Da 1'000 a 2'500 franchi a un cameriere, da 600 a 800 a un aiuto cuoco, quando arrivavano! Espulsi per sette anni dalla Svizzera, sfruttavano dipendenti, anche senza permesso
Condannata una coppia, una 34enne rumena e un 53enne bengalese, entrambi con nazionalità anche italiana, responsabili di take away e ristoranti etnici. I dipendenti, spesso extraeuropei, a un certo punto, stufi di non ricevere nemmeno quel poco, hanno denunciato
Bellinzonese
BELLINZONA – Trenta mesi di carcere e 55 aliquote da 10 franchi sospese per la donna, trentasei mesi e 70 aliquote da 10 franchi sospese per l’uomo. Torneranno in libertà fra un mese e saranno espulsi dalla Svizzera dove non potranno tornare per sette anni.

I protagonisti della vicenda sono una 34enne rumena e un 53enne bengalese, entrambi con nazionalità italiana, e residenti a Bellinzona.

Ma al di là della condanna, a colpire è lo sfruttamento dei dipendenti operato dai due.

Gestori di tre ristoranti etnici e di un take away a Bellinzona, Chiasso e Lugano, impiegavano anche personale straniero, spesso extraeuropeo, sprovvisto di permessi. Lo stipendio? Letteralmente da fame, e non è un gioco di parole poiché si parla di ristoranti. Per i camerieri, tra 1'000 e 2'500 franchi, senza tener conto delle ore fatte, e per gli aiuto cuochi addirittura meno di 1'000 per un tempo pieno: da 600 a 800 franchi.

Ben al di sotto, insomma, dei contratti collettivi della categoria, sfruttando lo stato di bisogno di persone che a quei soldi non potevano rinunciare. Il fatto è che spesso non arrivavano, o venivano versati parzialmente, e alla fine i lavoratori, esasperati, si sono rivolti ai sindacati.

I 10 dipendenti stessi otterranno un risarcimento totale di circa 120mila franchi: una denuncia che è servita, più che altro, a rendere noto un ennesimo caso di dumping. Ma, e questo è il brutto della faccenda, non stupisce più.


Pubblicato il 13.09.2017 12:30

Guarda anche

Bellinzonese
TicinoLibero aveva ragione: i due giovani picchiati a Bellinzona da una quindicina probabilmente di eritrei ha sporto denuncia. In giornata c'era stato mistero sulla vicenda perché la Polizia aveva detto di non aver ricevuto alcuna denuncia. Alcuni aggressori potrebbero essere minorenni
Bellinzonese
Mistero attorno alla vicenda della coppia aggredita dal gruppo di eritrei: la Polizia è intervenuta per identificare alcuni asilanti presenti sul posto, però i due ragazzi non hanno sporto denuncia. La 21enne ci aveva detto che attendeva di essere chiamata "per verbalizzare tutto e andare avanti"
Bellinzonese
La giovane coinvolta nella rissa di Bellinzona rivive quanto successo. "Il mio fidanzato ha un trauma cranico, io anche e in più ho il naso rotto, con danni estetici. Un signore ha chiamato la Polizia, a quel punto sono arrivati tutti. Ho provato a difenderlo ma mi hanno colpito e ho perso il senso dell'orientamento"
Bellinzonese
I protagonisti, un 19enne e la sua ragazza 22enne, stavano passeggiando per Bellinzona quando sono stati apostrofati. Il ragazzo ha reagito a parole e da lì è iniziato il pestaggio, in cui si è messa in mezzo anche la ragazza. La Polizia ha identificato otto persone, tutte eritree