"Il meno a sinistra dei deputati a cui il PLR poteva attingere", l'UDC soddisfatto. "Cassis ci ha rassicurato su alcuni dossier. Le peculiarità ticinesi non sono ancora state colte a Berna"
I democentristi, "condividiamo l'idea di un reset dei rapporti con l'UE, il no alla ripresa automatica del diritto europeo, ai giudici stranieri, all'accordo quadro istituzionale con l'UE e alla clausola ghigliottina. E sensibilizzerà su frontalieri e accordo fiscale"
Politica
BELLINZONA - Non è un UDC, chiaramente, ma è il meno di sinistra fra i deputati fra cui il PLR poteva scegliere: i democentristi ticinesi sono dunque soddisfatti dell'elezione di Cassis, il quale, svelano, li ha rassicurati durante l'audizione su alcuni dossier fondamentali.

"L’UDC Ticino si unisce al corale applauso all’indirizzo nel neo-eletto consigliere federale ticinese. Pur riconoscendo che ci siano diverse posizioni divergenti da quelle del nostro partito – ed è normale, altrimenti militerebbe nell’UDC – Ignazio Cassis è, ai nostri occhi, meno a sinistra della media che si riscontra fra i deputati cui può attingere attualmente il PLR", scrive infatti il partito.

"Le visioni che ci uniscono - e sulle quali il nostro gruppo parlamentare è stato rassicurato dall’interessato in fase d’audizione - sono la necessità di un reset dei rapporti con l’UE, il no alla ripresa automatica del diritto UE, il no a giudici stranieri (implicito sostegno all’autodeterminazione della Svizzera), no all’accordo-quadro istituzionale con l’UE e alla clausola ghigliottina negli accordi bilaterali. Queste posizioni fanno ben sperare in una positiva evoluzione dei rapporti all’interno del Consiglio federale per ciò che riguarda la politica estera", proseguono

"A ciò si aggiunge la legittima rivendicazione di un seggio nel governo da parte del Ticino dopo 18 anni d’assenza, una lacuna colmata oggi con l’elezione di Ignazio Cassis. Siamo sicuri che la sua presenza in Consiglio federale potrà sensibilizzare in modo determinante quest’ultimo nei confronti delle peculiarità che distinguono il nostro cantone di frontiera dalle altre regioni della Svizzera (frontalieri, accordo fiscale con l’Italia, eccetera), peculiarità che non sembrano finora essere state recepite in tutta la loro importanza": doppia gioia, dunque.

Per questo, "l’UDC Ticino guarda con fiducia all’apporto che Ignazio Cassis darà al governo del nostro paese, mantenendo peraltro, come sempre fatto, un occhio critico sull’operato del Consiglio federale e dei singoli ministri. Detto questo, formuliamo i più sinceri auguri al neo-eletto: buon lavoro, Ignazio!". 


Pubblicato il 20.09.2017 13:00

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"