Previdenza2020 bocciata, passa nettamente la sicurezza alimentare
Solo sei cantoni tra cui il Ticino dicono sì al decreto, diciotto bocciano la legge di riforma, per quanto riguarda le percentuali sconfitte più risicate, col 50,05% e il 52,7%. Trionfo per la sicurezza alimentare, che conquista tutti i cantoni e 79% di sì
Politica
BERNA – La Riforma Previdenza2020 affonda e viene bocciata alle urne.

La riforma conteneva due oggetti: il decreto sul finanziamento aggiuntivo dell'AVS attraverso l'IVA e la legge federale di riforma.

Per quanto concerne il decreto, no di Uri, Svitto, Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Ginevra, Zugo, Basilea campagna, Soletta, Sciaffusa, Appenzello Esterno, Appenzello Interno, San Gallo, Grigioni, Argovia e Turgovia. Il Ticino, assieme a  Zurigo, Berna, Lucerna, Friburgo, Basilea Città, Vaud, Vallese, Neuchâtel, e Giura, dice dunque sì.

Diciotto invece i Cantoni che dicono no alla legge di riforma.

Più stretta la vittoria dei no a livello di percentuali: solo 50,05% dei votanti dice no al decreto, mentre il 52,7% boccia la riforma.

Tutti i Cantoni e il 79% delle persone che si sono recate alle urne dicono invece sì alla legge sulla sicurezza alimentare.


Pubblicato il 24.09.2017 16:24

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"