Accordo fiscale, c'è una nuova scadenza. "Firma entro la fine dell'anno"
È ciò che è trapelato dall'incontro bilaterale, a margine della quarta edizione del Forum di dialogo fra Svizzera e Italia, di Didier Burkhalter con Angelino Alfano
Estero
LUGANO - L'accordo fiscale tra Svizzera e Italia? Dovrebbe essere firmato entro la fine dell'anno.

La notizia è trapelata dall'USI di Lugano, dove Didier Burkhalter, ai suoi ultimi giorni come Consigliere Federale, ha incontrato con il suo omologo italiano Angelino Alfano, nell'ambito della quarta edizione del Forum di dialogo fra Svizzera e Italia.

Burkhalter ha anche scherzato sul numero di Ministri degli Esteri italiani che ha incontrato durante il suo mandato, ben sei. "Non li hanno mandati via per colpa mia, e qualcuno, come Paolo, ha fatto carriera. Penso a Gentiloni, non a Beltraminelli...". Battuta forse interpretabile, visto il momento complicato politicamente vissuto dal pipidino.

Comunque, i due Ministri, a margine del Forum, hanno avuto una riunione bilaterale, da cui sarebbe emersa la nuova scadenza per la firma dell'accordo fiscale: se così fosse, sarebbe smentito chi afferma che l'Italia non ha nessun interesse a concludere prima delle elezioni. 


Pubblicato il 09.10.2017 13:40

Guarda anche

Estero
Il noto politologo analizza con noi i risultati in Lombardia, Veneto e Catalogna. "Significano che non c'è più un consenso politico unanime né a livello regionale né a livello nazionale. Ciò che accomuna le situazioni è la politicizzazione dell'identità in nome del benessere economico"
Estero
Forza Italia sta raccogliendo firme per far sì che le due province lascino il Piemonte e diventino lombarde, Maroni sarebbe pronto ad accoglierle. Chiamparino, "le istituzioni non devono dar seguito a iniziative minoritarie". Ma non è la prima volta che una zona italiana parla di Svizzera...
Estero
Il Governatore Luca Zaia non vuole essere uno stato a sé e si ispira al nostro Paese. "Con un referendum a cui diranno sì tutti i partiti. andrò a Roma con la forza del popolo alle spalle. Vorrei più Stato dove ci vuole più Stato, meno stato dove ce ne vuole di meno. Ma niente scontri"
Estero
Nel fine settimana si vota per l'autonomia, che non è assolutamente l'indipendenza. Ma un media ha fatto la domanda ai milanesi. "Siamo una delle Regioni più volute economicamente, ci starebbe". "Magari meglio a statuto speciale...". "Dopo quello che è successo in Spagna, non saprei"