Il PS non ha dubbi: "il soggiorno di Dadò, capogruppo del partito di Beltraminelli, le cene, il dumping e gli stipendi in nero: sulla Argo 1 serve un'inchiesta amministrativa!"
Il partito socialista l'aveva richiesta già a fine marzo, "da affiancare all'inchiesta della Procura, per la quale confermiamo piena fiducia". Ancor di più la ritengono necessaria dopo le ultime informazioni, "che vanno sommate a un dossier già di per sé grave e preoccupante"
Politica
BELLINZONA - Il PS non ha dubbi: dopo le ultime rivelazioni legate ad Argo 1, in particolare i salari pagati in nero e l'episodio legato all'hotel di Bormio e alle cene offerte alla responsabile del servizio asilanti cantonale, compagna di Fiorenzo Dadò, urge un'inchiesta amminstrativa.

"Le recenti notizie emerse relative al caso ‘Argo 1’ non vanno banalizzate né ridotte all’aneddoto. Vanno invece sommate alla violazione reiterata della Legge sulle commesse pubbliche, alle pratiche inaccettabili di quest’agenzia di sicurezza e al fatto che ad oggi i lavoratori portano il fardello di questa vicenda poiché 8mila ore di lavoro, per un ammontare di 190mila franchi, non sono state dichiarate", si legge in una nota.

Non è la prima volta che i socialisti chiedono di continuare a indagare, "ribadiamo perciò l’importanza di un’inchiesta amministrativa per fare piena luce sulla vicenda ed evitare che la fiducia nelle istituzioni e nell’Amministrazione pubblica venga ulteriormente erosa. Il Partito Socialista ribadisce l’importanza d’istituire un’inchiesta amministrativa per far luce in modo chiaro e definitivo sullo scandalo “Argo 1”, così come chiesto già alla fine dello scorso mese di marzo. All’inchiesta della Procura, per la quale confermiamo la piena fiducia, va affiancato questo procedimento concreto, indispensabile per ottenere l’insieme degli elementi per chiarire l’insieme della vicenda e dei suoi risvolti che – sebbene non abbiano rilevanza penale – sono determinanti dal punto di vista della responsabilità amministrativa e politica".

Le ultime notizie hanno rafforzato la convinzione già presente. "Le informazioni emerse attraverso i media durante il fine settimana, relative al soggiorno a Bormio dell’allora Capogruppo PPD Fiorenzo Dadò e della responsabile del Servizio richiedenti d’asilo del DSS – per cui il responsabile dell’agenzia di sicurezza “Argo 1” ha offerto loro due cene per un importo di 150 euro – così come i dettagli supplementari resi pubblici dalla stampa, vanno sommati al peso di un dossier già di per sé grave e preoccupante. La questione delle regalie e degli eventuali favori, il fatto che il titolare della “Argo 1” abbia proposto d’intercedere affinché il soggiorno in questione potesse essere ottenuto “a un buon prezzo” non vanno ridotti, banalizzandoli, a fatti puramente aneddotici. Sono pratiche che non possono e non devono essere accettate poiché oltre all’evidente problema evidenziato, incidono – erodendola – l’indispensabile fiducia della popolazione nelle istituzioni, gettando discredito sull’Amministrazione pubblica e l’insieme dei suoi funzionari".

Non è emerso nulla di penalmente rilevante a carico delal funzionaria, ma, nella nota firmata dal presidente Righini, viene sostenuto che "questi fatti suscitano delle questioni morali, mettono in evidenza dei problemi di conflitti d’interesse e confermano la necessità di determinare senza indugio le responsabilità politiche. Va infatti evidenziato che poco prima di questi fatti, l’agenzia di sicurezza “Argo 1” ha beneficiato di un mandato diretto per un ammontare complessivo di 3,4 milioni, attribuito e cofirmato dal Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli, dello stesso partito dell’allora Capogruppo, per il quale è stata reiteratamente violata la Legge sulle commesse pubbliche, che non ha fatto l’oggetto di un concorso pubblico e che non è stato iscritto nella lista delle commesse superiori ai 5’000 franchi aggiudicate per incarico diretto".

Dietro al caso Argo 1 ci sono diversi fattori: oltre al mandato discusso, alle responsabilità politiche, non si possono scordare gli stipendi pagati in nero. "Lo scandalo ‘Argo 1’ mette in luce anche il dumping salariale e il pagamento non dichiarato ai dipendenti dell’agenzia di sicurezza di ben 8mila ore di lavoro, per un importo complessivo di 190mila franchi di straordinari tra il 2015 e il 2016. Un fatto del tutto inaccettabile per il quale, oggi, si pone anche la questione relativa al pagamento delle compensazioni e dei contributi sociali mancanti. Lo scorso 16 agosto è stato decretato il fallimento di ‘Argo 1’, posta in liquidazione. Non è quindi accettabile che oltre allo scandalo e alla violazione constata della legge, i lavoratori di “Argo 1” siano costretti a portare il fardello – pagandolo – di questa vicenda". Un dettaglio di cui spesso ci si dimentica, purtroppo. Noi poco dopo la notizia del fallimento dell'azienda avevamo interpellato un lavoratore (vedi suggeriti), che già ai tempi ci aveva parlato della situazione drammatica in cui si era trovato assieme ai colleghi ,e ci ha confidato di non aver ancora trovato lavoro. Lo strascico della vicenda coinvolge anche gli ex dipendenti.

Pubblicato il 19.09.2017 16:08

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"