Pronzini, "Dadò non può tenere il piede in due scarpe e prenderci in giro. Esca dall'aula quando si parla di Argo 1"
Il deputato dell'MPS ritiene che, "le sue affermazioni offendono l'intelligenza della popolazione del Cantone Ticino". Per questo, chiede a Presidente del Parlamento e alla Presidente della Gestione che "Dadò non presenzi quando si parla del tema e non veda la documentazione"
Politica
di Matteo Pronzini*, comunicazione al Presidente del Gran Consiglio e alla Presidente della Gestione

Fiorenzo Dadò non può tenere il piedi in due scarpe e soprattutto non deve prenderci in giro!
 
Le affermazioni fatte dal membro della commissione della gestione e già capo gruppo PPD (dal 2011 al 2017) Fiorenzo Dadò in merito alla mazzetta di 150 euro ricevuta dalla Argo 1 offendono l’intelligenza della popolazione del Canton Ticino.

Troppo facile affermare che si è un libero cittadino  quando ogni settimana si siede nella commissione che da mesi si occupa, goffamente, dallo scandalo Argo 1.

Siamo oggettivamente confrontati con un (doppio)  conflitto d’interessi.

Per questa ragione chiedo l’Ufficio presidenziale e la Commissione della Gestione d’invitare  Fiorenzo Dadò ad astenersi dal presenziare alle riunioni della gestione quando si discute e si discuterà di Argo 1 e non visionare i relativi verbali e la documentazione. 

*deputato MPS


Pubblicato il 18.09.2017 15:04

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"