"Bravo, portalo a riva!". Il cane salva il cerbiatto, e cerca di rianimarlo: la tenerezza assoluta di un gesto d'amore Video
Splendide le immagini, riprese dal padrone, di un golden retriver che trae in salva un cucciolo, e prova a scuoterlo, guaendo come in un pianto. L'uomo ha chiamato dei volontari animalisti, che si stanno occupando della bestiola. GUARDA IL VIDEO
Mixer
NEW YORK - Lo salva, poi cerca di scuoterlo, di farlo rinvenire. Prima col muso, e guaisce, quasi un pianto, poi con la zampa.

Una scena di tenerezza assoluta quella che vede protagonsta un golden retriever di nome Storm e un cerbiatto, che ha tratto in salvo dall'annegamento.

Il cane era andato, come ogni giorno, col suo padrone e la "sorellina" a quattro zampe Sara a passeggiare lungo la spiaggia di Port Jefferson,  a Long Island. Improvvisamente, si getta in acqua e il suo padrone si accorge che si sta dirigendo verso una sagoma: un animale in difficoltà, che si scoprirà essere un piccolo di cerbiatto, che probabilmente ha perso la mamma.

Storm lo porta a riva, tenendolo per il collo come fanno le madri coi cuccioli e lo depone a terra, cercando di farlo muovere. Il suo padrone filma tutto, e nel video, pubblicato in Italia dal Messaggero, e finito su Youtoube, lo si sente incoraggiare il cane. Le immagini, neanche a dirlo, hanno fatto il giro del mondo in poco tempo.

L'uomo ha contattato un'associazione che si occupa di animali. Il cerbiatto, spaventato, è fuggito di nuovo in acqua, questa volta sono stati due volontari a salvarlo e a riportarlo dapprima a riva e poi  in clinica, dove hanno trovato che era coperto di zecche e denutrito.

Presto starà bene, grazie al gesto di Storm, e alla prontezza del suo padrone.


Pubblicato il 18.07.2017 19:00

Guarda anche

Mixer
L'hastag che ha raccolto storie di donne ha spopolato: ne parliamo con la consulente in sessuologia Kathya Bonatti. "Il confine è toccare il corpo fisico o mostrare i genitali senza consenso. Cosa scatta nella mente di questi uomini? Non si può generalizzare. Anche le donne picchiano i partner"
Mixer
Una ragazza americana ha conosciuto un giovane in discoteca, 12 anni fa, per innamorarsene e poi scoprire che si tratta di Joel D. Makkonen, pronipote dell'ultimo imperatore d'Etiopa. Una storia che sembra una favola: una piccola pillola di romanticismo fa sempre bene!
Mixer
Un'altra giovane parla dei suoi troppi #quellavoltache. "È cominciato quando non potevo decodificare e capire, hanno gettato le basi per un rapporto contradditorio col mio corpo, con la nudità, col sesso. Non ho denunciato per proteggere tutti, per non essere massacrata, per la mia famiglia"
Mixer
La prima, tremenda testimonianza di una donna. "Quando mi picchiavano a casa, era di certo colpa mia. In clinica, dicevo che ero bambina che aveva bisogno di attenzioni, anche l'uomo che doveva verificare che ero vergine. Poi lo stupro con calci e bruciature di sigarette..." ‪#quellavoltache