ESCLUSIVO Barcellona si rialza. "Se volete farci paura, non ci riuscirete!" Ecco le immagine della Rambla che ricomincia a vivere Video
Un inviato speciale di TicinoLibero ci propone le immagini della strada colpita dall'attentato dell'altro giorno: una distesa di fiori, di ricordi, e di gente che vuole ricominciare a vivere e non avere paura. GUARDA LE FOTO E IL VIDEO
Estero
BARCELLONA - A pochi giorni dal terrore scatenato sulla Rambla di Barcellona dall'ultimo (in ordine di tempo) attentato islamico, TicinoLibero è in grado di fornirvi in eslcusiva un reportage con foto e video di come la città catalana sta reagendo allo shock.

Ovvero, tornando a vivere, ricominciando ad affollare la zona, più forte di prima. C'è dolore, c'è rabbia, c'è tanta voglia, soprattutto, di ripartire, e di vivere.

Uno nostro contatto, che per lavoro gira il mondo e che in questi giorni si trovava proprio a Barcellona, ci ha fatto avere la testimonianza della grinta degli spagnoli. "Non ce la faranno a farci paura, quei vigliacchi", ci dice, e lo ripete nel video La sua rabbia è quella dei catalani colpiti al cuore, "se hanno voluto fare paura hanno sbagliato. Mi dispiace per i morti, però vogliono sottomettere l'Occidente e non ce la faranno".

Passeggia sulla Ramblas, e gli sembra di attraversare un parco fiorito. Ci sono fiori dovunque, portati da gente comune, che vuole esprimere vicinanza alle famiglie delle vittime. Fiori per delle vite finite in tragedia. "È facile fare un attentato qui, c'è sempre molta gente", racconta il nostro "inviato speciale", esprimendo quello che prova la gente.

Dopo alcuni giorni, la vita è ricominciata. Nessuno vuole avere paura, a Barcellona.


Pubblicato il 25.08.2017 09:00

Guarda anche

Estero
Un ordigno è esploso questa mattina attorno alle 8.20, un'ora di punta, e gli artificieri stanno lavorando per disinnescarne un secondo. Fortunatamente, non ci sono morti, i feriti sono una ventina, parecchi con bruciature al volto
Estero
Riflessioni sulla sconvolgente storia della ragazzina uccisa dal proprio ragazzo: un amore contrastato, con alti e bassi, come racconta il profilo Facebook di Noemi Durini, con le famiglie contro. Il padre di lui la definiva "un cancro", i genitori di lei avevano chiesto aiuto
Estero
A scatenare il caso erano state delle immagini della Presidente della Confederazione Leuthard e proprio del conduttore della trasmissione, "beccato" di nuovo. "Predica bene e razzola male"?. Parrebbe di no, perché in tv ci si chiede "è giusto pagare sempre prezzi gonfiati?"
Estero
Gyula Marfi si è distinto recentemente per dichiarazioni durissime in merito all'immigrazione: "nel nome del multiculturalismo accresciamo la monocultura, siamo nell'epoca della decadenza. Accettiamo anche la cultura gender: chi appoggia queste contraddizioni ha perso la ragione"