Il PS soddisfatto per il ritorno del Ticino a Berna e chiede a Cassis di "sensibilizzare il Consiglio Federale riguardo le problematiche e i bisogni del nostro Cantone"
Se la Lega non ha risparmiato critiche, i socialisti si sono mantenuti su toni molto più soft. "Benchè Ignazio Cassis sia l'esponente di una politica distante dalle nostre posizioni, auspichiamo possa e sappia rappresentare l'insieme delle sensibilità e delle preoccupazioni ticinesi"
Politica
BELLINZONA - Se la Lega non ha risparmiato critiche e frecciate a Ignazio Cassis, ed anche al suo predecessore Burkhalter, il PS, che pure non era entusiasta della candidatura, si limita a un formale comunicato di complimenti e auguri, chiedendo solo di rappresentare tutte le sensibilità e i bisogni ticinesi.

"Il Partito Socialista si congratula con Ignazio Cassis per la sua elezione alla carica di Consigliere federale. Il Canton Ticino, la Svizzera italiana e l’italianità ritornano a essere rappresentati in seno al Consiglio federale dopo 18 anni. Era giunto il tempo che il nostro Cantone, la nostra lingua e la nostra cultura ritornassero a essere rappresentati in seno all’Esecutivo federale e così è stato. Ignazio Cassis è l’ottavo Consigliere federale ticinese e oltre che per il nostro Cantone e la nostra regione, questo è un giorno importante anche per l’equilibrio e la coesione della Svizzera, in cui tutte le sue regioni e le componenti culturali – anche quelle minoritarie e periferiche – devono essere rappresentate", si apre la nota, che mette dunque l'accento sul ritorno del Ticino e su quanto se ne sentiva il bisogno.

"Benché Ignazio Cassis sia l’esponente di una politica distante dalle posizioni del Partito Socialista, auspichiamo che possa e sappia rappresentare l’insieme delle sensibilità e delle preoccupazioni della Svizzera e del Ticino, sensibilizzando il Consiglio federale e le istituzioni federali riguardo alle problematiche e ai bisogni del nostro Cantone e della Svizzera italiana", si legge poi, e il comunicato termina con il Partito Socialista che "esprime perciò a Ignazio Cassis i migliori auguri di buon lavoro e per il suo futuro nella carica di Consigliere federale".

Pubblicato il 20.09.2017 12:00

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"