Il PS soddisfatto per il ritorno del Ticino a Berna e chiede a Cassis di "sensibilizzare il Consiglio Federale riguardo le problematiche e i bisogni del nostro Cantone"
Se la Lega non ha risparmiato critiche, i socialisti si sono mantenuti su toni molto più soft. "Benchè Ignazio Cassis sia l'esponente di una politica distante dalle nostre posizioni, auspichiamo possa e sappia rappresentare l'insieme delle sensibilità e delle preoccupazioni ticinesi"
Politica
BELLINZONA - Se la Lega non ha risparmiato critiche e frecciate a Ignazio Cassis, ed anche al suo predecessore Burkhalter, il PS, che pure non era entusiasta della candidatura, si limita a un formale comunicato di complimenti e auguri, chiedendo solo di rappresentare tutte le sensibilità e i bisogni ticinesi.

"Il Partito Socialista si congratula con Ignazio Cassis per la sua elezione alla carica di Consigliere federale. Il Canton Ticino, la Svizzera italiana e l’italianità ritornano a essere rappresentati in seno al Consiglio federale dopo 18 anni. Era giunto il tempo che il nostro Cantone, la nostra lingua e la nostra cultura ritornassero a essere rappresentati in seno all’Esecutivo federale e così è stato. Ignazio Cassis è l’ottavo Consigliere federale ticinese e oltre che per il nostro Cantone e la nostra regione, questo è un giorno importante anche per l’equilibrio e la coesione della Svizzera, in cui tutte le sue regioni e le componenti culturali – anche quelle minoritarie e periferiche – devono essere rappresentate", si apre la nota, che mette dunque l'accento sul ritorno del Ticino e su quanto se ne sentiva il bisogno.

"Benché Ignazio Cassis sia l’esponente di una politica distante dalle posizioni del Partito Socialista, auspichiamo che possa e sappia rappresentare l’insieme delle sensibilità e delle preoccupazioni della Svizzera e del Ticino, sensibilizzando il Consiglio federale e le istituzioni federali riguardo alle problematiche e ai bisogni del nostro Cantone e della Svizzera italiana", si legge poi, e il comunicato termina con il Partito Socialista che "esprime perciò a Ignazio Cassis i migliori auguri di buon lavoro e per il suo futuro nella carica di Consigliere federale".

Pubblicato il 20.09.2017 12:00

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"