AreaLiberale contro corrente, "Cassis farà valere le aspettative locali senza però dimenticare che è stato eletto nell'interesse di tutta la Svizzera"
Il presidente Sergio Morisoli augura "tanta forza, coraggio e successo all'amico Ignazio per il ruolo storico, che a seconda di come lo si vuol leggere, il destino o la provvidenza gli hanno riservato". È convinto che "si apre un nuovo capitolo nei rapporti con Berna"
Politica
BELLINZONA - Una voce fuori dal coro, anche se arriva da una piccola forza politica. Se tutti parlano dell'elezione di Cassis come di un'occasione d'oro per portare gli interessi del Ticino a Berna, AreaLiberale fa notare come il liberale è stato eletto nell'interesse del suo Cantone ma anche di tutta la Svizzera.

"AreaLiberale ha seguito con interesse i mesi di campagna che hanno portato questa mattina all’elezione in Consiglio Federale del Dr. Ignazio Cassis.  Ci congratuliamo calorosamente con lui per il brillante risultato raggiunto.Dopo 18 anni di assenza ticinese in Consiglio Federale, gioiamo con tutte le ticinesi e i ticinesi per questa rinnovata fiducia espressa al Ticino da parte dell’Assemblea Federale.
Elezione che è segno inequivocabile di rispetto e di consolidamento fattivo del tanto a noi caro: federalismo elvetico", scrive infatti il presidente Sergio Morisoli.

"Si apre ora un nuovo capitolo nei rapporti con Berna, e siamo certi che il neo eletto saprà trovare i tempi e i modi adeguati per far valere le nostre aspettative locali; sempre tenendo conto e mai dimenticando che è stato eletto nell’interesse di tutta la Svizzera e non solo nostro", il passaggio chiave.

"A nome di tutta AreaLiberale, auguriamo all’amico Ignazio tanta forza, tanto coraggio e successo per il ruolo storico che, a seconda da come lo si vuol leggere, il destino o la provvidenza gli hanno riservato": significativa anche questa frase: Cassis si è trovato al posto giusto al momento giusto, che assieme alle sue doti lo hanno aiutato a riportare il Ticino a Berna. Un onere e un onore, quanto uno e quanto l'altro si vedrà. 

Pubblicato il 20.09.2017 15:36

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"