Mammone e la spesa in Italia, "ci sono la libertà individuale e quella di commercio, che era tanto cara quando gli italiani facevano benzina e portavano i soldi nelle banche"
Il conduttore di Patti Chiari, nella trasmissione dedicata alla spesa in Italia, non nasconde la sua foto oltre confine. "Il mio comportamento è lo stesso della stragrande maggioranza dei ticinesi. Così facciamo sentire in colpa chi è costretto ad andarci per risparmiare"
Luganese
COMANO – Prima stagionale per la trasmissione Patti Chiari, che è partita col botto: il tema era la spesa dei ticinesi in Italia, con confronto dei prezzi e discussione in studio. Il tutto lanciato dalle foto che quest’estate avevano fatto discutere della Presidente della Confederazione Doris Leuthard e del conduttore della trasmissione Lorenzo Mammone che facevano acquisti di alimentari nella vicina penisola.

Ovviamente, paragonare i due casi è un po’ difficile, però in molti li avevano equiparati, attaccandoli. Mammone ha mostrato la sua foto col melone, e prima di lanciare i servizi e presentare gli ospiti, ha voluto fare una precisazione.

“In molti hanno voluto ricamare sopra la mia foto, farne uno scoop. Hanno preso un granchio, il mio comportamento era lo stesso che viene tenuto dalla stragrande maggioranza dei ticinesi. Mi capita di fare acquisti puntuali in Italia”, ha detto.

“Ci sono libertà di commercio e individuale, che era tanto cara al Ticino quando erano gli italiani a venire qui a fare benzina e a portare i soldi nelle banche”, ha attaccato. “Si dice che chi ha stipendi elevati non dovrebbe andarci, facendo sentire in colpa chi per forza deve andarci. E la colpa è anche, non solo ma anche, dei negozianti, che spesso tengono dei prezzi inapplicabili”.

E fa partire il servizio, senza nascondere il suo melone comprato in Italia. L’altro giorno sulla pagina Facebook Rumors Ticino, come da noi riportato, lo aveva beccato di nuovo. E Mammone sente di non doversi difendere. D’altronde, la maggior parte delle persone intervistate lo hanno giustificato, ammettendo di fare la stessa cosa. Dulcis in fundo, una donna lo ha anche riempito di complimenti… “E Mammone? Ma lui è un bell’uomo…”


Pubblicato il 15.09.2017 22:29

Guarda anche

Luganese
Non è chiaro cosa sia accaduto realmente sabato notte vicino al Quartiere Maghetti. Pare si sia trattato di un regolamento di conti fra due bande, e l'accoltellatore è ancora in fuga, forse in Italia. Le forze dell'ordine cercano dunque ulteriori filmati o testimonianze
Luganese
All'origine della maxirissa di Lugano ci sarebbe un regolamento di conti legato a droga o a prostituzione. Il liberale: "c'è lassismo che porta a recidiva, perdita di fiducia nelle istituzioni e scoramento". Il leghista: "siamo un sobborgo di Rio? E l'Hotel La Stampa..."
Luganese
La rissa è scoppiata poco prima delle 4 del mattino fuori da un locale pubblico. I feriti non sono gravi seppur riportano lesioni da arma da taglio alle braccia e alle gambe. Le indagini sono in corso
Luganese
Era attesa, ed è arrivata nell'edizione odierna, la replica del direttore del CdT alla presa di posizione di Falò. "Comprensibile e pacata la reazione del sindacato Unia, ridicolmente indecenti le altre, soprattutto in quel di Comano". E esprime perplessità sulla CPI