AreaLiberale contro corrente, "Cassis farà valere le aspettative locali senza però dimenticare che è stato eletto nell'interesse di tutta la Svizzera"
Il presidente Sergio Morisoli augura "tanta forza, coraggio e successo all'amico Ignazio per il ruolo storico, che a seconda di come lo si vuol leggere, il destino o la provvidenza gli hanno riservato". È convinto che "si apre un nuovo capitolo nei rapporti con Berna"
Politica
BELLINZONA - Una voce fuori dal coro, anche se arriva da una piccola forza politica. Se tutti parlano dell'elezione di Cassis come di un'occasione d'oro per portare gli interessi del Ticino a Berna, AreaLiberale fa notare come il liberale è stato eletto nell'interesse del suo Cantone ma anche di tutta la Svizzera.

"AreaLiberale ha seguito con interesse i mesi di campagna che hanno portato questa mattina all’elezione in Consiglio Federale del Dr. Ignazio Cassis.  Ci congratuliamo calorosamente con lui per il brillante risultato raggiunto.Dopo 18 anni di assenza ticinese in Consiglio Federale, gioiamo con tutte le ticinesi e i ticinesi per questa rinnovata fiducia espressa al Ticino da parte dell’Assemblea Federale.
Elezione che è segno inequivocabile di rispetto e di consolidamento fattivo del tanto a noi caro: federalismo elvetico", scrive infatti il presidente Sergio Morisoli.

"Si apre ora un nuovo capitolo nei rapporti con Berna, e siamo certi che il neo eletto saprà trovare i tempi e i modi adeguati per far valere le nostre aspettative locali; sempre tenendo conto e mai dimenticando che è stato eletto nell’interesse di tutta la Svizzera e non solo nostro", il passaggio chiave.

"A nome di tutta AreaLiberale, auguriamo all’amico Ignazio tanta forza, tanto coraggio e successo per il ruolo storico che, a seconda da come lo si vuol leggere, il destino o la provvidenza gli hanno riservato": significativa anche questa frase: Cassis si è trovato al posto giusto al momento giusto, che assieme alle sue doti lo hanno aiutato a riportare il Ticino a Berna. Un onere e un onore, quanto uno e quanto l'altro si vedrà. 

Pubblicato il 20.09.2017 15:36

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"