Scintille GISO-Lega sulle guardie di confine. "Commettono abusi". Gobbi, "la creatività non è la vostra forza"
I giovani socialisti svizzeri organizzano per sabato una marcia da Como a Chiasso. Il Consigliere di Stato attacca su Facebook, "un anno dopo, stesse accuse infondate", Robbiani gli dà man forte
Politica
CHIASSO - Pronti a marciare contro quelli che ritengono "essere abusi perpetrati sulle loro spalle da parte delle Guardie di confine e dalle forze di Polizia ticinesi". L'estate è una stagione calda per quanto concerne non solo la temperatura ma anche gli arrivi dei migranti alle frontiere, in particolare a quella sud, e per la Gioventù Socialista Svizzera gli agenti spesso "si arrogano un'autorità che non è loro, bloccando l'accesso a persone senza verificarne il diritto a presentare domanda d'asilo".

Perciò, come protesta ed anche come segno di solidarietà con chi tenta la fortuna lasciando il proprio paese per arrivare in Europa, passando magari dai famigerati barconi e provando a attraversare la Svizzera, il movimento giovanile socialista svizzero ha organizzato una marcia pacifica da Como a Chiasso.

Raccomandazioni particolari? Nessuna, la manifestazione, non autorizzata, vuole essere pacifica. Unico fattore, portare il passaporto, dato che si attraverserà il confine. Il ritrovo è fissato per le 14 alla stazione San Giovanni di Como.

La marcia non piace ai leghisti. Velenoso e sintetico il commento del Consigliere di Stato Norman Gobbi su Facebook: "il disco rotto: un anno dopo le stesse accuse infondate. Direi che la creatività non è la forza dei giovani socialisti".

Più articolata la presa di posizione del deputato Massimiliano Robbiani. "Mi auguro che le forze dell'ordine intervengano affinché la manifestazione non venga fatta!!! Accusano le guardei di confine di abusi: ma fatemi il piacere sinistroidi e pagliacci da cerco equestre. Rispettate voi la legge prima di accusare chi, giornalmente, con impegno e dedizione lavora per la sicurezza dei cittadini. Siete dei poverini. Evviva le nostre guardie di confine, continuate così".



Pubblicato il 12.07.2017 09:00

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"