Le nere previsioni di Bühler, "col 9 febbraio è stato un tradimento e con Prima i nostri non andrà diversamente"
Il vicepresidente dell'UDC commenta le dichiarazioni del direttore della Camera di Commercio che ritiene che "in alcuni casi la legge favorirà i frontalieri": "è una corsia preferenziale per loro! Grazie PLR, PS, Verdi e PPD!"
Politica
BELLINZONA - La legge di applicazione del 9 febbraio è una ferita ancora aperta per la destra politica. Che non crede più, se prima ci credeva, alla sinistra (ma nelle dinamiche politiche ci sta) e al centro. Ogni occasione infatti è buona per riparlare di tradimento. Il vicepresidente dell'UDC Alain Bühler è convinto che con "Prima i nostri" andrà a finire nello stesso modo.

La miccia che ha riacceso gli animi sul tema è stata una dichiarazione di Luca Albertoni, direttore della Camera di Commercio del Ticino, al Giornale del Popolo. L'applicazione della legge del 9 febbraio costringerà a aumentare gli addetti agli URC, dato che i datori di lavoro saranno costretti a segnalare i posti mancanti (in fondo, aggiungiamo noi, già qui qualcuno in più troverà lavoro...). Secondo Albertoni, però, la legge favorirà in particolare i frontalieri, dato che anche essi, iscrivendosi agli URC, avrebbero la possibilità di essere contattati dai datori di lavoro esattamente come i residenti.

"I problemi dell'applicazione erano noti e si confermano. Si dimostra che le soluzioni apparentemente semplici spesso non lo sono, anzi, creano solo burocrazia che va a scapito dei lavoratori indigeni", ha affermato.

Decisamente più duro Alain Bühler, che ha commentato via Facebook. "Il tradimento del 16 dicembre scorso ha creato una corsia preferenziale per i frontalieri. Non solo continueranno ad avere una preferenza rispetto alla manodopera residente, ma i datori di lavoro potranno giustificarsi dicendo di assumerli compatibilmente alla legge d'applicazione del 9 febbraio, tramite gli URC. Ringraziamo PLR, PS, Verdi e il PPD per questo fantastico regalo. Dubito che si comporteranno diversamente in Gran Consiglio quando saranno chiamati ad approvare l'applicazione di Prima i Nostri...". Insomma, rimpianti e un attacco di chi non prevede all'orizzonte nulla di nuovo.

Nella foto la speciale Commissione di lavoro per Prima i nostri al lavoro




Pubblicato il 09.08.2017 19:00

Guarda anche

Politica
Il Consiglio di Stato ha inviato una lettera al gruppo parlamentare liberale per sostenere il ticinese. "Il protrarsi dell'assenza della Svizzera Italiana in Consiglio Federale metterebbe in discussione il principio dell'equa ripartizione"
Politica
Il presidente del PLRT si toglie qualche sassolino dalla scarpa, confermando che "la Romandia sta lottando fino alla fine con grande determinazione per difendere il seggio. Mi fa piacere il sostegno della Pro Grigioni, la terza Svizzera deve sedere a Berna
Politica
Il leghista commenta il caso che ieri ha scosso la politica. "Certamente il PPD era in buona fede. Ma un partito basato su un referente cristiano dovrebbe farsi qualche domanda supplementare prima di presentare certe candidature"
Politica
Il movimento ecologista e il sindacato hanno ben chiara quale deve essere la soglia sotto cui il Governo non dovrà andare per stabilire il salario minimo, "che deve permettere ai lavoratori residenti di vivere coi propri mezzi senza aiuti sociali"