Il borsone sparito e ricomparso... Al nuovo acquisto del Lugano vittima di furto, oggi l'Arsenio Lupin della situazione ha restituito il maltolto
Il borsone, con i pattini del giocatore finlandese, oltre al suo materiale da gioco personale, era stato sottratto dal bagagliaio del bus della squadra durante una cena. La società aveva rivolto un appello, e questa mattina ha ritrovato la borsa davanti alla sede
Sport
LUGANO - Cominciamo bene, avrà certamente pensato Jani Lajunen, nuovo acquisto del Lugano Hockey. Giunto dal Tappara, squadra finlandese dove ha vinto due titoli consecutivi, si è visto costretto a non allenarsi per... furto! Una sorta di spy storxy estiva che stamattina si è conclusa nel migliore dei modi.

L'altra sera, infatti, il Lugano ha giocato un'amichevole a Biasca contro i Rockets. Lajunen, come i compagni, dopo la conclusione della sfida, ha messo il borsone col suo materiale da gioco personale e soprattutto i suoi pattini nel bagaglialio del bus. Dopo la cena coi compagni alla Raiffeisen BiascArena, la brutta sorpresa: il borsone era sparito.

E il finlandese, ieri, non ha potuto allenarsi. In particolare, ha fatto notare il Lugano in una nota, "i pattini sono notoriamente una parte delicata e molto personalizzata dell’equipaggiamento di un giocatore professionista, in modo particolare nei primi giorni della preparazione sul ghiaccio dopo la pausa estiva". Per questo, invitava chiunque avesse informazioni sul ladro a farsi vivo.

Fortunatamente, il borsone con il materiale di gioco personale dell’attaccante finlandese e soprattutto tutti i pattini in sua dotazione è stato infatti trovato questa mattina presto davanti al palazzo di Via Chiosso 7 a Porza dove hanno sede gli uffici dell’Hockey Club Lugano. Non si sa chi l'abbia preso, ma l'autore del furto ha messo fine alla sua bravata, definita dal Lugano stupida.

"La cattiva coscienza ha prevalso", scrive la società bianconera.

Lajunen potrà dunque scendere regolamente sul ghiaccio nell'amichevole, con entrata gratuita, prevista per questa sera alle 19.45 contro gli ZCS Lions.

Tutto è bene quel che finisce bene, ma, continuando coi provervi, probabilmente il finlandese penserà che se il buongiorno si vede dal mattino... Ci auguriamo, per il bene dei bianconeri e dell'hockey ticinese, che sia davvero solo un modo di dire!




Pubblicato il 11.08.2017 11:24

Guarda anche

Sport
Girone complicato quello degli uomini di Petkovic, finiti nel gruppo E. In caso di passaggio del turno, toccherebbe la prima o la seconda fra i teutonici, la Svezia, il Messico e la Corea del Sud. Compito semplice per la Francia, mentre Portogallo e Spagna finiscono assieme
Sport
La società bianconera non aveva voluto denunciare nessuno per gli ammanchi relativi a biglietti e abbonamenti, e nega che un licenziamento sia dovuto a quello. Il Ministero Pubblico ha comunque aperto un incarto, per capire se vi sono delle responsabilità penali
Sport
Partita ricca di tensione in una serata piovosa a Basilea. L'Irlanda del Nord parte forte nei primi minuti, poi Seferovic sbaglia parecchi gol, e fino alla fine la qualificazione è rimasta in ballo: in extremis, salvataggio provvidenziale di Rodríguez, l'eroe dello spareggio
Sport
Il club inizialmente non ha voluto commentare le voci in merito al licenziamento di un dipendente amministrativo e alla richiesta ad un altro di lasciare il posto a breve, poi ha emesso una nota: "i cambi nel nostro organico non sono in relazione con le verifiche sugli ammanchi che stiamo effettuando"