Paura in Vallemaggia, una frana danneggia la cantonale e due case, nessun ferito
È accaduto attorno alle 16.30 in zona Bavorca tra Peccia e San Carlo. La corrente elettrica è stata interrotta ma i cavi sono stati riparati quasi subito, risolvendo il problema, mentre la strada cantonale sarà chiusa fino a nuovo avviso
Locarnese
MAGGIA - La Polizia cantonale comunica che questo pomeriggio verso le ore 16.30 in zona Bavorca tra Peccia e San Carlo, c'è stato un franamento di massi.

Il materiale precipitato a valle dalla montagna, ha danneggiato oltre che la strada cantonale, il tetto di una casa di vacanza e una finestra di una seconda casa, pure di vacanza. Le due abitazioni al momento del franamento non erano abitate, nessuna persona è rimasta travolta o ferita.

La corrente elettrica è stata interrotta su tutto il piano di Peccia ma i servizi della Società elettrica Sopracenerina, subito intervenuti, hanno provvedendo alla riparazione del cavo danneggiato, ridando corrente alla zona.

La strada cantonale rimane chiusa fino a nuovo avviso.

Il geologo cantonale provvederà ad un sopralluogo domani mattina per valutare la zona del distacco e la sicurezza delle abitazione sottostanti. I lavori di sgombero del materiale caduto si protrarranno fino a tarda serata.

Pubblicato il 16.09.2017 20:41

Guarda anche

Locarnese
E un testimone attacca la Polizia, "sono sconvolto, mai viste scene del genere. Lo hanno spinto contro il muro per mettergli le manette". L'uomo è un operaio noto in paese, a casa aveva delle armi ma effettivamente è un appassionato di caccia alla selvaggina, come dimostra anche il suo profilo Facebook
Locarnese
La giovane non avrebbe voluto seguire i poliziotti, venuti per liberarla dopo che la stessa aveva avvisato i genitori di non poter uscire dalla casa del suo ex, dove era barricata con lui, il fratello e la madre. I vicini intanto raccontano qualche dettaglio in più sulla famiglia, sino a poco fa in assistenza
Locarnese
I protagonisti della vicenda sono tutti di nazionalità svizzera: la vittima ha 26 anni, i due "sequestratori" 31 anni e 29 anni, la madre 55 anni. Tutti sono stati rilasciati nel corso del pomeriggio e nei loro confronti sono al vaglio alcune ipotesi di reato. Le trattative con la Polizia non hanno funzionato
Locarnese
Ore di paura a Golino, sulla strada per Intragna. I tre si sono barricati in casa con la giovane, probabilmente per motivi sentimentali, essendoci stata una relazione fra due di loro. La paura è durata tutta notte, ora i tre sono in Polizia e stanno subendo un interrogatorio