Il futuro è domani. La carica dei 108 a Berna per tifare Cassis. Caprara, "storico comunque andrà" Video
Il PLR ha organizzato la trasferta, intrapresa da più di un centinaio di persone. Entusiasta il presidente, "speravo in una partecipazione simile ma non era scontato". Alle 8.00 si comincia, nessuno dei partiti dovrebbe, salvo sorprese, votare qualcuno che non fa parte del tricket GUARDA FOTO E VIDEO
Politica
BERNA - Ci siamo, mancano poche ore, meno di 24, e si conoscerà il nome del successore di Didier Burkhalter. In lizza, come ben noto, Ignazio Cassis, Isabelle Moret e Pierre Maudet, i tre prescelti dal partito liberale svizzero: nessuno, salvo sorprese dell'ultimo minuto, voterà per candidature selvagge (a parte forse i Verdi per Sadis).

Per il Ticino, si prospetta un possibile ritorno nella stanza dei bottoni dopo una lunga assenza, e c'è chi tifa per Cassis, qualunque sia la fede politica, e chi lo avversa. 

Con lui, moralmente, ci sono i sostenitori del PLR, partiti in pullmann oggi. Al programma, che comprende viaggio, soggiorno, cena e proiezione dei lavori dell'Assemblea, organizzato dalla sezione ticinese, si sono iscritti in 108, un successo, più diverse persone che raggiungeranno la capitale in modo autonomo.

"Grazie della partecipazione, ci speravo, anche se in un giorno in settimana non è facile prendersi del tempo per assistere a un evento che in ogni caso, comunque, andrà, sarà storico", ha detto il presidente Bixio Caprara, dando il benvenuto a bordo.

Ore 8.00, domani: la Svizzera punta gli occhi su Berna. Il futuro, per Cassis, è domani. 

Pubblicato il 19.09.2017 21:50

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"