Arrestato il rapinatore di Ponte Cremenaga. È un frontaliere 57enne
L'uomo è stato fermato questa mattina presto a Novazzano grazie a un apposito dispositivo. Aveva agito a volto scoperto e armato di un coltello. La Polizia per risalire a lui ha collaborato con le Guardie di Confine
Luganese
NOVAZZANO - A cinque giorni dalla rapina a Ponte Cremenaga, dove era entrato armato di coltello e a volte scoperto, minacciando un dipendente e fuggendo con il bottino, la Polizia ha arrestato colui che ritiene essere il rapinatore.

Si tratta di un frontaliere 57enne, residente in Privincia di Como ma attivo professionalmente, appunto, in Ticino. L'uomo è stato fermato attorno alle 5.30 a Novazzano.

Al 57enne si è giunti grazie ad un certosino lavoro d'inchiesta da parte degli inquirenti della Polizia cantonale, in questa fase di indagine hanno fattivamente collaborato le Guardie di confine. Pure da evidenziare lo scambio di informazioni tra forze di polizia italiane e ticinesi. Un lavoro di squadra che in pochi giorni ha permesso di assicurare alla giustizia il presunto autore della rapina.

L'uomo, fermato nell'ambito di un apposito dispositivo, era alla guida di una vettura con targhe italiane.

L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Moreno Capella.


Pubblicato il 13.07.2017 10:44

Guarda anche

Luganese
Un 67enne aveva appena prelevato, il furto del marsupio contenente i soldi è avvenuto nel parcheggio delle FFS_ per fortuna non è ferito. Si cercano due uomini, fuggiti a piedi, sui 25-30 anni. Chiunque avesse informazioni è pregato di contattare la Polizia
Luganese
È accaduto attorno alle 17.10, non sono ancora chiari i contorni della vicenda, per cui la Polizia cerca testimoni. La sfortunata era ferma sul marciapiede ed è finita sotto il treno. Il traffico ferroviario e quello stradale rimarranno perturbati a causa dei rilievi in corso
Luganese
Il fondatore della Darwin, presentato dall'UDC, parla dell'aeroporto che vorrebbe, di indotto, di profitti, della compagnia, delle strutture, di collaborazione e di che cosa servirebbe. "Non sono la panacea di tutti i mali, però lo scalo è fermo, si strozza da solo"
Luganese
A carico della donna, responsabile del servizio richiedenti l'asilo del Cantone, non sarebbe risultato nulla di penalmente rilevante. Sansonetti le avrebbe promesso un buon prezzo nell'albergo di Bormio se avesse prenotato lui, come ha fatto, offrendo 150 euro per due pasti