Da 1'000 a 2'500 franchi a un cameriere, da 600 a 800 a un aiuto cuoco, quando arrivavano! Espulsi per sette anni dalla Svizzera, sfruttavano dipendenti, anche senza permesso
Condannata una coppia, una 34enne rumena e un 53enne bengalese, entrambi con nazionalità anche italiana, responsabili di take away e ristoranti etnici. I dipendenti, spesso extraeuropei, a un certo punto, stufi di non ricevere nemmeno quel poco, hanno denunciato
Bellinzonese
BELLINZONA – Trenta mesi di carcere e 55 aliquote da 10 franchi sospese per la donna, trentasei mesi e 70 aliquote da 10 franchi sospese per l’uomo. Torneranno in libertà fra un mese e saranno espulsi dalla Svizzera dove non potranno tornare per sette anni.

I protagonisti della vicenda sono una 34enne rumena e un 53enne bengalese, entrambi con nazionalità italiana, e residenti a Bellinzona.

Ma al di là della condanna, a colpire è lo sfruttamento dei dipendenti operato dai due.

Gestori di tre ristoranti etnici e di un take away a Bellinzona, Chiasso e Lugano, impiegavano anche personale straniero, spesso extraeuropeo, sprovvisto di permessi. Lo stipendio? Letteralmente da fame, e non è un gioco di parole poiché si parla di ristoranti. Per i camerieri, tra 1'000 e 2'500 franchi, senza tener conto delle ore fatte, e per gli aiuto cuochi addirittura meno di 1'000 per un tempo pieno: da 600 a 800 franchi.

Ben al di sotto, insomma, dei contratti collettivi della categoria, sfruttando lo stato di bisogno di persone che a quei soldi non potevano rinunciare. Il fatto è che spesso non arrivavano, o venivano versati parzialmente, e alla fine i lavoratori, esasperati, si sono rivolti ai sindacati.

I 10 dipendenti stessi otterranno un risarcimento totale di circa 120mila franchi: una denuncia che è servita, più che altro, a rendere noto un ennesimo caso di dumping. Ma, e questo è il brutto della faccenda, non stupisce più.


Pubblicato il 13.09.2017 12:30

Guarda anche

Bellinzonese
Il gruppo di otto ragazzini si trovava a Giubiasco e il fatto è avvenuto attorno alle 22.45 di venerdì scorso. Il puntatore laser è stato trovato in possesso di uno di loro, per il momento si ritiene che coinvolti nei fatti siano un 15enne e un 14enne domiciliati nel Bellinzonese
Bellinzonese
Il SISA ha fatto sapere di aver ricevuto diverse segnalazioni, su nostra richiesta però i giovani hanno preferito non esporsi. Una studentessa di prima liceo, "i professori dicono ad alcuni allievi che probabilmente un futuro al liceo non l'hanno". Solo questo? Il disagio rimane...
Bellinzonese
Il Sindacato Indipendente degli Studenti e degli Apprendisti, dopo il caso del DT, chiede uno sportello dove poter segnalare comportamenti scorretti. Il DECS ribatte, "vanno distinte problematiche di portata penale e altre potenzialmente problematiche. Le prime sono sporadiche e molto rare"
Bellinzonese
Comunicate dalla Polizia le località in cui dal 20 al 26 novembre saranno posti i radar mobili per il controllo della velocità