Sette suggerimenti Verdi per Cassis. "Alptransit, clima, autonomia dei Cantoni, mercato del lavoro, LAMal, premi delle casse malati: difendi questi temi con convinzione"
Il partito ecologista non era, e non è, entusiasta dell'elezione del ticinese liberale, ma auspica "che possa rappresentare anche gli interessi del Ticino all'interno del Consiglio Federale. Speriamo che il nostro Cantone possa sentirsi realmente emancipato all'interno della Confederazione"
Politica
BELLINZONA - Non avevano mai fatto mistero di non essere felici della candidatura unica ticinese presentata dal PLR, ed anzi avevano chiesto al proprio gruppo parlamentare di votare per Laura Sadis (se rientra anche il suo nome fra quelli di coloro che hanno raccolto qualche voto, spiccioli, al primo turno, non si sa: certamente la strategia non ha funzionato). I Verdi, scrivono, "prendono atto della nomina di Ignazio Cassis quale nuovo consigliere federale e si felicitano con lui per la brillante elezione".

Non ne sono felici, e le parole scelte lo mostrano. A Berna si festeggia, ma per loro è già tempo di iniziare a lavorare e concretizzare questa elezione, dunque "oltre agli auguri di rito ci permettiamo alcune considerazioni in relazione all’auspicio che l’On. Cassis possa rappresentare anche gli interessi del Ticino all’interno del Consiglio Federale. Proponiamo quindi alcuni suggerimenti e temi, specialmente rilevanti per il nostro Cantone, e invitiamo il neo eletto a volerli difendere con convinzione. Questo nella speranza che il nostro Cantone possa sentirsi realmente emancipato all’interno della Confederazione".

Sono sette i punti elencati, eccoli:

"1. Battersi per il completamento di Alptransit a sud di Lugano e per un effettivo trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia.

2. Impegnarsi nella prevenzione e mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, particolarmente marcati nelle valli sudalpine.

3. Concedere maggiore autonomia ai Cantoni, affinché si possano determinare salari minimi di tipo economico, per poter così combattere adeguatamente le situazioni di dumping salariale.

4. Istituire l’obbligo di annunciare tutti i posti vacanti direttamente all’URC, indipendentemente dal tasso di disoccupazione del settore economico, per favorire il reinserimento dei disoccupati residenti.

5. Istituire maggiori controlli sul mercato del lavoro e garantire serie misure di accompagnamento in merito alla libera circolazione delle persone, affinché il far west imprenditoriale del nostro cantone possa essere risolto.

6. Abbassare i premi dell’assicurazione malattia LAMal dato che il Ticino risulta maggiormente toccato dai recenti e costanti rincari dei premi dell’assicurazione obbligatoria.

7.Lottare per il rimborso complessivo degli importi di cassa malati pagati in eccesso da parte degli assicurati ticinesi".

L'agenda, per i Verdi, è chiara. "Auguriamo al neo eletto Ignazio Cassis buon lavoro per questa nuova avventura politica, nella speranza che possa essere un rappresentare per tutte e tutti i ticinesi e svizzeri", si chiude la nota. 

Pubblicato il 20.09.2017 12:20

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"