Minacciano e rapinano due donne con un coltello, tentano di rapinarne un'altra: arrestati due marocchini residenti nel Bergamasco
I fatti sono avvenuti questa notte a Lugano, i due hanno rispettivamente 36 e 39 anni. Sono stati fermati in Riva Caccia, mentre erano a bordo di una vettura con targhe italiane. La Polizia cerca testimoni
Luganese
LUGANO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Lugano comunicano che oggi poco prima delle 3 sono stati arrestati due cittadini marocchini di 39 e 36 anni residenti in provincia di Bergamo.

Questi ultimi sono i presunti autori di una rapina a danno di due donne, minacciate con un coltello, avvenuta poco dopo le 2 in via Molinazzo a Lugano nonché di una tentata rapina a danno di una donna in zona lungolago.

Nell'ambito del dispositivo di ricerca coordinato dalla Polizia cantonale, i due autori sono stati successivamente fermati in Riva Caccia da agenti della Polizia della città di Lugano, mentre si trovavano a bordo di una vettura di piccola cilindrata con targhe italiane.

Dopo l'interrogatorio da parte di agenti della Polizia cantonale sono stati arrestati. L'ipotesi di reato nei loro confronti è di rapina. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

Si invitano eventuali testimoni nonché la vittima della tentata rapina a contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

Pubblicato il 12.08.2017 11:22

Guarda anche

Luganese
Era attesa, ed è arrivata nell'edizione odierna, la replica del direttore del CdT alla presa di posizione di Falò. "Comprensibile e pacata la reazione del sindacato Unia, ridicolmente indecenti le altre, soprattutto in quel di Comano". E esprime perplessità sulla CPI
Luganese
Il responsabile della trasmissione ha firmato una nota social: "avrebbero potuto farci una telefonata. Morini è stato dichiarato attendibile dalla Magistratura, ma non lo hanno detto. E per UNIA abbiamo parlato con Formato. Le fonti non si rivelano nemmeno sotto tortura"
Luganese
L'uomo ha una rendita di invalidità nella vicina Penisola, e dal 2013 al 2016 è risultato socio e presidente della gerenza di Maki Sagl a Cresciano. Un indirizzo non nuovo, perché vi sarebbero stati alloggiati dei rifugiati: un caso? Il dossier è in mano a Procura e Governo
Luganese
L'uomo è stato fermato tre giorni fa nell'ambito di un'inchiesta antidroga. Pare abbia spacciato importanti quantitativi di cannabis e cocaina a consumatori locali