Il Governo ha deciso: inchiesta amministrativa per la funzionaria del DSS
Dopo le cene di Bormio, la responsabile del sevizio richiedenti l'asilo ha già detto di avere intenzione di collaborare. Sul fronte penale il Ministero Pubblico ha ravvisato motivi per procedere nei suoi confronti, dopo l'interrogatorio dei giorni scorsi
Politica
BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha deciso di aprire un’inchiesta amministrativa nei confronti della funzionaria del DSS, responsabile del servizio richiedenti asilo, coinvolta nell’ormai nota vicenda della cena di Bormio, consumata con il compagno Fiorenzo Dadò e pagata dal titolare della Argo 1.

Il Governo, come riferisce la RSI, ha preso questa mattina la decisione e la dipendente ha già comunicato di voler collaborare all'indagine per chiarire la sua posizione.

Posizione che, sul fronte penale, è già stata chiusa dal Ministero Pubblico che non ha ravvisato motivi per procedere nei suoi confronti, dopo l’interrogatorio avvenuto negli scorsi giorni.

Pubblicato il 19.09.2017 16:30

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"