Il futuro è domani. La carica dei 108 a Berna per tifare Cassis. Caprara, "storico comunque andrà" Video
Il PLR ha organizzato la trasferta, intrapresa da più di un centinaio di persone. Entusiasta il presidente, "speravo in una partecipazione simile ma non era scontato". Alle 8.00 si comincia, nessuno dei partiti dovrebbe, salvo sorprese, votare qualcuno che non fa parte del tricket GUARDA FOTO E VIDEO
Politica
BERNA - Ci siamo, mancano poche ore, meno di 24, e si conoscerà il nome del successore di Didier Burkhalter. In lizza, come ben noto, Ignazio Cassis, Isabelle Moret e Pierre Maudet, i tre prescelti dal partito liberale svizzero: nessuno, salvo sorprese dell'ultimo minuto, voterà per candidature selvagge (a parte forse i Verdi per Sadis).

Per il Ticino, si prospetta un possibile ritorno nella stanza dei bottoni dopo una lunga assenza, e c'è chi tifa per Cassis, qualunque sia la fede politica, e chi lo avversa. 

Con lui, moralmente, ci sono i sostenitori del PLR, partiti in pullmann oggi. Al programma, che comprende viaggio, soggiorno, cena e proiezione dei lavori dell'Assemblea, organizzato dalla sezione ticinese, si sono iscritti in 108, un successo, più diverse persone che raggiungeranno la capitale in modo autonomo.

"Grazie della partecipazione, ci speravo, anche se in un giorno in settimana non è facile prendersi del tempo per assistere a un evento che in ogni caso, comunque, andrà, sarà storico", ha detto il presidente Bixio Caprara, dando il benvenuto a bordo.

Ore 8.00, domani: la Svizzera punta gli occhi su Berna. Il futuro, per Cassis, è domani. 

Pubblicato il 19.09.2017 21:50

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"