Albergo, centro medico, aree svago, ristorazione ed anche... una piazza per Rivera. Presentato l'avveniristico progetto del Tamaro Village
La famiglia Cattaneo ha mostrato ieri in una serata pubblica i disegni dell'architetto Rivola e dell'ingegner Tami. Il costo stimato è di alcune decine di milioni di franchi, e darebbe qualcosa in più non solo a Rivera ma anche a Monteceneri. Possibile un collegamento con lo Splash e Spa...
Bellinzonese
RIVERA - Quando si sogna, è bello e giusto farlo in grande. E il progetto presentato ieri riguardo al fturo Tamaro Village ha tutte queste caratteristiche. È completo, avveniristico, affascinante, e coinvolge non solo Rivera ma anche Monteceneri.

L'idea è della famiglia Cattaneo, la realizzazione dei disegni e del progetto dell'architetto Christian Rivola dell'aterlier Ribo+ di Cadenazzo e dell'ingnegner Sergio Tami dello studio IFEC Ingengneria di Montenceri. Costo stimato: diverse decine di milioni di franchi.

Ma cosa comprenderà questo Tamaro Village? Il tutto verrebbe realizzato vicino allo Splash e Spa, vicino a due arterie stradali importanti. Con un possibile collegamento al centro balneare potrebbe esserci un centro per la medicina sportiva, però c'è spazio anche per tanto svago.

Prima di tutto, si pensa a un albergo, un tre stelle superior con un'ottantina di camere e venti appartamenti,poi spazi adibiti al turismo come info point, spazi commerciali di prossimità, ovvero funzionali al tipo di turismo della zona (qualcosa, per esempio, per il noleggio e la vendita delle mountain bike), senza scordare aree svago per i bambini e ristorazione.

Un progetto che darebbe certamente un quid in più alla zona, e Rivera si ritroverebbe anche con una piazza ad anfiteatro, che fa parte dell'idea e che colmerebbe un'assenza nella cittadina. 


Pubblicato il 22.09.2017 11:30

Guarda anche

Bellinzonese
La Polizia è dovuta intervenire alla sala del Centro Civico di Arbedo, dove un gruppo di ragazzi, fra cui dei minorenni, stava festeggiando un compleanno: ad avvertire sono stati i vicini, disturbati dal rumore. Gli agenti hanno trovato anche tanta sporcizia. E le domande sorgono spontanee
Bellinzonese
Il treno a lunga percorrenza che ha investito il giovane, transitano abitualmente a circa 80 km/h
Bellinzonese
Il ragazzo ieri pomeriggio era stato urtato da un treno in transito senza fermata alla stazione, per cause che l'inchiesta dovrà stabilire. Le sue condizioni erano apparse subito gravissime, e stanotte ha perso la sua battaglia per la vita
Bellinzonese
Il giovane si trovava alla stazione di Giubiasco, il convoglio era in transito senza fermata. L'inchiesta ora dovrà stabilire come mai è stato investito, intanto per soccorrerlo sono arrivate la Croce Verde di Bellinzona e la Rega, oltre alla polizia dei trasporti