Scintille GISO-Lega sulle guardie di confine. "Commettono abusi". Gobbi, "la creatività non è la vostra forza"
I giovani socialisti svizzeri organizzano per sabato una marcia da Como a Chiasso. Il Consigliere di Stato attacca su Facebook, "un anno dopo, stesse accuse infondate", Robbiani gli dà man forte
Politica
CHIASSO - Pronti a marciare contro quelli che ritengono "essere abusi perpetrati sulle loro spalle da parte delle Guardie di confine e dalle forze di Polizia ticinesi". L'estate è una stagione calda per quanto concerne non solo la temperatura ma anche gli arrivi dei migranti alle frontiere, in particolare a quella sud, e per la Gioventù Socialista Svizzera gli agenti spesso "si arrogano un'autorità che non è loro, bloccando l'accesso a persone senza verificarne il diritto a presentare domanda d'asilo".

Perciò, come protesta ed anche come segno di solidarietà con chi tenta la fortuna lasciando il proprio paese per arrivare in Europa, passando magari dai famigerati barconi e provando a attraversare la Svizzera, il movimento giovanile socialista svizzero ha organizzato una marcia pacifica da Como a Chiasso.

Raccomandazioni particolari? Nessuna, la manifestazione, non autorizzata, vuole essere pacifica. Unico fattore, portare il passaporto, dato che si attraverserà il confine. Il ritrovo è fissato per le 14 alla stazione San Giovanni di Como.

La marcia non piace ai leghisti. Velenoso e sintetico il commento del Consigliere di Stato Norman Gobbi su Facebook: "il disco rotto: un anno dopo le stesse accuse infondate. Direi che la creatività non è la forza dei giovani socialisti".

Più articolata la presa di posizione del deputato Massimiliano Robbiani. "Mi auguro che le forze dell'ordine intervengano affinché la manifestazione non venga fatta!!! Accusano le guardei di confine di abusi: ma fatemi il piacere sinistroidi e pagliacci da cerco equestre. Rispettate voi la legge prima di accusare chi, giornalmente, con impegno e dedizione lavora per la sicurezza dei cittadini. Siete dei poverini. Evviva le nostre guardie di confine, continuate così".



Pubblicato il 12.07.2017 09:00

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"