Arrestato il rapinatore di Ponte Cremenaga. È un frontaliere 57enne
L'uomo è stato fermato questa mattina presto a Novazzano grazie a un apposito dispositivo. Aveva agito a volto scoperto e armato di un coltello. La Polizia per risalire a lui ha collaborato con le Guardie di Confine
Luganese
NOVAZZANO - A cinque giorni dalla rapina a Ponte Cremenaga, dove era entrato armato di coltello e a volte scoperto, minacciando un dipendente e fuggendo con il bottino, la Polizia ha arrestato colui che ritiene essere il rapinatore.

Si tratta di un frontaliere 57enne, residente in Privincia di Como ma attivo professionalmente, appunto, in Ticino. L'uomo è stato fermato attorno alle 5.30 a Novazzano.

Al 57enne si è giunti grazie ad un certosino lavoro d'inchiesta da parte degli inquirenti della Polizia cantonale, in questa fase di indagine hanno fattivamente collaborato le Guardie di confine. Pure da evidenziare lo scambio di informazioni tra forze di polizia italiane e ticinesi. Un lavoro di squadra che in pochi giorni ha permesso di assicurare alla giustizia il presunto autore della rapina.

L'uomo, fermato nell'ambito di un apposito dispositivo, era alla guida di una vettura con targhe italiane.

L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella.


Pubblicato il 13.07.2017 10:44

Guarda anche

Luganese
Una trentina di dipendenti sono stati evacuati dal garage a Bioggio, cinque di loro sono leggermente intossicati dal fumo. Il tutto è avvenuto poco prima delle 13.30, per cause che l'inchiesta dovrà stabilire. I danni sono ingenti
Luganese
L'allevatore aveva notato uova con guscio grigiastro o addirittura senza e venerdì 17 (per gli scaramantici...) aveva avvisato il veterinario cantonale. Economicamente avrà dei risarcimenti, però ripartire non sarà facile. "Rispettava ogni norma di sicurezza e di igiene"
Luganese
Terribili i sintomi che colpiscono gli animali contagiati, da quelli respiratori alla paralisi. Per l'uomo il rischio è minimo: di solito si tratta di addetti ai lavori che lo prendono per contatto diretto, ma causa solo congiuntivite e gonfiore dei linfonodi. Mentre per gli uccelli non c'è quasi scampo
Luganese
L'81enne è stato ritrovato privo di vita su una strada di cantiere in territorio di Vezia, l'ennesima tragedia di un periodo terribile in Ticino. Era sparito da casa sua ieri nel pomeriggio