Minacciano e rapinano due donne con un coltello, tentano di rapinarne un'altra: arrestati due marocchini residenti nel Bergamasco
I fatti sono avvenuti questa notte a Lugano, i due hanno rispettivamente 36 e 39 anni. Sono stati fermati in Riva Caccia, mentre erano a bordo di una vettura con targhe italiane. La Polizia cerca testimoni
Luganese
LUGANO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Lugano comunicano che oggi poco prima delle 3 sono stati arrestati due cittadini marocchini di 39 e 36 anni residenti in provincia di Bergamo.

Questi ultimi sono i presunti autori di una rapina a danno di due donne, minacciate con un coltello, avvenuta poco dopo le 2 in via Molinazzo a Lugano nonché di una tentata rapina a danno di una donna in zona lungolago.

Nell'ambito del dispositivo di ricerca coordinato dalla Polizia cantonale, i due autori sono stati successivamente fermati in Riva Caccia da agenti della Polizia della città di Lugano, mentre si trovavano a bordo di una vettura di piccola cilindrata con targhe italiane.

Dopo l'interrogatorio da parte di agenti della Polizia cantonale sono stati arrestati. L'ipotesi di reato nei loro confronti è di rapina. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

Si invitano eventuali testimoni nonché la vittima della tentata rapina a contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

Pubblicato il 12.08.2017 11:22

Guarda anche

Luganese
10 milioni di debito, altrettanti prestati da una banca luganese poco prima della vendita che non è avvenuta a Adria ma a Phoenix, un'azienda detenuta da Adria stessa. A garanzia, cinque dei sei aerei che ora finiranno in America. E Lugano Airport vuole saperne di più
Luganese
La donna fermata e rilasciata in relazione all'istigazione al suicidio assistito è l'ex infermiera, a cui il DSS ritirò il permesso di operare, già protagonista nel campo della dolce morte in Ticino
Luganese
Si tratta di una 50enne italiana residente nel Luganese, interrogati anche alcuni collaboratori. L'ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti è istigazione al suicidio legata in particolare agli aspetti finanziari di questa attiività
Luganese
L'uomo, un 41enne, e la donna, una 49enne, entrambi cittadini italiani residenti nel Luganese, sono stati arrestati ieri: avrebbero ingannato le autorità ed anche alcuni dipendenti