ESCLUSIVO Cos'è successo dopo? Un altro video per raccontare la folle notte di Ponte Chiasso. La ragazza urla, ma non ci sono risse Video
TicinoLibero è entrato in possesso delle immagini di quanto accaduto dopo che la giovane è stata portata fuori dal Bar Agorà. GUARDA IL VIDEO
Estero
PONTE CHIASSO - "Lascia!", pare urli la 30enne comasca che, con un tasso alcolemico altissimo, ha provocato disordini all'interno del Bar Agorà a Ponte Chiasso venderdì notte. Si è spogliata, rimanendo solo con l'intimo, all'interno del locale, come si vede nel video esclusivo che vi abbiamo mostrato ieri, rompe tutto con una sedia prima di essere immobilizzata.

Siamo in grado di mostrarvi altre immagini esclusive, con quanto accaduto dopo. Siamo viicnissimi alla dogana con la Svizzera, la donna viene portata fuori, tenuta per gambe e braccia a fatica da un gruppetto di uomini. Urla, è in evidente stato alterato. Quando la posano a terra, sempre cercando di tenerla ferma, si divincola, si alza in piedi, grida contro chi la circonda.

C'è un'auto della Polizia in mezzo alla strada.

La gente cammina, segue la scena, ma non ci sono disordini. Si sente anche qualche risata, nel video, e il commento di una donna, "ma se è nuda cosa devono fare". Non c'è calca, non c'è tensione, sembra semplice curiosità riguardo a un episodio che ha animato e forse rovinato una serata (il Bar Agorà, come ci ha spiegato il gerente, ha chiuso subito dopo).

Il tema dei giovanissimi ticinesi che vanno a bere oltre frontiera, anche se non coinvolti nello spogliarello alcolemico e nella furia di questa donna ubriaca, è ciò che probabilmente rimarrà di quella che è stata defintia la pazza notte di Ponte Chiasso.


Pubblicato il 11.07.2017 10:13

Guarda anche

Estero
Un ordigno è esploso questa mattina attorno alle 8.20, un'ora di punta, e gli artificieri stanno lavorando per disinnescarne un secondo. Fortunatamente, non ci sono morti, i feriti sono una ventina, parecchi con bruciature al volto
Estero
Riflessioni sulla sconvolgente storia della ragazzina uccisa dal proprio ragazzo: un amore contrastato, con alti e bassi, come racconta il profilo Facebook di Noemi Durini, con le famiglie contro. Il padre di lui la definiva "un cancro", i genitori di lei avevano chiesto aiuto
Estero
A scatenare il caso erano state delle immagini della Presidente della Confederazione Leuthard e proprio del conduttore della trasmissione, "beccato" di nuovo. "Predica bene e razzola male"?. Parrebbe di no, perché in tv ci si chiede "è giusto pagare sempre prezzi gonfiati?"
Estero
Gyula Marfi si è distinto recentemente per dichiarazioni durissime in merito all'immigrazione: "nel nome del multiculturalismo accresciamo la monocultura, siamo nell'epoca della decadenza. Accettiamo anche la cultura gender: chi appoggia queste contraddizioni ha perso la ragione"