Maristella Polli, "se un giovane si interessa di politica ma non la conosce, troverà utile il programma Mentoring.". La sua allieva, "voglio vedere cosa sta dietro questo mondo"
La deputata sta svolgendo il programma proposto dal PLR assieme alla consigliera comunale di Mezzovico-Vira Sara Russomanno. "Sono una novellina della politica". Polli, "il rapporto è caratterizzato da complicità e sostegno"
Politica
BELLINZONA - “Il Mentoring mi permette di accrescere le mie conoscenze sul meccanismo della politica, di provare a vedere cosa realmente sta dietro e non solo davanti”, così esordisce Sara Russomanno, consigliera comunale di Mezzovico-Vira.

Sara, assieme ad altri quattordici giovani, fa parte del programma di Mentoring che è stato lanciato dal PLRT nello scorso mese di aprile. Abbiamo fatto una chiacchierata con lei e con la sua mentore, Maristella Polli, attualmente membro di GC per il PLR, per capire meglio cosa spinge i giovani ad avvicinarsi al mondo della politica e, aspetto altrettanto importante, cosa incoraggia i politici più esperti a mettere a disposizione il proprio prezioso bagaglio di conoscenze.

Sara, perché ti sei candidata per partecipare al programma Mentoring del PLRT?
"Sono una novellina in politica, essere stata eletta come consigliere comunale credo non ti permetta di imparare a conoscere fino in fondo il mondo politico. Certo quattro anni non sono pochi, ma neppure moltissimi. Se davvero il tempo vola, essermi candidata al programma Mentoring era ed è tuttora una valida possibilità di raggiungere lo scopo di conoscere il più possibile la realtà politica".

Maristella, cosa l`ha spinta a mettersi a disposizione come mentore?
"La mia passione per la politica che ho trasferito e maturato in una lunga esperienza istituzionale e penso di avere una buona predisposizione a trasferire i “segreti” della mia attività a qualcuno che possa progredire, evolvere e trovare soddisfazione nell`accettare di occuparsi della cosa pubblica. Il mio ruolo dovrebbe rappresentare una specifica misura di supporto per i giovani, una metodologia formale ed effettiva da adottare in politica, tramite cui offrire un aiuto allo sviluppo delle carriere e quindi trasferire la conoscenza e l`esperienza dei meno giovani alle nuove generazioni. I risultati raggiunti attraverso le prime esperienze di Mentoring sperimentate inizialmente anche in altri ambiti hanno fatto sì che si potesse pensare concretamente alla possibilità di validi programmi per favorire ad esempio anche la realizzazione di pari opportunità fra donne e uomini in ambito politico".

Sara, quando hai iniziato a occuparti di politica, e cosa ti ha spinto ad avvicinarti a questo mondo?
"Ho iniziato ad occuparmene solo al momento in cui ho deciso di candidarmi alle elezioni comunali. Attualmente sono consigliere comunale a Mezzovico-Vira. Nella precedente legislatura ho avuto la fortuna di poter seguire mio padre. Oggi sono qui, sicuramente grazie a lui. Averlo seguito nei suoi quattro anni mi ha permesso di capire di avere un interesse verso la politica."

Maristella, cosa significa in concreto, svolgere il ruolo di Mentore in questo programma?
"Il Mentoring è un processo metodologico nel quale una persona segue da vicino e promuove la corriera e lo sviluppo politico di un giovane istaurando un rapporto che non è di subordinazione bensì caratterizzato da una relazione amichevole e cordiale, di complicità e sostegno. Le potenzialità di siffatta relazione è tale per cui essa, concretamente, può permettere di far spazio, all`interno della nostra realtà di partito, all`apprendimento ed alla sperimentazione, favorendo così lo sviluppo di nuove potenzialità personali".

Sara, hai già avuto occasione di incontrare il tuo mentore? È stato un utile?
"Certo, ho avuto occasione di incontrare il mio Mentore ed è stata un’occasione per conoscerci e stabilire cosa potrà portare ad entrambi questo progetto. Direi dunque che è stato utile. Sebbene siano passati solo pochi mesi dall’inizio del programma, non ho dubbi che qualora avessi un amico/a a cui interessa la politica glielo proporrei! Se esiste l’interesse sono sicura che un’esperienza simile non può che far bene".

Maristella, lei che impressione ha tratto dai primi incontri con il giovane politico di cui è mentore?
"Sara ed io ci siamo già incontrate ed abbiamo trascorso alcune ore insieme per conoscerci, per capire, anche da parte mia, se l`intesa poteva essere instaurata. Ebbene sì: l`empatia è scattata subito ed ho cercato di mettere al corrente di come lavoro, di come mi appassiono nello svolgere il mio compito, o meglio i miei compiti, in ambito partitico. Le ho affidato un primo incarico che riguarda una ricerca che sto elaborando sull`interesse dei giovani in politica, ricerca che ho condotto nel mio comune tramite un questionario e che quindi abbisogna di un`interpretazione approfondita. Un lavoro che mi coinvolge in prima persona ma che volevo condividere con Sara".

Dunque, conclude Polli, “se un giovane veramente ama la politica, vuole farne parte ma non conosce le regole, è stimolato da esempi vicino a lui, vuole sperimentare in prima persona, vuole aiutare a capire e magari trovare soluzioni per i problemi quotidiani dei cittadini, allora questo programma può servigli molto”.


Pubblicato il 10.08.2017 11:29

Guarda anche

Politica
Il Comitato Cantonale dei socialisti ha bocciato il pacchetto fiscale legato a quello sociale. "Continuando con una politica sistematica di tagli di spesa, a lungo termine lo Stato si troverà nella condizione di nuovo di non avere più risorse sufficienti per far capo ai bisogni"
Politica
I socialisti contro il Corriere del Ticino. "Non è accettabile definirli infiltrati di UNIA: esprimiamo il più il nostro più disaccordo riguardo a questi metodi a un modo di fare giornalismo che invece di fare luce squalificare il valoro delle testimonianze e del lavoro sindacale"
Politica
Il Gran Consiglio potrebbe dire la sua sul progetto della Sottocomissione della vigilanza, fatto proprio dalla Gestione, già nella prossima seduta. La Procura conferma che Morini è un teste affidabile, adesso si scopre che un altro agente Argo 1 passava le informazioni all'esterno
Politica
La testimonianza di un 33enne, "della generazione ibrida", del Sud, "medaglia di sfigato al petto", una laurea presa lavorando per mantenersi e "tanti sogni in un cassetto che non si aprirà mai. A un certo punto, sono partito per il Ticino. Ma il Paradiso non è di questa Terra"