Merlo smentisce, "non siamo passati all'UDC. Diversi colleghi ci hanno proposto il passaggio al loro partito dopo l'espulsione"
A voce non si era sbilanciata, sui social smentisce la notizia del giorno nella politica ticinese. "Dal 2 maggio il gruppo parlamentare dei Verdi si riunisce e non possiamo riferire la posizione nelle commissioni". Botta e risposta con Crivelli Barella
Politica
BELLINZONA - Jessica Bottinelli, co-coordinatrice dei Verdi, ne sarebbe stata quasi sollevata, Piero Marchesi aveva parlato favorevolmente di una loro entrata nell'UDC, spiegando su ticinonews.ch che la visione ambientalista sarebbe "un arricchimento per il partito", oltre a condividere con i due temi comuni

Ma a quanto pare, stando almeno alla smentita Facebook di Tamara Merlo (che oggi però non si era sbilanciata né per il sì né per il no), lei e Franco Denti non sono passati all'UDC: cosa accadrà nei prossimi giorni o mesi, non è dato sapersi. 

Comunque, Merlo sui social è chiara, "no, non siamo passati all'UDC. Diversi colleghi di Gran Consiglio ci hanno offerto la loro solidarietà e "un posto nel loro partito" dopo la nostra espulsione dai Verdi".

"Ieri, ad esempio, in Commissione scolastica, il collega Claudio Franscella mi ha detto di andare da loro (PPD) - sorridendo! - dopo che ho espresso il mio rammarico per non poter riferire la posizione del Gruppo parlamentare "I Verdi" su una questione", ha riferito, per poi attaccare: "infatti è dal 2 maggio che il Gruppo parlamentare "I Verdi" non si riunisce più - come invece dovrebbe fare, visto che i finanziamenti pubblici servono ai lavori dei gruppi parlamentari (non ai partiti). E ciò nonostante che Franco Denti, Maristella Patuzzi e io abbiamo chiesto più volte al capogruppo Francesco Maggi di convocare il gruppo, anche facendo appello all'Ufficio presidenziale del Gran Consiglio perché interceda".

Fra messaggi vari di sostegno, arriva quello, conciso e duro, di Claudia Crivelli Barella, che fa notare come "il gruppo si riunisce regolarmente, per scelta voi non ne fate più parte".

E Merlo, prontamente: "il gruppo parlamentare, per legge, è composto anche da noi tre. Non convocarci alle riunione è scorretto".

Il clima, insomma, è invivibile...


Pubblicato il 12.09.2017 18:15

Guarda anche

Politica
Come previsto, nessun rimescolamento nei Dipartimenti, all'ultimo arrivato va quello di Burkhalter. "Un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le diverse culture sul piano internazionale". Gaffuri, "le sue radici italiane aiuteranno"
Politica
Il presidente, uno dei protagonisti dell'elezione, commenta su Opinione Liberale: "la Svizzera ha dimostrato sensibilità verso la Svizzera Italiana. Berna sarà un po' più vicina al Ticino e il Ticino sarà un po' meglio ascoltato a Berna. Non si riceve nulla senza dare nulla"
Politica
Un sondaggio via Facebook fa emergere una scarsissima fiducia nel fatto che possa cambiare qualcosa per il nostro Cantone, ovvero che esso possa essere maggiormente ascoltato nella capitale. "Semmai peggiorerà". "Basta, siamo il territorio più piagnucoloso della Svzzera!"
Politica
Anche se non può intervenire direttamente, il Consiglio di Stato può "sostenere e incentivare le parti sociali a concorrere all'obiettivo sancito dalla Costituzione". Per questo, dopo la sentenza di Neuchâtel, i due pipidini inoltrano una mozione sul tema