"Una categoria fortunata, ma sottoposta ad attacchi e con alcune problematiche specifiche". Da domani i frontalieri avranno il loro giornale Video
Si tratta di un mensile, chiamato appunto "Il Frontaliere", distribuito gratuitamente, che sarà affiancato da un portale dove i lavoratori italiani in Svizzera potranno trovare informazioni normative, fiscali e risposte di esperti. La tiratura sarà di 22mila copie GUARDA IL VIDEO
Estero
COMO – I frontalieri sono ormai una sorta di comunità, con caratteristiche e problematiche non sempre evidenti per chi non conosce il mondo e non vive l’esperienza quotidianamente. Ma lavorare al di là del confine vuol anche dire scontrarsi con norme che, come sempre, non sono sempre facilmente comprensibili. Da domani sarà dunque disponibile un giornale dedicato ai frontalieri, dal titolo, appunto, “Il Frontaliere”.

Sarà un mensile, e verrà distribuito gratuitamente ai valichi di frontiera di Chiasso Brogeda, Chiasso Strada, Maslianico, Bizzarone, Ponte Faloppia, Oria Gandria, Ponte Tresa, Gaggiolo, Cremenaga, Piaggio Valmara Madonna di Ponte e negli esercizi commerciali della fascia di confine delle province di Como, Varese e Verbano Cusio Ossola, per un totale di 22mila copie. 

“Si tratta chiaramente di una massa critica importante, assoggettata a normative particolari, che variano da Stato a Stato. In alcuni casi poi – soprattutto in Svizzera – la categoria è sottoposta ad attacchi feroci da parte di alcune forze politiche, che ormai da anni hanno avviato campagne sistematiche contro i frontalieri”, ha detto il direttore editoriale Claudio Ramaccini, che vuol far passare l’immagine di un gruppo di lavoratori per certi versi fortunato, ma anche soggetto a disagi quali quelli della lunga percorrenza sulle strade da affrontare ogni giorno.

Il mensile conterà 48 pagine a colori, e tratterà argomenti normativi e fiscali oltre che di aggiornamenti.
A fianco a esso, è stato pensato anche un portale, http://www.ilfrontaliere.org, dove poter trovare anche risposte da parte di esperti a vari problemi, e ovviamente ci saranno le pagine social. Domani sarà distribuito il primo numero.


Pubblicato il 10.10.2017 14:27

Guarda anche

Estero
Il Mattino ritorna attaccando la nuova linea ferroviaria. Zali smorza i toni chiedendo tempo, mentre Caverzasio e Robbiani attaccano "collegamenti soppressi e ritardi, inconcepibile. Difficile far peggio". Tutti citano i Park and Rail, sarebbero realmente la soluzione?
Estero
I giovani UDC hanno risposto con parole poco carine (per usare un eufemismo) alla petizione della GISO, attaccando Tamara Funiciello. Oggi il presidente degli Stati Uniti è tuonato contro Haiti, El Salvador e alcuni paesi africani. Insomma, quando parla il Tycoon o si parla di lui, il linguaggio cambia...
Estero
"Rappresenta sessismo, xenofobia, preclusione, negazione dei cambiamenti climatici e politiche economiche arretrate, è una minaccia per il progresso, per la sicurezza e per l'ambiente", si legge in una petizione oline che vorrebbe chiedere al Consiglio Federale di non farlo partecipare al Forum di Davos
Estero
Pochi passeggeri, saliti prevalentemente a Stabio, sulla nuova linea che collega Ticino e Lombardia. Ma qualcosa è andato storto: il convoglio delle 7.07 è partito da Camerlata con 57 minuti di ritardo, quello delle 8.06 da Varese è stato cancellato. Alla TILO sono però soddisfatti