La vittoria di Pirro di Cassis: il popolo eleggerebbe lui. Ma un quarto dei votanti non ha preferenze
Due domenicali pubblicano un sondaggio secondo cui il ticinese vincerebbe agilmente, con il 41% delle preferenze, contro il 24% di Maudet e solo il 13% di Moret. Molti i voti ottenuti da persone di fede UDC, solo fra i socialisti vincere Maudet. E le regioni linguistiche...
Politica
BERNA – Cassis, peccato che non vota il popolo, altrimenti saresti Ministro. Una vittoria che sicuramente farà piacere al candidato ticinese, ma che rientra in quelle di Pirro: ovvero, sulla carta, dato che a scegliere il successore di Burkhalter sarà l’Assemblea Federale.

SonntagsZeitung e Le Matin Dimanche hanno pubblicato oggi un sondaggio, condotto su un campione invero non ampissimo, ovvero 12’000 persone.

Ignazio Cassis otterrebbe il 41% dei voti, una percentuale di tutto rispetto se si calcola che i candidati in lizza sono tre. Dietro di lui, ma molto staccato, Pierre Maudet con il 24%, mentre a Isabelle Moret andrebbe solo il 13% delle preferenze. Un dato che però deve far riflettere è che  restanti, ovvero un quarto dei votanti, non ha un candidato che predilige.

Cassis batterebbe Maudet in tutte le regioni linguistiche, compresa la Romandia, e riceverebbe una buona quantità di voti, il 52%, dalle persone che votano solitamente UDC. Solamente in casa socialista Maudet lo scavalcherebbe di pochissimo.


Pubblicato il 17.09.2017 15:18

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"