Pronzini, "Dadò non può tenere il piede in due scarpe e prenderci in giro. Esca dall'aula quando si parla di Argo 1"
Il deputato dell'MPS ritiene che, "le sue affermazioni offendono l'intelligenza della popolazione del Cantone Ticino". Per questo, chiede a Presidente del Parlamento e alla Presidente della Gestione che "Dadò non presenzi quando si parla del tema e non veda la documentazione"
Politica
di Matteo Pronzini*, comunicazione al Presidente del Gran Consiglio e alla Presidente della Gestione

Fiorenzo Dadò non può tenere il piedi in due scarpe e soprattutto non deve prenderci in giro!
 
Le affermazioni fatte dal membro della commissione della gestione e già capo gruppo PPD (dal 2011 al 2017) Fiorenzo Dadò in merito alla mazzetta di 150 euro ricevuta dalla Argo 1 offendono l’intelligenza della popolazione del Canton Ticino.

Troppo facile affermare che si è un libero cittadino  quando ogni settimana si siede nella commissione che da mesi si occupa, goffamente, dallo scandalo Argo 1.

Siamo oggettivamente confrontati con un (doppio)  conflitto d’interessi.

Per questa ragione chiedo l’Ufficio presidenziale e la Commissione della Gestione d’invitare  Fiorenzo Dadò ad astenersi dal presenziare alle riunioni della gestione quando si discute e si discuterà di Argo 1 e non visionare i relativi verbali e la documentazione. 

*deputato MPS


Pubblicato il 18.09.2017 15:04

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"