Roger, non ci sono più aggettivi. Proviamo allora coi numeri...
Il tennista svizzero a quasi 36 anni vince il torneo di Wimbledon, a 14 anni dalla prima volta, battendo in tre set Cilic. Non ha mai perso un set, e anche per questo entra ancor di più nella storia. I suoi trionfi emozionano una Nazione
Sport
WIMBLEDON – Sempre la stessa magia, ogni volta, a ogni partita, a ogni finale.  E capita spesso. Una nazione che si ferma per un uomo che con una racchetta conquista il mondo. La Svizzera celebra ancora il suo campione più amato, quello che a poco meno di 36 anni ha saputo conquistare ancora Wimbledon.

Sotto gli occhi dei duchi di Cambridge, ma anche quelli, per lui molto più importanti, di sua moglie e dei suoi figli, sempre al suo fianco, capaci di farlo emozionare ancora, Roger Federer ha vinto il 19esimo titolo della sua carriera per cui ormai non esistono più aggettivi.

E allora proviamo con i numeri. È l’ottavo trionfo a Wimbledon, il secondo titolo Slam dell’anno. King Roger ha sconfitto in un’ora e 40 circa Cilic, senza concedergli nulla. Nell’intero torneo, non ha perso un set, il quinto nella storia a riuscirci: non accadeva dal 1976, allora fu Borg. È il vincitore più anziano di Wimbledon nell’era Open, qui solo quattro tennisti nella storia hanno vinto dopo i 35 anni. Federer oggi ha stabilito un record, vincendo a 14 anni dalla prima volta.

Forse ci riproverà fra un anno, ha detto col trofeo in mano, dopo aver chiuso in tre set con 6-3, 6-1, 6-4. Ha baciato la coppa, l’ha rimirata, si è emozionato, come la prima volta. La magia sta anche in questo, nello stupirsi e nel gioire dopo ogni trofeo, anche ora che ne ha vinti una marea, talmente tanti che elencarli tutti è difficile.

Insieme a lui, festeggia la Svizzera, fiera del suo King. Quando c’è Federer, è sempre cosi.


Pubblicato il 16.07.2017 22:19

Guarda anche

Sport
“È la prima volta – dice il presidente del Semine – in 32 anni di presidenza che capita una cosa simile. Sono molto dispiaciuto perché il razzismo non dovrebbe esistere né sui campi regionali né in quelli internazionali e in nessuna parte del mondo”
Sport
È andato in scena il primo Gran Premio della categoria nella Capitale. Felice Virginia Raggi, "pronti a replicare l'anno prossimo. Roma e l'Italia sono state al centro del mondo, con appassionati, turisti, cittadini, imprenditori e milioni di spettatori in tutto il mondo". GUARDA IL VIDEO
Sport
Per l'ex arbitro, il rigore contro il Real Madrid è stato corretto, "anzi Benatia andava espulso. La dichiarazione che un arbitro deve conoscere la storia della partita precedente è assurda: caro Gigi, l'hai fatta fuori dal vaso. Con la VAR non sarebbe cambiato niente"
Sport
Sia a Lugano che a Zurigo c'è grande attesa e anche il disguido delle date, spostate per problemi all'Hallenstadion, non fa scendere la febbre da finale. Per il debutto di domani alla Resega, i fans zurighesi rischiano di spendere più del doppio, mentre a Zurigo può andare solo chi fa parte della Curva Nord