Alcol, stripe tease e folla infuriata. La pazza notte di Ponte Chiasso
Venerdì sera attorno alle 23 la situazione è degenerata quando una giovane, ubriaca, ha tentato di spogliarsi in strada. Presenti fra la gente anche numerosi ticinesi
Estero
PONTE CHIASSO - Centinaia di persone che ostacolano la Polizia, tre auto degli agenti, tassi alcolemici alle stelle e locali chiusi forzatamente. Quella di venerdì è stata una notte di follia a Ponte Chiasso.

In effetti, a far partire la miccia è stato un episodio praticamente da nulla, un tentato stripe tease di una 30enne ubriaca. Prima, tutto come sempre: nel paesino subito dopo la frontiera c'era molta gente,i n strada e nei bar a trascorrere qualche ora all'insegna della birra, della compagnia e del bere. Fra di loro, come accade ogni weekend, molti ticinesi che si recano in Italia a divertirsi e eccedere.

A un certo punto, attorno alle 23, la 30enne, alquanto alterata, ha iniziato prima a molestare e infastidire i presenti, poi a rompere utensili e oggetti all’interno di un bar, poi ha tentato di spogliarsii n mezzo alla strada.

L'agitazione è aumentata, tanto da far accorrere tre vetture degli agenti, che però sono state circondate, come riporta Il Corriere di Como, da almeno 200 persone, desiderose di far pagare alla giovane l'interruzione della serata. Essa è stata poi tratta in salvo e ricoverata in ospedale con un tasso alcolemico cinque volte più alto del consentito.

Per calmare gli animi, si è pensato di chiudere forzatamente i locali.

Una serata come tante, insomma, degenerata rapidamente. E rimangono gli interrogativi, perché i rischi c'erano: cosa poteva succedere, con la gente arrabbiata che circonava le auto della polizia? Qualcuno parla di gioventù disagiata, probabilmente ci voleva un episodio "estremo" per far sì che sotto gli occhi di tutti arrivasse una realtà che è quella consueta. Oppure è stata solo una serata di follia?

Si indagherà su quanto successo, per capire eventualmente che misure prendere.


Pubblicato il 10.07.2017 10:44

Guarda anche

Estero
Il Mattino ritorna attaccando la nuova linea ferroviaria. Zali smorza i toni chiedendo tempo, mentre Caverzasio e Robbiani attaccano "collegamenti soppressi e ritardi, inconcepibile. Difficile far peggio". Tutti citano i Park and Rail, sarebbero realmente la soluzione?
Estero
I giovani UDC hanno risposto con parole poco carine (per usare un eufemismo) alla petizione della GISO, attaccando Tamara Funiciello. Oggi il presidente degli Stati Uniti è tuonato contro Haiti, El Salvador e alcuni paesi africani. Insomma, quando parla il Tycoon o si parla di lui, il linguaggio cambia...
Estero
"Rappresenta sessismo, xenofobia, preclusione, negazione dei cambiamenti climatici e politiche economiche arretrate, è una minaccia per il progresso, per la sicurezza e per l'ambiente", si legge in una petizione oline che vorrebbe chiedere al Consiglio Federale di non farlo partecipare al Forum di Davos
Estero
Pochi passeggeri, saliti prevalentemente a Stabio, sulla nuova linea che collega Ticino e Lombardia. Ma qualcosa è andato storto: il convoglio delle 7.07 è partito da Camerlata con 57 minuti di ritardo, quello delle 8.06 da Varese è stato cancellato. Alla TILO sono però soddisfatti