Minacciano e rapinano due donne con un coltello, tentano di rapinarne un'altra: arrestati due marocchini residenti nel Bergamasco
I fatti sono avvenuti questa notte a Lugano, i due hanno rispettivamente 36 e 39 anni. Sono stati fermati in Riva Caccia, mentre erano a bordo di una vettura con targhe italiane. La Polizia cerca testimoni
Luganese
LUGANO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Lugano comunicano che oggi poco prima delle 3 sono stati arrestati due cittadini marocchini di 39 e 36 anni residenti in provincia di Bergamo.

Questi ultimi sono i presunti autori di una rapina a danno di due donne, minacciate con un coltello, avvenuta poco dopo le 2 in via Molinazzo a Lugano nonché di una tentata rapina a danno di una donna in zona lungolago.

Nell'ambito del dispositivo di ricerca coordinato dalla Polizia cantonale, i due autori sono stati successivamente fermati in Riva Caccia da agenti della Polizia della città di Lugano, mentre si trovavano a bordo di una vettura di piccola cilindrata con targhe italiane.

Dopo l'interrogatorio da parte di agenti della Polizia cantonale sono stati arrestati. L'ipotesi di reato nei loro confronti è di rapina. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

Si invitano eventuali testimoni nonché la vittima della tentata rapina a contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

Pubblicato il 12.08.2017 11:22

Guarda anche

Luganese
Il capogruppo Galeazzi: "come per il LAC, cerchiamo persone che non siano politici ma esperti. settore. Se entrambi i nostri possibili candidati scenderanno in campo, qualcuno non dormirà sonni tranquilli. Attenzione alla nuova Adria, non vorremmo licenziamenti"
Luganese
La capogruppo socialista a Lugano parla del futuro dello scalo: "deve stare in piedi da solo, e dovrebbe essere la LASA a prendersi le proprie responsabilità e fare investimenti. Il direttore è importa ma conta la squadra. Merlo? Non lo conosco"
Luganese
La donna, una 59enne, ha perso il controllo del motoveicolo ed è salita sul marciapiede dove lavoravano i due uomini, un 32enne della Provincia di Novara e un 50enne della regione
Luganese
Il giovane di origine albanese, che è stato apprendista ingegnere nello studio dove lavorò Paolo Beltraminelli, è fra i seguaci del 33enne condannato nei giorni scorsi. Dadò, "non lo conosco, e dopo le elezioni non si è più visto nè sentito"