Patti Chiari annuncia una trasmissione sulla spesa dei ticinesi in Italia... ed ecco Mammone in un supermercato della vicina Penisola!
A scatenare il caso erano state delle immagini della Presidente della Confederazione Leuthard e proprio del conduttore della trasmissione, "beccato" di nuovo. "Predica bene e razzola male"?. Parrebbe di no, perché in tv ci si chiede "è giusto pagare sempre prezzi gonfiati?"
Estero
COMANO – Venerdì la trasmissione della RSI Patti Chiari tornerà sul tema della spesa in Italia, dopo che questa estate avevano fatto scalpore una foto di Doris Leuthard, in vacanza in Ticino, e in maniera minore di Lorenzo Mammone, proprio conduttore del programma, mentre facevano acquisti oltre confine.

“Una foto del conduttore di Patti chiari Lorenzo Mammone che acquista un melone in un grande magazzino italiano, poi pochi giorni dopo quella della presidente della Confederazione che riempie un carrello della spesa in un supermercato di Maccagno. Ed è scoppiata la polemica dell’estate: si è riacceso come non mai il confronto tra chi considera questo comportamento un atto che danneggia l’economia locale e chi lo ritiene una protesta del tutto legittima contro i prezzi alti in Svizzera perché, in un regime di libertà di commercio, favorisce la concorrenza.  Patti chiari torna sullo scottante argomento per raccontare le varie facce della spesa di confine. Dal confronto dei prezzi, che oggi con un franco più debole e con la pressione dei discount svizzeri rischia di non essere più cosi vantaggioso per la concorrenza italiana, alla qualità dei prodotti, in particolare frutta e verdura, fino alla beffa dei prodotti di marca, i cui prezzi sono studiati a tavolino per spennare il consumatore svizzero”, così viene presentata la serata di venerdì.

Un tema attuale, molto.

E guarda caso, proprio quando viene diffuso il comunicato, riecco Lorenzo Mammone… in Italia a fare spese. A segnalare la foto è la pagina Facebook Rumors Ticino, che commenta: 

“Predicare bene... razzolare di m----a ! Il caro Mammone di Patti chiari che critica chiunque vada in Italia a fare la spesa: eccolo qua!”. A dire il vero, la presentazione della trasmissione non pare affatto puntare il dito contro nessuno, perché poi si dice, nel comunicato: “Ma è giusto pagare sempre prezzi gonfiati? Che fanno i grandi distributori e i commercianti per venire incontro alle esigenze dei consumatori svizzeri? Quanto davvero hanno abbassato i loro prezzi? Tante domande che non lasciano indifferenti chi è chiamato a dare risposte, dalla politica che sta studiando pratiche burocratiche più snelle per contrastare il turismo degli acquisti, ai commercianti che propongono franchigie più basse, 50 franchi contro i 300 di oggi, per chi entra in Svizzera con la spesa.  Patti chiari prova a vedere cosa succederebbe se questa proposta fosse accettata, dà voce ai turisti degli acquisti e a chi contesta questa pratica, fa i conti in tasca a supermercati, alle condizioni di lavoro e alla provenienza del loro personale (per una buona fetta frontalieri), e al potere d'acquisto dei ticinesi rispetto al resto della Svizzera, ma anche degli svizzeri rispetto ai consumatori degli altri Paesi europei. Tante informazioni per poter rispondere con più cognizione di causa all’interrogativo più spinoso: chi fa la spesa all’estero è un traditore della patria?”.

Qualcuno ironizza, “sta confrontando i prezzi delle pizze surgelate per il programma”. Non lo possiamo escludere… Al di là di battute e giudizi, è probabile che quanto stia facendo Mammone è comune a molti che scrivono e criticano. La spesa in Italia è ormai una costante per molti ticinesi. Prezzi? Prodotti? Probabilmente, di tutto un po’.


Pubblicato il 13.09.2017 16:55

Guarda anche

Estero
Un ordigno è esploso questa mattina attorno alle 8.20, un'ora di punta, e gli artificieri stanno lavorando per disinnescarne un secondo. Fortunatamente, non ci sono morti, i feriti sono una ventina, parecchi con bruciature al volto
Estero
Riflessioni sulla sconvolgente storia della ragazzina uccisa dal proprio ragazzo: un amore contrastato, con alti e bassi, come racconta il profilo Facebook di Noemi Durini, con le famiglie contro. Il padre di lui la definiva "un cancro", i genitori di lei avevano chiesto aiuto
Estero
Gyula Marfi si è distinto recentemente per dichiarazioni durissime in merito all'immigrazione: "nel nome del multiculturalismo accresciamo la monocultura, siamo nell'epoca della decadenza. Accettiamo anche la cultura gender: chi appoggia queste contraddizioni ha perso la ragione"
Estero
Milko Frattini nel 1990 aveva ucciso un carabiniere che lo aveva fermato: era già ricercato per rapina, scontò parzialmente 20 anni. E, arrestato per un tentato colpo, ha fornito generalità false e aveva la pelle abrasiva per non permettere di prendergli le impronte digitali