Identificato l'uomo scomparso. Possibile un gesto estremo alla base della sparizione? Video
Si tratta del 63enne Franco Piero Biasca. È stato visto l'ultima volta ieri mattina attorno alle 8.15 a Molinazzo di Monteggio, e lo stanno cercando Vigili del Fuoco italiani e Polizia lacuale ticinese. GUARDA IL VIDEO DELLE RICERCHE
Luganese
MOLINAZZO DI MONTEGGIO - Non si trova. Sono iniziate ieri, riprese questa mattina e proseguon senza sosta le ricerche dell'uomo scomparso ieri nelle acque della Tresa.

L'ipotesi che si tratti di una persona di nazionalità svizzera è stata confermata dall'avviso di scomparsa diramato nel pomeriggio dalla Polizia Cantonale: si chiama Franco Piero Biasca, ha 63 anni (è nato il 5 febbraio del 1953), la sua dimora è ignota.

È stato visto l'ultima volta ieri attorno alle 8.15 da Molinazzo di Monteggio. Ha carnagione bianca, corporatura media, è alto 176 centrimetri, ha occhi castani, capelli grigi /bianchi ricci medio lunghi, con barba. Si esprime in tedesco e spagnolo e non si sa cosa indossasse al momento della scomparsa.

Le ricerche si sono concentrate in particolare nel tratto che va da Ponte Cremenaga alla diga di Creva  e stanno impegnando Vigili del Fuoco italiani e Polizia lacuale ticinese.

Secondo La Provincia di Varese, non è purtroppo da escludersi un gesto estremo.


Pubblicato il 06.08.2017 17:16

Guarda anche

Luganese
Era attesa, ed è arrivata nell'edizione odierna, la replica del direttore del CdT alla presa di posizione di Falò. "Comprensibile e pacata la reazione del sindacato Unia, ridicolmente indecenti le altre, soprattutto in quel di Comano". E esprime perplessità sulla CPI
Luganese
Il responsabile della trasmissione ha firmato una nota social: "avrebbero potuto farci una telefonata. Morini è stato dichiarato attendibile dalla Magistratura, ma non lo hanno detto. E per UNIA abbiamo parlato con Formato. Le fonti non si rivelano nemmeno sotto tortura"
Luganese
L'uomo ha una rendita di invalidità nella vicina Penisola, e dal 2013 al 2016 è risultato socio e presidente della gerenza di Maki Sagl a Cresciano. Un indirizzo non nuovo, perché vi sarebbero stati alloggiati dei rifugiati: un caso? Il dossier è in mano a Procura e Governo
Luganese
L'uomo è stato fermato tre giorni fa nell'ambito di un'inchiesta antidroga. Pare abbia spacciato importanti quantitativi di cannabis e cocaina a consumatori locali