È battaglia fra UDC e PLR. "Valenzano Rossi, non tutti acconsentono a sottostare al suo regime poco democratico, forse nemmeno nella parrocchia sua. In Gestione avremmo chiesto se..."
La capogruppo liberale ha criticato le 101 domande inviate al Municipio, i democentristi replicano: "ne avremmo discusso, se ne avessimo avuto la possibilità e non fosse stato lasciato sottintendere che le trattative erano già discusse e concordate fra pochi intimi"
Luganese
LUGANO - Fra UDC e PLR sull'aeroporto è battaglia, con parole pesanti e accuse incrociate. Che i democentristi stiano vivendo questo dossier in modo un po' diverso si sa, come è noto che non hanno per nulla gradito le nomine definite politiche per il CdA della LASA. E anche il messaggio del credito di 21 milioni non li ha mai convinti, da qui le 101 domande inoltrate al Municipio.

Karin Valenzano Rossi, capogruppo PLR, si è detta allibita da quella che ritiene essere un'azione di marketing politico, e ha ricevuto una dura risposta. "La Signora Valenzano, astro nascente del PLRT, dovrebbe a nostro avviso identificare meglio la sua parrocchia e dov’è dislocata, invece come di frequente dettare l’agenda politica anche agli altri partiti senza naturalmente mai ascoltar ragioni: battute e scherni sono infatti all’ordine del giorno ma per fortuna non tutti acconsentono di sottostare al suo regime poco democratico e forse nemmeno in parrocchia sua", attacca l'UDC. "La capogruppo non ha infatti considerato una possibile opposizione da un partito all’opposizione come il nostro, cosi come gli strumenti, a libera scelta dalla LOC, da utilizzare correttamente. (qualche lezioncina di civica non guasterebbe cara capogruppo) 

La liberale ha detto che del tema si poteva parlare in Commissione della Gestione, dove hanno una rappresentante, Raide Bassi. "Certamente ne avremmo parlato, e molto più che volentieri, nelle sedute da lei menzionate, se ne avessimo avuto la possibilità, invece di lasciar sottintendere che le trattative erano già state precedentemente discusse e concordate (naturalmente con pochi intimi, quelli che bastavano per far passare le nomine in Consiglio Comunale) in riferimento alle “poltroncine” della LASA", ribatte il partito democentrista.

"L’interrogazione inoltrata (forse 101 domande non basteranno nemmeno) va a evidenziare alcuni aspetti che a priori andavano già esaminati prima della fase d’allestimento del messaggio municipale dagli addetti ai lavori. Così come i partiti avrebbero dovuto chinarsi sulle problematiche e sugli sviluppi futuri. Pur essendo in pochi noi quest’estate ci siamo impegnati a capir meglio, tramite l’aiuto di esperti, il funzionamento di un aeroporto e tutto quanto gira attorno ad esso", bacchettano poi, terminando con un "abbiamo a cuore questo aeroporto e per questo prima di votare crediti milionari desidereremmo capire se altri sono sulla stessa frequenza d’onda o si fermano puramente a meri giochi partitici e a spartizioni di poltroncine considerate marketing pure queste: o ci sbagliamo, Valenzano?".




Pubblicato il 11.10.2017 16:47

Guarda anche

Luganese
Non è chiaro cosa sia accaduto realmente sabato notte vicino al Quartiere Maghetti. Pare si sia trattato di un regolamento di conti fra due bande, e l'accoltellatore è ancora in fuga, forse in Italia. Le forze dell'ordine cercano dunque ulteriori filmati o testimonianze
Luganese
All'origine della maxirissa di Lugano ci sarebbe un regolamento di conti legato a droga o a prostituzione. Il liberale: "c'è lassismo che porta a recidiva, perdita di fiducia nelle istituzioni e scoramento". Il leghista: "siamo un sobborgo di Rio? E l'Hotel La Stampa..."
Luganese
La rissa è scoppiata poco prima delle 4 del mattino fuori da un locale pubblico. I feriti non sono gravi seppur riportano lesioni da arma da taglio alle braccia e alle gambe. Le indagini sono in corso
Luganese
Era attesa, ed è arrivata nell'edizione odierna, la replica del direttore del CdT alla presa di posizione di Falò. "Comprensibile e pacata la reazione del sindacato Unia, ridicolmente indecenti le altre, soprattutto in quel di Comano". E esprime perplessità sulla CPI