Una trentina di persone con la GISO. "Non tutti credono al Mattino". Robbiani se la ride, "il fallimento di una manifestazione senza senso"
I giovani socialisti hanno voluto "mandare un segnale alla politica, siamo stufi. Per troppo tempo abbiamo lasciato campo libero alla destra, dobbiamo dimostrare l'alternativa socialista!"
Politica
CHIASSO - Criticata dalla destra, anche dal Ministro Norman Gobbi, oggi c'è stata la manifestazione non autorizzata organizzata dalla Gioventù Socialista per protestare contro i presunti abusi delle Guardie di Confine sui migranti.

Chi temeva scontri, ha sbagliato: solo una trentina di persone presenti. La GISO ha diramato il seguente comunicato, dove racconta la giornata:

"Circa trenta compagni e compagne erano oggi presenti alla marcia organizzata dalla Gioventù Socialista Svizzera per manifestare contro la politica migratoria svizzera, le condizioni incresciose che i migranti sono costretti a sopportare e le pratiche discutibili applicate dalle guardie di confine e dalle forze di polizia ticinesi. L’azione si è svolta in modo del tutto pacifico e dimostra che non tutti credono alla visione presentata sul Mattino della Domenica, secondo cui tutti i migranti sono criminali che vengono in Svizzera unicamente per vivere a nostre spese e non sono effettivamente in fuga dalla guerra, dalla fame e dalle dittature sanguinarie nei loro paesi d’origine.

I presenti si sono inizialmente radunati a Como, dove Don Giusto ha ribadito che le frontiere devono adattarsi ai bisogni di tutte le persone. Anche se i migranti non sono più presenti nel parco di fronte alla stazione di Como S. Giovanni, sono ancora purtroppo ben presenti e senza tetto all’interno della città. Il corteo si è poi spostato al valico di confine, dove la presidente della Gioventù Socialista Svizzera Tamara Funiciello ha espresso il suo sdegno: “vogliamo mandare un segnale alla politica, siamo stufi […], l’Europa deve ritrovare la sua umanità […]”. Ha infine preso la parola il membro ticinese Franco Gabriele Bolckau, il quale ha parlato della propria esperienza con la complicata burocrazia degli uffici permessi.

Quando si parla di migrazione, tutti pensano alla Lega e all’UDC e alle loro proposte di chiudere le frontiere, aumentare i controlli e introdurre dei contingenti. Per anni la Sinistra ha lasciato campo libero alla destra permettendo così che essi avessero il monopolio sul tema, finendo oltretutto spesso per banalizzarlo. Più la destra ci attaccava dicendo che siamo “buonisti” e “spalancatori di frontiere”, più stavamo in silenzio per paura di perdere consensi. Come Sinistra non possiamo lasciare il tema al monopolio mediatico della destra, ma dobbiamo denunciare la xenofobia dilagante e mostrare una chiara alternativa socialista. La Svizzera ha bisogno di una politica migratoria umana, solidale ed efficace!

La Svizzera necessita di una politica che voglia aiutare queste persone, che si ricorda i motivi che li hanno spinti ad abbandonare la loro patria rischiando la vita per attraversare il Mediterraneo e che superi la dicotomia “noi e loro”. Troppo spesso dimentichiamo che i migranti non sono numeri, bensì figli e figlie, fratelli e sorelle, mariti e mogli di qualcuno. L'unica cosa che ci differenzia è che noi abbiamo avuto la fortuna di nascere nella ricca Svizzera.

Per questi motivi la Gioventù Socialista Ticino ha deciso di concentrarsi maggiormente sul tema migratorio nei mesi a venire, organizzando varie attività a proposito. Criticare non basta, bisogna agire per cambiare ciò che ci disturba!".

Fra i più critici riguardo la manifestazione e il suo scopo c'era stato Massimiliano Robbiani, che oggi prontamente via social ha commentato: "20 persone!!! Un grande successo. Adesso tremiamo, aiutoo. Il fallimento di una protesta senza senso. Il PS in continua ascesa di consensi hehe, il popolo 'sano' sa benissimo ed è riconoscente per il servizio che offrono le nostre Guardie di Confine che quotidianamente lavorano per noi, difendendo il nostro confine nazionale". E non si è lasciato sfuggire l'occasione per attaccare ancora una volta Lisa Bosia Mirra, "impara e porta a casa".




Pubblicato il 15.07.2017 17:10

Guarda anche

Politica
Il PPD una volta dava un contributo al presidente ma ora non può più, i Verdi (come i socialisti) hanno la tessera però fanno lo sconto a giovani e disoccupati. Bignasca paga la segreteria leghista, inaspettati i costi di comunicazione
Politica
La deputata è una delle promotrici del progetto, in cui crede molto, dopo averlo sperimentato 'dall'altra parte della barricata'. "Abbiamo scelto di lavorare su alcuni temi di interesse comune, come le PMI, la digitalizzazione e la mobilità"
Politica
Fu medico conosciutissimo (fu il primo neurochirurgo a operare in Ticino), e personalità di spicco della Lega dei ticinesi, nelle cui fila venne eletto senatore nel 1991, sconfiggendo in una dura battaglia l'uscente Camillo Jelmini
Politica
Serbo croato e albanese non devono divenire lingue nazionali, "ne abbiamo quattro e la nostra entità culturale è questa. Ius soli? Assurdo che chi vive qui da sessant'anni non sia svizzero. La destra strumentalizza i temi legati agli stranieri"