Identificato l'uomo scomparso. Possibile un gesto estremo alla base della sparizione? Video
Si tratta del 63enne Franco Piero Biasca. È stato visto l'ultima volta ieri mattina attorno alle 8.15 a Molinazzo di Monteggio, e lo stanno cercando Vigili del Fuoco italiani e Polizia lacuale ticinese. GUARDA IL VIDEO DELLE RICERCHE
Luganese
MOLINAZZO DI MONTEGGIO - Non si trova. Sono iniziate ieri, riprese questa mattina e proseguon senza sosta le ricerche dell'uomo scomparso ieri nelle acque della Tresa.

L'ipotesi che si tratti di una persona di nazionalità svizzera è stata confermata dall'avviso di scomparsa diramato nel pomeriggio dalla Polizia Cantonale: si chiama Franco Piero Biasca, ha 63 anni (è nato il 5 febbraio del 1953), la sua dimora è ignota.

È stato visto l'ultima volta ieri attorno alle 8.15 da Molinazzo di Monteggio. Ha carnagione bianca, corporatura media, è alto 176 centrimetri, ha occhi castani, capelli grigi /bianchi ricci medio lunghi, con barba. Si esprime in tedesco e spagnolo e non si sa cosa indossasse al momento della scomparsa.

Le ricerche si sono concentrate in particolare nel tratto che va da Ponte Cremenaga alla diga di Creva  e stanno impegnando Vigili del Fuoco italiani e Polizia lacuale ticinese.

Secondo La Provincia di Varese, non è purtroppo da escludersi un gesto estremo.


Pubblicato il 06.08.2017 17:16

Guarda anche

Luganese
Il capogruppo Galeazzi: "come per il LAC, cerchiamo persone che non siano politici ma esperti. settore. Se entrambi i nostri possibili candidati scenderanno in campo, qualcuno non dormirà sonni tranquilli. Attenzione alla nuova Adria, non vorremmo licenziamenti"
Luganese
La capogruppo socialista a Lugano parla del futuro dello scalo: "deve stare in piedi da solo, e dovrebbe essere la LASA a prendersi le proprie responsabilità e fare investimenti. Il direttore è importa ma conta la squadra. Merlo? Non lo conosco"
Luganese
La donna, una 59enne, ha perso il controllo del motoveicolo ed è salita sul marciapiede dove lavoravano i due uomini, un 32enne della Provincia di Novara e un 50enne della regione
Luganese
Il giovane di origine albanese, che è stato apprendista ingegnere nello studio dove lavorò Paolo Beltraminelli, è fra i seguaci del 33enne condannato nei giorni scorsi. Dadò, "non lo conosco, e dopo le elezioni non si è più visto nè sentito"