20, un'ora di punta, e gli artificieri stanno lavorando per disinnescarne un secondo. Fortunatamente, non ci sono morti, i feriti sono una ventina, parecchi con bruciature al volto
Estero
Riflessioni sulla sconvolgente storia della ragazzina uccisa dal proprio ragazzo: un amore contrastato, con alti e bassi, come racconta il profilo Facebook di Noemi Durini, con le famiglie contro. Il padre di lui la definiva "un cancro", i genitori di lei avevano chiesto aiuto
Estero
A scatenare il caso erano state delle immagini della Presidente della Confederazione Leuthard e proprio del conduttore della trasmissione, "beccato" di nuovo. "Predica bene e razzola male"?. Parrebbe di no, perché in tv ci si chiede "è giusto pagare sempre prezzi gonfiati?"
Estero
Gyula Marfi si è distinto recentemente per dichiarazioni durissime in merito all'immigrazione: "nel nome del multiculturalismo accresciamo la monocultura, siamo nell'epoca della decadenza. Accettiamo anche la cultura gender: chi appoggia queste contraddizioni ha perso la ragione"