Arrestato il rapinatore di Ponte Cremenaga. È un frontaliere 57enne
L'uomo è stato fermato questa mattina presto a Novazzano grazie a un apposito dispositivo. Aveva agito a volto scoperto e armato di un coltello. La Polizia per risalire a lui ha collaborato con le Guardie di Confine
Luganese
NOVAZZANO - A cinque giorni dalla rapina a Ponte Cremenaga, dove era entrato armato di coltello e a volte scoperto, minacciando un dipendente e fuggendo con il bottino, la Polizia ha arrestato colui che ritiene essere il rapinatore.

Si tratta di un frontaliere 57enne, residente in Privincia di Como ma attivo professionalmente, appunto, in Ticino. L'uomo è stato fermato attorno alle 5.30 a Novazzano.

Al 57enne si è giunti grazie ad un certosino lavoro d'inchiesta da parte degli inquirenti della Polizia cantonale, in questa fase di indagine hanno fattivamente collaborato le Guardie di confine. Pure da evidenziare lo scambio di informazioni tra forze di polizia italiane e ticinesi. Un lavoro di squadra che in pochi giorni ha permesso di assicurare alla giustizia il presunto autore della rapina.

L'uomo, fermato nell'ambito di un apposito dispositivo, era alla guida di una vettura con targhe italiane.

L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella.


Pubblicato il 13.07.2017 10:44

Guarda anche

Luganese
Mister Prezzi ieri ha detto che quello dei costi della salute è il problema principale in Svizzera nel 2018, ed ha creato una piattaforma per confrontare prezzi e qualità delle cure negli ospedali svizzeri per i 20 trattamenti stazionari più frequenti. Da Lugano qualcuno è contento
Luganese
Ieri c'era stata la svolta nel caso della 21enne scomparsa ormai da quasi due settimane da Caslano: era ospite di un uomo nel Nord Italia, con cui non si sa in che rapporto fosse. Il fratello era riuscito a mettersi in contatto, adesso la ragazza è a casa
Luganese
Il fratello della 21enne scomparsa da Caslano una decina di giorni fa ha parlato al telefono con un uomo che la ospita nel Nord Italia: non è il ragazzo della giovane, che vive invece a Torino, ed è sconosciuto alla famiglia. I parenti non sono riusciti a parlare direttamente con lei, che però starebbe bene
Luganese
A cercare la giovane è la sorella attraverso un appello social, la famiglia ha denunciato la scomparsa in Polizia (ma non sarebbe la prima volta che si allontana da casa). Anche il suo ragazzo a Torino non avrebbe notizie: il cellulare tace da quando è uscita di casa il 10 febbraio attorno alle 11.30