ESCLUSIVO Barcellona si rialza. "Se volete farci paura, non ci riuscirete!" Ecco le immagine della Rambla che ricomincia a vivere Video
Un inviato speciale di TicinoLibero ci propone le immagini della strada colpita dall'attentato dell'altro giorno: una distesa di fiori, di ricordi, e di gente che vuole ricominciare a vivere e non avere paura. GUARDA LE FOTO E IL VIDEO
Estero
BARCELLONA - A pochi giorni dal terrore scatenato sulla Rambla di Barcellona dall'ultimo (in ordine di tempo) attentato islamico, TicinoLibero è in grado di fornirvi in eslcusiva un reportage con foto e video di come la città catalana sta reagendo allo shock.

Ovvero, tornando a vivere, ricominciando ad affollare la zona, più forte di prima. C'è dolore, c'è rabbia, c'è tanta voglia, soprattutto, di ripartire, e di vivere.

Uno nostro contatto, che per lavoro gira il mondo e che in questi giorni si trovava proprio a Barcellona, ci ha fatto avere la testimonianza della grinta degli spagnoli. "Non ce la faranno a farci paura, quei vigliacchi", ci dice, e lo ripete nel video La sua rabbia è quella dei catalani colpiti al cuore, "se hanno voluto fare paura hanno sbagliato. Mi dispiace per i morti, però vogliono sottomettere l'Occidente e non ce la faranno".

Passeggia sulla Ramblas, e gli sembra di attraversare un parco fiorito. Ci sono fiori dovunque, portati da gente comune, che vuole esprimere vicinanza alle famiglie delle vittime. Fiori per delle vite finite in tragedia. "È facile fare un attentato qui, c'è sempre molta gente", racconta il nostro "inviato speciale", esprimendo quello che prova la gente.

Dopo alcuni giorni, la vita è ricominciata. Nessuno vuole avere paura, a Barcellona.


Pubblicato il 25.08.2017 09:00

Guarda anche

Estero
La Corte del Tribunale d’Appello del Baden-Wurttemberg ha ribaltato la sentenza di quello di Stoccarda, che non voleva far applicare la pena comminata in Ticino al 42enne che compì dei folli sorpassi nella galleria del Gottardo, e che si era sempre fatto beffe della Svizzera...
Estero
In occasione del 25 aprile, festa della Liberazione, pubblichiamo la dura analisi sulla Penisola di oggi da parte di un giurista internazionale, che giudica Berlusconi e Renzi "frutti velenosi di una pessima classe dirigente", attacca la Lega Nord, parla di una "stagione cupa" ma poi apre alla speranza
Estero
Il bambino di 23 mesi soffre di una rara malattia, e come nel caso di Charlie Gad, si impone di staccare le macchine. Ancora una volta, l'Italia si è detta pronta a accoglierlo e gli ha dato la cittadinanza. Ieri è stato tolto l'ossigeno, ma poi... Una storia commovente di forza e speranza
Estero
Il segretario di Stato per le questioni finanziarie internazionali Jörg Gasser ha specificato che la Svizzera sarebbe stata pronta a firmare anche con Gentiloni. "L'accordo come sarebbe ora è un buon compromesso per entrambi. La road map non dovrebbe cambiare, l'intesa sui frontalieri chissà. Per quanto riguarda le banche..."