Merlo smentisce, "non siamo passati all'UDC. Diversi colleghi ci hanno proposto il passaggio al loro partito dopo l'espulsione"
A voce non si era sbilanciata, sui social smentisce la notizia del giorno nella politica ticinese. "Dal 2 maggio il gruppo parlamentare dei Verdi si riunisce e non possiamo riferire la posizione nelle commissioni". Botta e risposta con Crivelli Barella
Politica
BELLINZONA - Jessica Bottinelli, co-coordinatrice dei Verdi, ne sarebbe stata quasi sollevata, Piero Marchesi aveva parlato favorevolmente di una loro entrata nell'UDC, spiegando su ticinonews.ch che la visione ambientalista sarebbe "un arricchimento per il partito", oltre a condividere con i due temi comuni

Ma a quanto pare, stando almeno alla smentita Facebook di Tamara Merlo (che oggi però non si era sbilanciata né per il sì né per il no), lei e Franco Denti non sono passati all'UDC: cosa accadrà nei prossimi giorni o mesi, non è dato sapersi. 

Comunque, Merlo sui social è chiara, "no, non siamo passati all'UDC. Diversi colleghi di Gran Consiglio ci hanno offerto la loro solidarietà e "un posto nel loro partito" dopo la nostra espulsione dai Verdi".

"Ieri, ad esempio, in Commissione scolastica, il collega Claudio Franscella mi ha detto di andare da loro (PPD) - sorridendo! - dopo che ho espresso il mio rammarico per non poter riferire la posizione del Gruppo parlamentare "I Verdi" su una questione", ha riferito, per poi attaccare: "infatti è dal 2 maggio che il Gruppo parlamentare "I Verdi" non si riunisce più - come invece dovrebbe fare, visto che i finanziamenti pubblici servono ai lavori dei gruppi parlamentari (non ai partiti). E ciò nonostante che Franco Denti, Maristella Patuzzi e io abbiamo chiesto più volte al capogruppo Francesco Maggi di convocare il gruppo, anche facendo appello all'Ufficio presidenziale del Gran Consiglio perché interceda".

Fra messaggi vari di sostegno, arriva quello, conciso e duro, di Claudia Crivelli Barella, che fa notare come "il gruppo si riunisce regolarmente, per scelta voi non ne fate più parte".

E Merlo, prontamente: "il gruppo parlamentare, per legge, è composto anche da noi tre. Non convocarci alle riunione è scorretto".

Il clima, insomma, è invivibile...


Pubblicato il 12.09.2017 18:15

Guarda anche

Politica
Nuova documentazione sarebbe arrivata sul tavolo del Procuratore Generale, che ha così riaperto il dossier (dopo aver firmato un decreto d'abbandono). Intanto l'Ufficio Presidenziale risponde al Governo, sottolineando che diversi rimborsi, dal cellulare ai due mesi di salario extra, non hanno base legale
Politica
Aveva 94 anni, fra poco più di un mese ne avrebbe compiuti 95. Avvocato, ha esercitato nella Magistratura nei minorenni ed è stato Prucuratore Pubblico del Sopraceneri. In politica, di fede socialista, è partito dal Municipio di Chiasso per poi passare al Parlamento e infine al Governo, dove è rimasto per 12 anni
Politica
Mentre verrà aggiornata la documentazione da sottoporre all'UP, i Ministri continueranno a ricevere i rimborsi. "Sospenderli sarebbe come ammettere la propria colpa...", chiosa Pinoja, per Agustoni, Caverzasio e Durisch sarebbe meglio sospenderli. Il deputato MPS lo chiede ufficialmente all'UPDS stesso
Politica
Il presidente liberale sostiene il pacchetto fiscale contro cui la sinistra ha promosso il referendum. "Siamo poco concorrenziali rispetto ad altri Cantoni, dobbiamo allinearci al resto del Paese. È un patto sociale a favore delle aziende ma anche delle famiglie da accogliere nel suo insieme"