Da 1'000 a 2'500 franchi a un cameriere, da 600 a 800 a un aiuto cuoco, quando arrivavano! Espulsi per sette anni dalla Svizzera, sfruttavano dipendenti, anche senza permesso
Condannata una coppia, una 34enne rumena e un 53enne bengalese, entrambi con nazionalità anche italiana, responsabili di take away e ristoranti etnici. I dipendenti, spesso extraeuropei, a un certo punto, stufi di non ricevere nemmeno quel poco, hanno denunciato
Bellinzonese
BELLINZONA – Trenta mesi di carcere e 55 aliquote da 10 franchi sospese per la donna, trentasei mesi e 70 aliquote da 10 franchi sospese per l’uomo. Torneranno in libertà fra un mese e saranno espulsi dalla Svizzera dove non potranno tornare per sette anni.

I protagonisti della vicenda sono una 34enne rumena e un 53enne bengalese, entrambi con nazionalità italiana, e residenti a Bellinzona.

Ma al di là della condanna, a colpire è lo sfruttamento dei dipendenti operato dai due.

Gestori di tre ristoranti etnici e di un take away a Bellinzona, Chiasso e Lugano, impiegavano anche personale straniero, spesso extraeuropeo, sprovvisto di permessi. Lo stipendio? Letteralmente da fame, e non è un gioco di parole poiché si parla di ristoranti. Per i camerieri, tra 1'000 e 2'500 franchi, senza tener conto delle ore fatte, e per gli aiuto cuochi addirittura meno di 1'000 per un tempo pieno: da 600 a 800 franchi.

Ben al di sotto, insomma, dei contratti collettivi della categoria, sfruttando lo stato di bisogno di persone che a quei soldi non potevano rinunciare. Il fatto è che spesso non arrivavano, o venivano versati parzialmente, e alla fine i lavoratori, esasperati, si sono rivolti ai sindacati.

I 10 dipendenti stessi otterranno un risarcimento totale di circa 120mila franchi: una denuncia che è servita, più che altro, a rendere noto un ennesimo caso di dumping. Ma, e questo è il brutto della faccenda, non stupisce più.


Pubblicato il 13.09.2017 12:30

Guarda anche

Bellinzonese
Il giovane italiano stava circolando questa mattina poco prima delle 7 verso Biasca quando ha perso il controllo della vettura, ha urtato un carroattrezzi parcheggiato fuori da una carrozzeria e poi una vettura. I soccorritori giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso
Bellinzonese
L'incidente di Claro risale a una settimana fa: un 29enne domiciliato in Riviera aveva invaso la corsia opposta, per cause che toccherè all'inchiesta stabilire, urtando la vettura dello sfortunato 54enne mesolcinese, che è deceduto. Rimangono in ospedale il conducente dell'altra vettura e la sua passeggera
Bellinzonese
Le telecamere di un negozio hanno ripreso due persone, il cui volto non è stato ancora identificato, che si avvicinavano all'esercizio pubblico, e poi mentre avveniva il botto, che ha danneggiato vetrine e bucalettere, fuggivano. Ci sono loro dietro il caso che sta interessando tutto il Bellinzonese?
Bellinzonese
La co-coordinatrice dei Verdi (ma non è stata l'unica) aveva proposto questo sistema per ovviare al problema dei troppi bicchieri lasciati in giro durante il Rabadan. Il Municipio farà una prova in occasione di BelliEState, anche perché poi, tra Tour de Suisse e Mondiali, il rischio rifiuti è alto