La vittoria di Pirro di Cassis: il popolo eleggerebbe lui. Ma un quarto dei votanti non ha preferenze
Due domenicali pubblicano un sondaggio secondo cui il ticinese vincerebbe agilmente, con il 41% delle preferenze, contro il 24% di Maudet e solo il 13% di Moret. Molti i voti ottenuti da persone di fede UDC, solo fra i socialisti vincere Maudet. E le regioni linguistiche...
Politica
BERNA – Cassis, peccato che non vota il popolo, altrimenti saresti Ministro. Una vittoria che sicuramente farà piacere al candidato ticinese, ma che rientra in quelle di Pirro: ovvero, sulla carta, dato che a scegliere il successore di Burkhalter sarà l’Assemblea Federale.

SonntagsZeitung e Le Matin Dimanche hanno pubblicato oggi un sondaggio, condotto su un campione invero non ampissimo, ovvero 12’000 persone.

Ignazio Cassis otterrebbe il 41% dei voti, una percentuale di tutto rispetto se si calcola che i candidati in lizza sono tre. Dietro di lui, ma molto staccato, Pierre Maudet con il 24%, mentre a Isabelle Moret andrebbe solo il 13% delle preferenze. Un dato che però deve far riflettere è che  restanti, ovvero un quarto dei votanti, non ha un candidato che predilige.

Cassis batterebbe Maudet in tutte le regioni linguistiche, compresa la Romandia, e riceverebbe una buona quantità di voti, il 52%, dalle persone che votano solitamente UDC. Solamente in casa socialista Maudet lo scavalcherebbe di pochissimo.


Pubblicato il 17.09.2017 15:18

Guarda anche

Politica
Prima ironizzano sulla scelta democentrista, "vogliono la botte piena e la moglie ubriaca", poi rimarcano l'importanza di "continuare a collaborare con l'UE coi bilaterali. Però la situazione sta diventando insostenibile per cui servono misure concrete, come salari minimi dignitosi"
Politica
Il Nuovo movimento europeo svizzero, come Modenini e Cattaneo, ritiene che un sì alle urne farebbe cadere i bilaterali. "La combatteremo, ma in ogni caso permetterà di chiarire la politica europea: se vincerà il no, i rapporti con l'UE si svilupperanno, sennò ci sarà un nuovo orientamento: e l'adesione..."
Politica
Il liberale, che è anche imprenditore, ritiene comunque che sia "un atto di chiarezza democratica. Il popolo dovrà dire se vale la pena sacrificare i bilaterali per la libera circolazione. Sono un buon compromesso, che ci hanno permesso di restare sovrani ma nel mercato dell'UE". E sul lavoro dice che...
Politica
L'azienda di Comano ha inserito nei rinnovi dei contratti la possibile disdetta in caso di passaggio di No Billag. Il leghista, "in questo modo mobilitano a fare campagna attiva i fornitori, per fortuna doveva essere un dibattito pacato... Però tutto è basato sulla teoria di Canetta&company della sparizione"