"Danti uno di noi!". Un fan di Lega Sud inneggia al "Ticino italiano" sul muro della dogana, lui "non sono sorpreso, siamo un po' pazzi e un po' poeti"
Particolare scritta quella vista nel weekend alla dogana di Maslianico-Roggiana, anche perché dell'idea di Lega Sud non si parla da tempo. Il suo fondatore, "scrivetelo su tutti i muri di tutti i valichi, qui finisce la Repubblica Italiana ma l'Italia prosegue fino al Gottardo"
Politica
MASLIANICO - È comparsa nello scorso fine settimana alla dogana di Maslianico-Roggiana: una scritta che inneggia a Lega Sud e all'ideologia portata avanti dal suo fondatore, Luciano Milan Danti, ovvero che il Ticino è parte dell'Italia.

Stupisce, perchè da tempo Danti, dopo le esperienze alle elezioni cantonali e nazionali, ha accantonato, almeno a livello di politica, non certo di idee personali, il tema. Infatti, attualmente si occupa del suo comune, Ronco Sopra Ascona, e nelle interviste ha sempre detto di voler parlare, momentaneamente, di argomenti più vicini alla gente e concreti.

Sorpreso da questo sostegno, addirittura dal "Danti uno di noi", gli abbiamo chiesto?

"Non tanto, anche perché noi "sudleghisti" siamo un po' pazzi e un po' poeti, ma il fior fiore degli italiani, e quindi è normale "scrivere cose di cuore" sui muri. E le simpatie, anche se poche, arrivano da destra e da sinistra, senza distinzione alcuna, importante è disconoscere questi ridicoli e patetici "confini sud" che un francese ci ha imposto 200 anni fa", ci ha detto. "Quindi sì, il Ticino è Italia! E viva l'Italia e viva il Ticino italiano... e scrivete sui muri di tutte le dogane ticinesi:  qua finisce la Repubblica Italiana, ma l'Italia continua fino al suo naturale confine... Il Gottardo!", aggiunge, ribadendo, in poche parole, la sua teoria di fondo.

Il francese, ovviamente, era Napoleone, ma per Danti va sottolineato "che poi il francese che si è messo a fare i ridicoli "confini sud" ticinesi, era corso. Quindi un italiano che si è messo a fare il francese...". 

Pubblicato il 13.09.2017 09:30

Guarda anche

Politica
Come previsto, nessun rimescolamento nei Dipartimenti, all'ultimo arrivato va quello di Burkhalter. "Un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le diverse culture sul piano internazionale". Gaffuri, "le sue radici italiane aiuteranno"
Politica
Il presidente, uno dei protagonisti dell'elezione, commenta su Opinione Liberale: "la Svizzera ha dimostrato sensibilità verso la Svizzera Italiana. Berna sarà un po' più vicina al Ticino e il Ticino sarà un po' meglio ascoltato a Berna. Non si riceve nulla senza dare nulla"
Politica
Un sondaggio via Facebook fa emergere una scarsissima fiducia nel fatto che possa cambiare qualcosa per il nostro Cantone, ovvero che esso possa essere maggiormente ascoltato nella capitale. "Semmai peggiorerà". "Basta, siamo il territorio più piagnucoloso della Svzzera!"
Politica
Anche se non può intervenire direttamente, il Consiglio di Stato può "sostenere e incentivare le parti sociali a concorrere all'obiettivo sancito dalla Costituzione". Per questo, dopo la sentenza di Neuchâtel, i due pipidini inoltrano una mozione sul tema