Gioia liberale. Caprara, l'artefice della strategia, "ciascuna strategia comportava dei rischi, oggi sappiamo che è vincente". L'emozione di Galusero, Farinelli arriva in mattinata
Tripudio, dopo la lunga tensione, per la rappresentanza liberale ticinese nella capitale. Vitta: "è un momento importante per il Ticino, con Cassis abbiamo la possibilità di portare a Berna i nostri problemi, come il mercato del lavoro, l'immigrazione e i rapporti con l'Italia"
Politica
BERNA – Festa grande in casa PLR: la delegazione ticinese ha seguito con trepidazione e entusiasmo sempre crescente i lavori dell’Assemblea, dal primo turno già favorevole a Cassis, dove regnava l’impressione che fosse ormai fatta, anche se nessuno lo avrebbe ammesso per scaramanzia, fino alla gioia incontenibile dopo l’annuncio dell’avvenuta elezione.

Si è emozionato, Giorgio Galusero, è arrivato in mattinata Alex Farinelli, cambiando programma all’ultimo. “Ha confermato di essere una persona modesta che si vuole mettere al servizio del Paese, e l’ha dimostrato nel suo discorso”, ha detto il capogruppo, ammirato dalla modestia del nuovo Ministro federale.

Regista di tutto questo, il primo a difendere sempre e comunque la strategia della candidatura unica, anche di fronte ad attacchi, e adesso gioisce. “Ogni strategia poteva essere criticabile, il successo lo cogliamo oggi, ma sapevamo che ogni scelta avrebbe comportato dei rischi. Altre personalità potevano essere presentate accanto a Cassis, perché non mancavano di certo, ma abbiamo capito che i romandi non avrebbero mollato di un centimetro e abbiamo dunque deciso di puntare sul candidato che aveva le migliori chance di essere eletto. Sapevo che sarebbe stata una competizione molto serrata e quindi non sono mai stato tranquillo, nonostante Ignazio fosse il favorito. Non era un’elezione scontata e aver raggiunto il traguardo al secondo turno è motivo di gioia”.

Poteva essere nella lista dei candidati, invece il PLR, oggi si può dire a ragione, ha puntato solo su Ignazio Cassis. Christian Vitta era seduto assieme al Presidente del Governo Manuele Bertoli e all’emozionatissima moglie di Cassis sulle tribune di Palazzo Federale, ed è felice: “Per il Ticino è un momento importante. Con l’elezione di Cassis abbiamo la possibilità di portare a Palazzo federale la sensibilità della Svizzera italiana sui nostri problemi, molto sentiti dalla nostra popolazione… pensiamo per esempio al mercato del lavoro o all’immigrazione, ma anche ai rapporti con l’Italia”. Un tema, soprattutto quello dei frontalieri, che anche Norman Gobbi è convinto che adesso avrà maggiore attenzione nella Capitale.


Pubblicato il 20.09.2017 16:05

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"