Diversamente a sinistra. I comunisti felici della bocciatura di Previdenza2020, "dobbiamo indebolire le casse pensioni private"
Se i socialisti e i sindacati si rammaricano per il no alla riforma, il Partito Comunista esulta. "La tesi del meno peggio non ha retto, il nostro paese si sa ancora mobilizzare. Il compromesso prevedeva l'aumento della tassa più anti-sociale che esita, ovvero l'IVA"
Politica
BELLINZONA - Diversamente al resto della sinistra, "il Partito Comunista si rallegra della bocciatura della Previdenza 2020 da parte del popolo svizzero".

Secondo il PC, infatti, "la tesi del “meno peggio” enfatizzata da una parte della sinistra non ha retto: quello delle pensioni è un tema infatti per cui i cittadini e i lavoratori nel nostro Paese si sanno ancora mobilitare e una tale dinamica andava valorizzata e non bloccata con un compromesso al ribasso, che prevedeva l’aumento della tassa più anti-sociale esistente (l’IVA) e l’aumento dell’età pensionabile delle donne lavoratrici".

Non finisce comunque qui: "Se i partiti borghesi spingeranno per portare l’età pensionabile a 67 anni ci sarà sicuramente una nuova battaglia, perché la soluzione non è quella di ridurre i diritti del lavoro, ma piuttosto quella di rivedere tutto il sistema dei tre pilastri, rafforzando l’AVS e indebolendo il ruolo (fino alla loro scomparsa) delle casse pensioni private": una battaglia e un cambiamento epocali, insomma. 

Pubblicato il 24.09.2017 21:13

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"