"Uno handicappato, l'altro immobile sul ghiaccio". Rüfenacht esagera, il Lugano gli risponde con signorilità. Chiesa, "ho un cognato disabile, e so cosa vuol dire" Video
Scandalose dichiarazioni del giocatore del Berna contro Walker e Chiesa stesso, che hanno sollevato un polverone. Il Lugano replica con un video, Rüfenacht ne pubblica un altro dove si scusa, "non succederà più, perdonatemi". Lapierre, "un campione deve esserlo anche fuori dal ghiaccio" GUARDA IL VIDEO DEL LUGANO
Sport
BERNA/LUGANO – Prendiamo in prestito le parole twittate da Maxim Lapierre: “un campione deve essere tale anche fuori dal ghiaccio”.

Non vogliamo tranciare giudizi, è la cosa più sbagliata, soprattutto sull’onda emozionale, però l’altro giorno il giocatore del Berna Thomas Rüfenacht, che in un’intervista al portale watson.ch, dopo la sconfitta contro il Lugano, si è lasciato andare a dichiarazioni pesantissime e fuori luogo: “Non cado in provocazioni da giocatori handicappati come Julian Walker per farmi buttar fuori. E non mi metto a litigare con Chiesa per farci cacciare entrambi. Quando è sul ghiaccio è rigido e immobile, meglio che stia dentro la pista piuttosto che fuori".

Parole, appunto, decisamente inappropriate, a cui ha risposto in un primo momento tramite social Alessandro Chiesa, che ha un cognato disabile e dunque si è trovato particolarmente coinvolto nel caso. Il Lugano non ha potuto comunque far finta di nulla, e ha diffuso un video, dove lo stesso Chiesa e Walker parlavano della questione.

Ecco quanto detto dal ticinese, parole accorate e sentite: “Nell'hockey siamo abituati al gioco duro ", dice Chiesa", ma ci sono dei limiti che non devono essere mai superati. Vorrei scusarmi a nome di tutti i giocatori di hockey per le dichiarazioni uscite domenica. Posso accettare tutto quello che è stato detto su di me ma per quanto la disabilità non posso concepire come nel 2017 certa gente possa ancora fare delle affermazioni del genere. Lo dico con coscienza, visto che mio cognato è un ragazzo diversamente abile e so cosa vuol dire e cosa una famiglia deve fare per avere il meglio dalla propria vita".

Nel frattempo, anche Rüfenacht ha capito di aver sbagliato, e tramite un altro video ha porto le sue scuse, promettendo che qualcosa del genere non accadrà più. “Sabato ho usato delle parole che non avrei dovuto usare, e sono estremamente dispiaciuto. Non sarebbe dovuto succedere. Mi sono fatto prendere dalla concitazione del momento e da tutte le emozioni, ho usato le parole sbagliate. Mi dispiace davvero molto. Spero mi possiate perdonare, non succederà più".


Pubblicato il 18.09.2017 15:27

Guarda anche

Sport
"La partita fra Ambrì e Losanna era considerata a medio rischio, non possiamo rischiare di aver bisogno di un intervento massiccio di agenti lasciando scoperti altri compiti". Il Ministro ha dunque intenzione di proporre la misura, "permetterebbe di identificare i facinorosi e farebbe da deterrente"
Sport
Contestazione a suon di striscioni alla vecchia dirigenza del Locarno allo stadio Lido, mentre nessuna parola è stata spesa per Nicora: gli ultrà ce l'hanno con la famiglia Gilardi, "attento che ancora fischia il vento. La Cirrosi non è fallita", scrivono GUARDA LE FOTO
Sport
Il giorno dopo la brutta notizia del fallimento, a Locarno si prova a guardare avanti. Il socialista Fabio Agustoni punta il dito su Tarchini, "di Chicco d'Oro ce n'è una sola. Poi beneficia di facilitazioni..." E Regazzi: "Tarchini fa pubblicità usando i canali più interessanti"
Sport
"I giudici non hanno ritenuti le garanzie per farci andare avanti", ha detto il presidente, che vede quindi respinto il ricorso. Ghiringhelli aveva raccolto quasi 90mila franchi, "questa doccia gelata non ci voleva". Il futuro è un'incognita, ma ora la ferita è troppo fresca per pensarci